La mia mappa interattiva dell’Europa: foto, video, storia e tanto altro di ogni stato! Ho visitato tutte le nazioni tranne l’Albania

fisso

Da sempre ho avuto la passione di viaggiare ed immortalare questi momenti con degli scatti fotografici. Il mio sogno da bambino era quello di visitare tutti gli stati dell’Europa….ed entro questo 2018 sicuramente riuscirò nell’impresa di realizzare questo mio sogno!
MANCA SOLTANTO L’ALBANIA E AVRO’ MESSO PIEDE IN TUTTE LE NAZIONI DELL’EUROPA.

Cliccate sopra la superficie di una nazione per visionare la mia esperienza con foto, video, guide e altro ancora
copertina

Il mio giro del mondo tra 48 Nazioni diverse: I Viaggi di Speedy

fisso

Dopo anni e anni di girovagare per il mondo, da qualche mese mi frullava in testa l’idea di fare un video riassuntivo con alcuni spezzoni significativi degli ultimi anni! Per motivi di qualità video non ho inserito i video dei primi anni … spero sia di vostro gradimento 🙂

Instagram https://instagram.com/iviaggidispeedy/
YouTube https://www.youtube.com/iviaggidispeedy
Twitter https://www.twitter.com/iviaggidispeedy
Facebook PERSONALE https://www.facebook.com/speedy83
Facebook FAN PAGE https://www.facebook.com/iviaggidispe…
BLOG http://www.giuseppespitaleri.com

Expo 2017 Astana (Kazakhstan) Future Energy from Expo Milan 2015

fisso

In recent years we Italians have been bombarded by thousands and thousands of news about the all-important international exhibition Expo 2015 which was held from 1 May 2015 until 31 October 2015. For Italy was an outstanding global showcase which brought tremendous opportunities for new jobs, infrastructure, business and much more mainly for the city of Milan.

But ask yourself the question: “Where and when will be the next edition of Expo after that of Milan?

If you have visited the Expo Milan 2015 you could havd seen with your own eyes that the Kazakhstan pavilion showed the inscription “Kazakhstan 2017”: in fact, the next city to host Expo with its theme “Energy Future” will be the capital Astana from 10 June 2017 till 10 September 2017. You will then see all of the issues related to the energy responsible, sustainable forward thinking.

logo_expo_2017_astana_kazakhstan_future_energy1expo_2017_astana_kazakhstan_www-giuseppespitaleri-com_044

I have just returned from Astana last week and I have to say that I was really impressed by this beautiful city where the preparations for the upcoming World Expo 2017 in full swing and every corner of the city recalls this mega event to be held in this new city and in a country relatively unknown. The success of the Expo is estimated to take about 5 million visitors and definitely will help the whole world to discover Kazakhstan and mainly its capital Astana, which in my opinion is comparable to a small Dubai without sea.
expo_2017_astana_kazakhstan_www-giuseppespitaleri-com_045

Some information about “Astana Expo 2017”
(Kazakh / Russian “Астана ЭКСПО-2017”)

Look at the photo book of "Astana Expo 2017

Look at the photo book of “Astana Expo 2017

3 MONTHS FOR EXPO 2017

The opening of Expo 2017 Astana will run for three months from June 10 to September 10, 2017

SIZE EXHIBITION
If Milan has dedicated about 110 hectares, here in Astana the total area of the exposition is 174 hectares, of those 25 hectares will accommodate the following EXPO facilities: National Pavilion; Best Practices Area Pavilion; international pavilions for more than 100 countries of the world; thematic pavilions which will demonstrate evolution of the exposition theme. Overall, 38 facilities will be built within the exposition area.
expo_2017_kazakhstan_astana_www-giuseppespitaleri-com_2

ENERGY THEME
The theme of exposition – Future Energy, will help Kazakhstan to develop innovations, which include green technologies based on new fundamental discoveries, new physics, developments of Nikola Tesla. Exposition facilities built for this event will further form part of Astana.

A HALL WORLD

Contrary to what happened in Milan, participating countries will be collected in a single World Pavilion. Here, each State is invited to make its contribution to energy efficiency.
expo_2017_kazakhstan_astana_www-giuseppespitaleri-com_4

WORKS

The peak of construction and installation work will occur in 2015, with all work to be generally completed in October 2016. Then participant countries will start installation and furnishing of their pavilions.Domestic companies are involved in EXPO construction to the maximum extent possible. 50 to 100 small and medium-size companies from Kazakhstan are expected to be engaged in construction. At present, over 3500 employees work at the construction site, and this number will further grow. The total number of employees working at the facilities at the finishing phase will reach 10,000. Most of them will be Kazakhstan nationals.
I have personally visited the area the 2 October 2016 and I can say that about 85% -90% of the site where you will ‘Expo’ already ‘been realized.

