Brașov (Romania) 2015 – Cosa vedere, storia, foto e video

Ci siamo lasciati alla dogata in uscita dalla