SYMBOL OF EXPO 2017

The symbol of EXPO-2017 will be the pavilion of Kazakhstan in the form of the biggest complete sphere in the world: diameter of 80 meters and 26 thousand square meters of volume. In addition to the Museum of the Future, The Sphere will accommodate a museum telling the history of the country and the history of Kazakhstan nations. To-date, foundation for this building has been completed.
expo_2017_kazakhstan_astana_www-giuseppespitaleri-com_1

PARTICIPATING COUNTRIES

As of today, 104 countries and 17 international organizations have officially confirmed their participation in EXPO-2017, including Italy, Russia, Germany, Japan, Turkey, Israel, France, India and many others. Each participating country it’s depicted in the center of Astana with a little man with the colors of their flag and some important national monuments.
expo_2017_astana_kazakhstan_www-giuseppespitaleri-com_047expo_2017_astana_kazakhstan_www-giuseppespitaleri-com_048

 

Impact of EXPO-2017 on the Development of Kazakhstan and Astana

As an outcome of this exposition, Astana may become an efficient forum for demonstration of the best world’s developments and trends in the area of utilizing solar, wind, biogas, marine current and thermal water energy. It will present the best knowhow, groundbreaking and advanced projects in the area of conventional and alternative energy generation and consumption.
Facilities built for EXPO will help Kazakhstan in future to be regarded as a large international exposition, information and presentation forum.
Particular focus is made on post-exposition use of EXPO facilities. Each foot is planned as early as now, at the design stage. For example, spaces with the height of 8 meters have special inter-floor beams in the walls, so that they could further be reconstructed into standard office spaces. Funds have already been budgeted for the post-exposition refurbishment of the facilities.

EXPO History for Kazakhstan

The history of EXPO for Kazakhstan dates back to 2008, when Kazakhstan`s delegation headed by President of the country Nursultan Nazarbayev visited EXPO World’s Fair in Zaragoza, Spain. Just like a century ago, expositions continue to generate and consolidate brilliant scientific innovations, provide an impetus to the development of host countries and cities and generally become a powerful incentive for economic development of the countries.

  • 2010: Vicete Loscertales, Secretary General of BIE, first visited our country in order to have an initial discussion of any matters relating to specific plans of Kazakhstan with respect to exposition with the leadership of the country. One year later, Kazakhstan filed an application to host EXPO, where its major competitor was Liege, Belgium.
  • 14 March 2012: President of Kazakhstan had a meeting in Astana with the Expert Commission of the Bureau of International Expositions, at which he reiterated that implementation of EXPO-2017 is the national project for Kazakhstan.
    “Today, we are happy to demonstrate capabilities of our country as an applicant for 2017 exposition. We are fully committed to preparation and implementation of EXPO-2017, in case of favorable resolution of the Commission. Let us deem the national project”, – noted President of the Republic of Kazakhstan.
    It is worth noting that Liege was a very serious competitor – Belgium has previous experience of hosting international expositions, stable political system and well-established diplomatic relations with other countries. What concerns members of the Bureau of International Expositions is that Kazakhstan is the first country in the post-Soviet area applying for the right to host exposition.
    The turning point from the decision-making perspective was EXPO International Conference in 2012, the participants of which were surprised with the scope of construction, pace and opportunities of Astana development.
  • 22 November 2012: Ballot vote held in the BIE headquarters in Paris at the 152nd session of the General Assembly of the Bureau of International Expositions. Astana surpassed Liege with a big edge of 103 votes.
  • 22 October 2013: Evaluation of results of the international architectural tender for the best design concept of EXPO-2017 exposition center. More than 50 architects from around the world submitted their bids for the best design tender. The best design was selected from 10 shortlisted bids; Adrian Smith + Gordon Gill Architecture LLP, US presented it. Their advantage is that, in addition to extensive construction experience, this company is also experienced in the area of green economy.
  • 24 April 2014: President Nazarbayev laid a capsule within the territory of future Exposition Center EXPO-2017, which symbolized commencement of construction. According to regulations of the Bureau of International Expositions (BIE) EXPO construction is not to be started prior to handover of the flag. However, due to severe weather conditions in Astana, BIE responded favorably and the following preparatory work started immediately after laying of the capsule: reclamation, fencing of the area, laying of utility networks, etc.
  • 21 May 2014: Conference EXPO-2017 – Energy for Sustainable Development was held as part of the VII Astana Economic Forum. It was the first public event related to preparation for EXPO-2017 involving both Kazakhstan and international community.
  • 11 June 2014: Kazakhstan was officially handed the flag of EXPO-2017 in Paris at the 155th session of the General Assembly of the BIE.
  • 14 June 2014: BIE approved registration dossier of Astana for the implementation of EXPO-2017. The registration dossier is a final plan for the implementation of exposition, which includes all technical documents for exposition facilities, detailed design, schedule of engineering and construction, communication plan, etc.
  • 22 October 2014: Astana organized the first meeting of international participants of EXPO-2017. Representatives from over 70 countries of the world were invited to take part in that meeting; they were sent official invitations to participate in EXPO. Forum “Future Energy: Reduction of СО2 Emissions” was held as part of this meeting, the attendance exceeded 200 people.
    Vicente Loscertales, Secretary General of the BIE, has been visiting Astana twice a year in order to inspect EXPO facilities under construction. During his last visit that took place on March 19, 2015, Vicente Loscertales noted that the construction was ahead of schedule.
    expo_2017_astana_kazakhstan_www-giuseppespitaleri-com_030


If you go in Kazakhstan I recommend this App (PC/SMARTPHONE)
Kazakhstan Land of the Great Steppe

kazakistan_app

A one-of-a-kind high quality interactive application, presenting multimedia on the most representative geographic, political, touristic, historical, economic facts about Kazakhstan. Contains hundreds of high quality unique photographs, videos, 3D objects, panoramic tours, interactive charts, and innovative maps. It should be of interest to anyone who wants to learn about the world’s ninth largest country, including tourists, students, and business people. Available in English, Russian, and Kazakh.
“Kazakhstan Land of the Great Steppe” is product of Minister of Foreign Affairs of the Republic of Kazakhstan (Kazakh Сыртқы істер министрлігі, Russian: Министерство иностранных дел) is the Kazakh government ministry which oversees the foreign relations of Kazakhstan.

    • You can run the online new application “Kazakhstan Land of the Great Steppe” by clicking on the following link
    • You can also download the extended version of the application as a file and subsequently install it on your PC clicking on the following link
    • Mobile device versions are available in App Store and Play Store.

 

apple_iphone_store androidplaystore


Discover Astana / Откройте Астана
351 photos


Discover Astana / Откройте Астана Арена
93 photos

 

Un salto nel mondo tra mari e montagne, vulcani e geysir. 48 nazioni diverse #iviaggidispeedy

fisso

IL MIO MARCHIO DI FABBRICA: I SALTII salti di Speedy

Il mio marchio di fabbrica che è presente anche nel logo del mio blog sono i salti! Tutto ebbe inizio al Teatro Nazionale Croato di Zagabria nell’estate 2011 quando per la prima volta i miei amici (dopo vari tentativi) riuscirono ad immortalarmi in volo e da quel momento in poi non ho smesso più di saltare: tra mari e montagne, vulcani e geyser, città e villaggi, in tutti questi anni non ho perso l’occasione di fare questo tipo di foto in giro per il mondo.

Clicca qui per visionare tutte le foto "in volo" girovagando per il mondo

Visionatutte le foto “in volo” girovagando per il mondo


 

Un salto alla Cattedrale metropolitana dei Santi Stanislao e Ladislao con la torre campanaria di Gedimino, alta 57 metri. di Vilnius (Lettonia)Salto alla Cascata cascata Ru De Rialt di AllegheUn salto a Castelfranco Veneto (Italia)Un Salto nella Piazza del Mercato di Cracovia (Polonia)Un Salto nella Piazza del Mercato di Cracovia (Polonia)Un salto sulle Dolomiti Un salto a Passo Pordoi 2240 metriUn salto sulle Dolomiti Un salto sulle Dolomiti Un salto al Ponte Vecchio di Firenze (Italia)Un salto al Castello di Eggenberg a Graz (Austria)Un salto al municipio di Graz (Austria)Un Salto nel Lago d'Antorno 1866 slm (Dolomiti - Italy)Un Salto nel Lago di Misurina 1754 slm (Dolomiti - Italy)Un Salto nel Lago di Misurina 1754 slm (Dolomiti - Italy)Un salto al Teatro dell'Opera di Leopoli.Leopoli (Ucraina)Un salto al Teatro dell'Opera di Leopoli.Leopoli (Ucraina)Un salto al Teatro dell'Opera di Leopoli.Leopoli (Ucraina)Un salto a Piazza Rossa a Mosca (Russia) 2016Un salto a Piazza Rossa a Mosca (Russia) 2016Un salto sul Vesuvio (Italia)Un salto alla Moschea Blu di Istanbul (Turchia)Un salto alla Cattedrale di Aleksandr Nevskij di Sofia (Bulgaria)Un salto in Sicilia nella Valle dei Templi di Agrigento (Sicilia/Italia)Un salto alla Cattedrale dell'Ascensione ad Almaty (Kazakhstan)Un salto ad Almaty (Kazakhstan)Un salto lungo le montagne che portano al Big Almaty Lake (Kazakhstan)Un salto lungo le montagne che portano al Big Almaty Lake (Kazakhstan)Un salto ad Almaty (Kazakhstan)Un salto ad Astana (Kazakhstan)Un salto al Partenone di Atene (Grecia)Un salto allo stadio Panathinaiko di Atene (Grecia)Un salto lungo la trada da Bishkek che porta al Lago Issyk-Kul (Kyrgyzstan)Un salto nel Castello di Dracula a Bran (Romania)Un salto nel Castello di Dracula a Bran (Romania)Un salto all'Atomium di Bruxelles (Belgio)Un salto a Bucarest (Romania)Un salto al parco memoriale della seconda guerra mondiale. Chisinau (Moldavia)Un salto sull'Isola di Comino (Malta)Un salto alla Sirenetta (Den lille Havfrue) di Copenaghen (Danimarca)Un salto a Passo San Pellegrino sulle Dolomiti (Italia)Un salto nella spiaggia del Bue Marino sull'Isola di Favignana (Trapani/Sicilia/Italia)Un salto nella spiaggia di Cala Azzurra sull'Isola di Favignana (Trapani/Sicilia/Italia)Un salto nella spiaggia di Cala Azzurra sull'Isola di Favignana (Trapani/Sicilia/Italia)Un salto al Ponte Vecchio di Firenze (Italia)Un salto al Parco Naturale delle Dune di Corralejo . Fuerteventura, Isole Canarie (Spagna)Un salto alla Playa de Sotavento. Fuerteventura, Isole Canarie (Spagna)Un salto alla Cattedrale di Helsinki (Finlandia)Un salto nel lago glaciale Jökulsárlón (Islanda)Un salto on the road verso il ghiacciaio Mýrdalsjökull (Islanda)Un salto nella cascata Skógafoss (Islanda)Un salto nel lago glaciale Fjallsárlón (Islanda)Un tuffo alla Laguna Blu (Blaa lónið) IslandaUn salto nella cascata Skógafoss (Islanda)Un salto all'Isola Grande (detta anche Isola Lunga) di Marsala (Trapani/Sicilia/Italia)Un salto alla moschea Qol-Şärif a Kazan. Tatastan (Federazione Russia)Un slto alla Cattedrale dell'Annunciazione del Cremlino di Kazan (Tatastan/Federazione Russa)Un salto alla Cattedrale di Santa Sofia a Kiev (Ucraina)Un salto al Teatro dell'Opera di Leopoli.Leopoli (Ucraina)Un salto al Teatro dell'Opera di Leopoli.Leopoli (Ucraina)Un saltocon la Lampada gigante a piazza Lilla Torg, Malmö (Svezia)Un salto in Piazza Umberto I a Mezzojuso (Palermo) con la La Chiesa Matrice latina dell'Annunziata e la Chiesa Matrice greca di San Nicola (Sicilia/Italia)Un salto a Piazza Rossa a Mosca (Russia) 2014Un salto ad Almaty (Kazakistan)La mia faccia sui manifesti Vueling AirlinesUn salto al Palazzo Danzante di Praga (Repubblica Ceca)Un salto nela piazza di San Venceslao a Praga (Repubblica Ceca)Un salto a Ragusa Ibla (Sicilia/Italia)Un salto nella chiesa del Salvatore sul Sangue Versato a San Pietroburgo (Russia)Un salto nella chiesa del Salvatore sul Sangue Versato a San Pietroburgo (Russia)Un salto a San Vito Lo Capo, Trapani (Sicilia/Italia)Un salto al Parco archeologico di Selinunte, Trapani (Sicilia/Italia)Un salto al Parco archeologico di Selinunte, Trapani (Sicilia/Italia)Un salto a Plaza de Toros di Siviglia (Spagna)Un salto nela Cattedrale di Santa Maria della Sede a Siviglia (Spagna)Un salto a Plaza de España a Siviglia (Spagna)Un salto alla spiaggia Las Teresitas, Isola di Tenerife (Isole Canarie - Spagna)Un salto alla spiaggia La Tejita sull'Isola di Tenerife (Isole Canarie - Spagna)Un salto sull'Isola di Tenerife( Isole Canarie - Spagna)Un salto al Palazzo del Governo di Tiraspol (Transnistria/Moldavia).Un salto a Tiraspol capitale dello stato fantasma della Transnistria (Moldavia)Un salto alle Saline di Nubia a Trapani (Sicilia/Italia)Un salto lungo la scalata al cratere dell'Isola di Vulcano, Isole Eolie (Messina/Sicilia/Italia)Un salto al cratere del'lIsola di Vulcano, Isole Eolie (Messina/Sicilia/Italia)Un salto alla Statua della madrepatria A Yerevan (Armenia)Un salto al Teatro Nazionale Croato di Zagabria (Croazia)Un salto nella Cattedrale Aleksandr Nevskij a Tallinn (Estonia)Un salto dal castello Toompea di Tallinn (Estonia)Un salto alle Tre Cime di Lavaredo (Dolomiti)Un salto a Brasov (Romania)Un salto a Odessa (Ucraina)Un Salto ad Astana (Kazakhstan)Un Salto nel Big Almaty Lake (Kazakhstan)Un salto a Piazza San Marco a Venezia (Italia)Un salto nella collina delle Croci di Vilnius (Lettonia)Un salto alla Cattedrale di Zagabria (Croazia)Un salto al Teatro Nazionale Croato di Zagabria (Croazia)Un salto in Val di Zoldo (Dolomiti)

Iscriviti alla newsletter gratuitamente – I viaggi di Speedy – Giuseppe Spitaleri (travel blogger)

fisso

Guarda le mie ultime foto su Instagram

fisso

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.

 

VIDEO – On the road con un fuoristrada per 2400 KM in Islanda – 12 giorni di avventura

fisso

 

 

Un viaggio lungo 2400 km percorrendo l’intero perimetro islandese su un fuoristrada!!! Un’esperienza unica e irripetibile, pazza e selvaggia!
L’Isola è nota per la sua attività vulcanica ancora prima che, nel 2010, la gigantesca nuvola di cenere prodotta dall’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull mettesse in ginocchio il traffico aereo e l’economia europea.
Isola geologicamente molto giovane con una forte attività vulcanica e geotermica che ne caratterizza il paesaggio. Fiumi e cascate (per lo più alimentate dal Vatnajokull, il più grande ghiacciaio d’Europa) scorrono in zone vulcaniche inaccessibili, mentre i territori interni portano ancora i segni della loro genesi, intaccati solamente dall’erosione del vento e dei ghiacci. Scenari lunari creati dal transito della lava, distese di muschio, colline verdeggianti, ghiacciai che si gettano in mare. Poi geyser, soffioni, sbuffi e calde pozze naturali dove immergersi mentre fuori c’è il gelo, deserti di lava, fiordi, fiumi, laghi e cascate a non finire.

Il giro delle Tre Cime di Lavaredo: l’anello delle Dolomiti / Drei Zinnen Dolomites Ring (drone)

Standard

Il più classico e il più famoso giro delle Dolomiti non può essere altro che l’anello delle Tre Cime di Lavaredo (ring Drei Zinnen): un’escursione che tutti prima o poi dovrebbero fare almeno una volta nella vita.
Non è un giro pensante ma sicuramente particolarmente lungo visto che in genere si compie in 4 ore circa. Tutto inizia dal Rifugio Auronzo a 2.320 metri s.l.m. che si raggiunge comodamente in auto grazie alla strada a pagamento (vedi sotto i costi) la SS 48bis che parte poco sopra il Lago di Misurina e che in 7 km vi catapulterà nel cuore delle Dolomiti facendovi ammirare da ogni angolazione lungo tutto il percorso, le tre cime che si stagliano per quasi 700 metri d’altezza.


COSTO DEL PEDAGGIO PER I 7 KM DI TRANSITO FINO AL RIFUGIO AURONZO

Come si può ben notare nella foto (inverno 2017) e dai prezzi sottostanti, con l’avvicinarsi dell’estate 2018 i costi di pedaggi sono aumentati di 5€/15€ in base alla tipologia di veicolo. A quanto pare i prezzi non erano sufficientemente adeguati 😉 e quindi l’ente che gestisce la strada ha deciso di aggiungere ulteriori 5€ per auto/moto/caravan/camper e altri 10€/15€ per le varie tipologie di pullman:

Autovetture > € 30,00
Motocicli > € 20,00
Pullman (max 30 posti) > € 60,00 | Pullman (oltre 30 posti) > € 120,00;
Caravan e Autocaravan e Camper > € 45,00 (Altezza superiore m 2,10)

Supplemento per ogni giorno aggiuntivo:
Motocicli > € 5,00
Autovetture > € 15,00
Camper > € 25,00
Pullman (max 30 posti) > € 30,00
Pullman (oltre 30 posti) > € 60,00

PORTATORI DI HANDICAP ACCESSO GRATUITO CON CONTRASSEGNO ESPOSTO E PERSONA DISABILE A BORDO

Se invece decidete di risparmiare potete consultare gli orari degli autobus (servizio attivo dal mese di giugno) all’indirizzo auronzomisurina.it/come-muoversi/

In inverno le Tre Cime sono raggiungibili su strada innevata sempre battuta a piedi, con le ciaspe, con gli sci d’alpinismo e con servizio motoslitta dal Lago Antorno


ITINERARIO DI VIAGGIO

Rifugio Auronzo

Rifugio Auronzo

Il percorso per compiere il giro delle Tre Cime di Lavaredo è davvero ben segnalato ed è pressoché impossibile sbagliare. Solitamente il giro si fa in senso antiorario ma ciò non toglie che sia altrettanto bello nel senso opposto ma va detto che in autunno il sole non illumina mai le pareti nord, neppure al tramonto. In estate invece, sia all’alba che al tramonto, se pur per poco tempo il calore dei suoi raggi riscalda queste rocce.
Chiesetta della Madonna della Croda

Chiesetta della Madonna della Croda

Come già detto prima, il punto di partenza è il rifugio Auronzo, dove seguendo il sentiero N.101 che costeggia la chiesetta della Madonna della Croda, dedicata a tutti i caduti in montagna, inizierete a rimanere incantati dalla vista sui cadini di Misurina e sul gruppo del Sorapiss….ma… ancora nessuna vista della “tipica vista delle pareti nord” delle Tre Cime.
Continuiamo lungo il sentiero n. 101, in direzione est ci porterà prima al rifugio Lavaredo e poi al punto più alto della nostra escursione, la forcella Lavaredo. Qui è d’obbligo fermarsi per godersi la famosa vista sulle imponenti pareti settentrionali strapiombanti delle Tre Cime, cercando ovviamente di scattare la foto tante foto mozzafiato con questo incredibile panorama.


PERCORSO PIU’ BREVE

Qui ora bisogna decidere se continuare il giro verso il rifugio Locatelli alle Tre Cime (un po’ più lungo) oppure svoltare subito a sinistra e camminare a cospetto delle pareti settentrionali delle Tre Cime fino alla “malga Lunga” passando per due laghetti. Questa seconda possibilità accorcia il tempo di percorrenza di circa un’oretta ma sicuramente è anche la strada meno agevole e comoda da percorrere.

PERCORSO PIU’ LUNGO

Se invece proseguite per il rifugio Locatelli, dopo una leggera discesa, il sentiero continua prima pianeggiante ai piedi del Monte Paterno, e infine in salita fino al rifugio Locatelli a 2.438 m s.l.m., molto frequentato durante l’estate. Anche da qui la vista sugli imponenti giganti rocciosi è semplicemente unica. Dal rifugio Locatelli seguiamo il sentiero con il n° 105 in direzione della “Malga Lunga / Lange Alm”.


Arrivati alla Malga Lunga dove si ricongiunge il sentiero più corto citato prima, sopra a questo piccolo ristoro si trova la sorgente del torrente Rienza e i laghetti delle Tre Cime: un posto splendido per una sosta e un rinfrescante bagno dei piedi nell’acqua limpida. Da qui il sentiero prosegue ancora verso ovest, sotto la Cima Ovest, con alcuni tratti un po’ più esposti, fino al nostro punto di partenza.

Guarda il book fotografico completo dell TRE CIME DI LAVADERO

Guarda il book fotografico completo dell TRE CIME DI LAVADERO


DISTANZE
Dal rifugio Auronzo al rifugio  Lavaredo – 1,7 km
Dal rifugio Lavaredo alla forcella Lavaredo – 1,0 km (stradina)
Dalla forcella Lavaredo al rifugio Locatelli – 1,9 km (stradina)
Dal rifugio Locatelli alla Malga dei Pastori – 2,8 km
Dalla Malga dei Pastori al rifugio Auronzo – 2,1 km

 

Durata: 4 ore
Distanza circa 9/10 km
Dislivello: 400 metri in salita

 

 

Weekend o settimana a San Gallo (Svizzera) Cosa vedere tra monumenti, natura e cioccolato.

Standard

Poco lontano dall’Austria, dalla Germania e dal poco conosciuto Principato del Liechtenstein, San Gallo è la città perfetta per ogni ti po di turista! Da qui è possibile partire alla scoperta della Svizzera orientale in tutta semplicità con i mezzi pubblici, rilassarsi tra la natura incontaminata, fare un giro sul lago di Costanza, fare un’escursione tra i vigneti della valle del Reno, visitare una delle fabbriche di cioccolato più importanti della Svizzera o semplicemente godersi la città tra le sue vie che nascondono bellezze senza tempo come il complesso abbaziale che con la sua cattedrale barocca., la biblioteca e all’archivio fanno parte del patrimonio UNESCO dal 1983.

Il mio viaggio a San Gallo è stato veramente incredibile e ho rivalutato una città che sinceramente poco conoscevo e che mi ha dato veramente tantissimo durante il mio soggiorno: quattro giorni intensi dove non mi sono mai annoiato e minuto dopo minuto è stato una continua scoperta tra enogastronomia, monumenti ed escursioni fuori porta.


IL MIO VIDEO SU SAN GALLO


COME SONO ARRIVATO A SAN GALLO

Penso che ormai avrete imparato a conoscermi e i miei viaggi non sono mai banali e semplici 🙂
La via più semplice è sicuramente arrivare in aereo o in treno, altrimenti a mali estremi in autobus ma personalmente volevo godermi la natura e fare un’esperienza on the road e ho deciso di arrivare in auto dopo un lungo tour dalle Dolomiti Bellunesi al Trentino Alto Adige, dall’Austria al Principato del Liechtenstein per poi raggiungere finalmente San Gallo.

Un viaggio bellissimo dove ho avuto modo di fermarmi e rifermarmi per fare tantissime foto ma una volta arrivati in città se decidete di venire in macchina tenete conto che trovar posteggio gratuito in centro è praticamente impossibile! Le alternative sono 2: pernottare fuori città o se volete avere la comodità di un hotel in centro a pochi passi da tutte le maggiori attrazioni e locali magari prenotate tramite la struttura alberghiera un posteggio e semplicemente utilizzare uno dei tanti posteggi a pagamento del centro.
Personalmente ho pernottato nel bellissimo Hotel Einstein in pieno centro che mi ha omaggiato anche il posteggio per tutta la durata del viaggio presso l’omonimo posteggio che è accessibile ovviamente anche per chi non pernotta dentro la struttura.


OSKAR CARD PER MUOVERSI, VEDERE E DIVERTIRSI

Come già accennato prima sono stati giorni di fuoco a San Gallo dove tra lunghe passeggiate e treni mi sono mosso con semplicità e senza problemi anche grazie alla Oskar card: la carta servizi della Svizzera orientale che ti permette di utilizzare tutti i trasporti pubblici in sei cantoni, le ferrovie di montagna, fare gite in barca, entrata nei musei e tante altre attività di svago TUTTO GRATUITAMENTE E SENZA COSTI AGGIUNTIVI!!


SAN GALLO IN 265 FOTO – GUARDA IL MIO BOOK FOTOGRAFICO


COSA VEDERE DENTRO SAN GALLO

San Gallo è popolata da circa 75.000 persone e si capisce bene che non è quindi una metropoli da girare in lungo e in largo ma vi assicuro che il suo centro storico impegneranno piacevolmente la vostra giornata e l’intera vacanza. Se non ci credete adesso vi elenco una serie di attrazioni e attività da fare durante il vostro soggiorno a San Gallo

 SCARICA LA MAPPA DELLA CITTA’ (2,28 MB)

 

ABBAZIA DI SAN GALLO

In pieno centro storico sorge questa magnifica abbazia: quando si varca l’ingresso laterale (perché non esiste una classica porta frontale) si rimane letteralmente a senza fiato. Dall’esterno non si percepisce la lunghezza dell’interno per poi non parlare delle splendide volte arricchite di decorazioni che non appesantiscono per nulla l’insieme.

 

BIBLIOTECA DELL’ABBAZIA (STIFTSBIBLIOTHEK)

All’interno del complesso abbaziale c’è un luogo storico di particolare importanza per la storia della cultura europea che non si può far a meno di visitare: ovvero la biblioteca. La sua sala rococò e 160000 libri, sono diventati Patrimonio UNESCO dal 1983. Secondo me meglio una visita al mattino o all’apertura, per poterla visitare con poco afflusso turistico. Per non rovinare il pavimento in legno prima dell’ingresso vi daranno un paio di “pantofole da museo”

PUNTO INFORMAZIONI TURISTICHE DI SAN GALLO

proprio a pochi metri dall’abbazia troverete il punto informazioni turistiche di San Gallo che potete andare a consultare per ogni tipo di informazione o dubbio o anche per prenotare un visita guidata nella vostra lingua o semplicemente per comprare dei souvenir.

 

LA CHIESA DI SAN ST. LAURENZEN

Veramente interessante questa chiesa evangelica giocata sui toni azzurri e uno splendido soffitto ligneo. Certo risente della fama della cattedrale cattolica adiacente ma anche lei ha il suo bel pezzo di storia e senza ombra di dubbio merita una visita.
Dietro prenotazione è possibile salire sulla torre (nei mesi invernali la torre è chiusa) e godere dell’incredibile vista sui tetti di San Gallo.

ROTER PLATZ: LA PIAZZA ROSSA

Camminando per le vie della città non si può far a meno di passare in questo particolare angolino tutto rosso. Davvero carino come è strutturato questo ambiente. Sembra quasi come se una enorme colata di rosso avesse invaso ed inghiottito un pezzetto di città inglobando auto, panchine ed altro. Un originale ricordo per gli amanti delle foto e dei selfie 😉

 

BRODERBRUNNEN

La fontana realizzata dallo scultore del Toggenburgo August Bösch e stata collocata nel 1896 sulla Lindenplatz e ricorda la prima rifornitura della città con acqua del Lago di Costanza. Al centro vi è un gruppo di ninfee che simboleggia l’abbondanza delle forze che dispensa l’acqua e le stesse ninfee sono circondate da tre bambini che cavalcano animali acquatici.

IL MERCATO

Sul Marktplatz ogni mercoledì e sabato si svolge il mercato settimanale con circa 25 banchi di prodotti freschi dove magari poter acquistare qualcosa a chilometro zero o semplicemente vedere degli scorci di normale vita svizzera.

I BOVINDI DI SAN GALLO

La città può essere designata anche come città dei bovindi. La “moda dei bovindi” si ebbe a San Gallo fra il 1650 e il 1720, nel periodo in cui furono costruiti molti dei bovindi ancora oggi esistenti (ne sono rimasti in totale 111) a cui furono dati nomi importanti come “bovindo del cammello”, “bovindo del pellicano”, “bovindo del cigno”, ecc.


COSA VEDERE FUORI SAN GALLO

Non fatevi spaventare dalla parola “fuori” San Gallo perchè vi assicuro che per raggiungere questi posti non si impiega un’eternità: tra mezzi pubblici efficienti e piccole distanze al massimo vi servirà un’oretta di viaggio.

RORSCHACH

Rorschach è sicuramente un importante porto sul Lago di Costanza ma anche il paradiso di skater e ciclisti. Pittoresca cittadina attira i turisti per l’atmosfera un po’ mediterranea che qui si respira e per i grandi eventi in programma, come il Festival internazionale delle sculture di sabbia, che richiama visitatori da tutto il mondo.

MINI CROCIERA SUL LAGO DI COSTANZA 

Se state visitando il porto di Rorschach una tappa obbligatoria è sicuramente il giro sul Lago di Costanza che vi impegnerà diverse ore. In base al vostro tempo a disposizione e alle vostre passioni avete a disposizione diversi tour con diversi giri e ovviamente diversi tempi di percorrenza più o meno lunghi. Io per esempio ho preso quello con partenza alle ore 14.30 e ritorno alle 17.00 che mi ha mostrato un breve assaggio del paesaggio e una breve sosta proprio sulle sponde del vecchio corso del fiume Reno

 

DREI WEIHERN

Tre Weiheren è il nome di un’area ricreativa nella città di San Gallo. I cinque stagni creati artificialmente si trovano a sud a 15/20 minuti a piedi del centro storico sulle pendici del Freudenberg. D’estate vengono utilizzate come piscine pubbliche all’aperto e in inverno occasionalmente per pattinare sul ghiaccio.

 

FABBRICA CIOCCOLATO MAESTRANI

Se volete investire 50 minuti del vostro tempo, dalla stazione di San Gallo prendete il treno fino a Gegersheim e poi il bus 751 fino a “Flawll, Maestrani” per ritrovarvi alla porta del paradiso per gli amanti del cioccolato e non solo 🙂
Aperta nell’aprile 2018, verrai catapultato nel fantastico mondo svizzero del cioccolato grazie alla visita del Chocolarium Maestrani: scopri perché il cioccolato ti rende felice, assaggia un sacco di cioccolato diverso, acquista tante golosità presso in negozio … ma … la chicca è veramente progettarsi e costruirsi da solo il tuo cioccolato preferito partendo dalle varietà di cioccolato di base alla frutta secca sopra fino all’impacchettamento.
NB la foto sottostante è il mio Speedy Chocolate realizzato in toto dal sottoscritto 😉


DOVE DORMIRE A SAN GALLO: HOTEL EINSTEIN

Per il mio soggiorno a San Gallo sono stato ospite presso l’Hotel Einstein che senza alcun dubbio posso dire essere il top per la città di San Gallo: in pieno centro di San Gallo ai margini della zona pedonale, un raffinato ristorante, un bar, camere che sfoggiano materiali lussuosi e cosa da non sottovalutare l’opportunità di usufruire gratuitamente di un centro fitness direttamente collegato all’hotel che include un’ampia palestra, una piscina coperta, un bagno di vapore turco e soft, lettini prendisole e una varietà di massaggi e trattamenti per il corpo.


 

DOVE MANGIARE A SAN GALLO

Non si può lasciare San Gallo senza aver assaggiato il mitico Bratwurst: un salsicciotto bianco, fatto di carne di vitello e suino con l’aggiunta di un po’ di latte… ma … allo stesso tempo non si può lasciare San Gallo senza aver mangiato o bevuto in uno dei tantissimi ristorantini fighi che risiedono nel centro storico in un mix perfetto di birrerie, posti d’alta cucina e cucina tipica svizzera.
Durante la mia vacanza ho avuto il piacere di pranzare/cenare in tanti posti differenti e spero di potervi dare un’ampia gamma di soluzioni per tutte le esigenze sia economiche che enogastronomiche

 

BISTRO EINSTEIN

Ho avuto un bell pranzo presso il Bistro Einstein con un’atmosfera calda e confortevole. Il personale è molto cordiale e il cibo era semplicemente delizioso. Dopo il Bistro si può andare anche per un drink finale all’Einstein Bar.

FONDUE BEIZLI

Ho cenato nella suggestiva Fondue Beizli e penso che difficilmente altrove si possa trovare un’offerta così ampia e variegata di fondute: sfogliando il menu troviamo una copiosa quantità di specialità fondute diverse ma anche vini provenienti da tutto il mondo. Io ho preso una fonduta di formaggi servita nel classico pentolino.

 

METZGEREI GEMPERLI

Al Metzgerei Gemperli ho fatto un pranzetto molto molto veloce ma con il piatto principe a San Gallo ovvero la bratwurst. La salsiccia di vitello, maiale e latte locale che dà il caratteristico colore bianco delle salsicce che viene cotta  per circa venti minuti a circa 70 gradi.
L’organizzazione St. Galler Bratwurst conserva il patrimonio culinario e garantisce che la specialità tradizionale sia prodotta esclusivamente nella Svizzera orientale, come richiesto dal marchio IGP.

 

 

BIERFALKEN

Ho cenato al Bierfalken dove ho preferito sedermi sui tavolini all’esterno per godermi un’atmosfera fresca e senza fronzoli a contatto con l’area pedonale. Ho potuto scegliere tra una varietà di tante birre e numerosi piatti tradizionali

 

SCHLÖSSLI

L’ultima cena a Sa Gallo è stata al ristorante Schlössli e devo dire che è stata una chiusura con il botto! Questo castello cittadino di quasi 500 anni alle spalle dell’abbazia mi ha stupito a 360 gradi per l’esperienza culinaria indimenticabile tra piatti d’alta cucina e vini di prima scelta proveniente da tutto il mondo.
Partendo da prodotti freschi locali, lo chef progetta piatti rivisitati partendo da una base classica e tradizionale.

 

DRAHTSEILBÄHNLI

Ho pranzato al Drahtseilbähnli e questo ristorantino a conduzione familiare mi ha fatto sentire subito a mio agio: personale molto simpatico e preparato e piatti semplici ma di ottima ottima qualità.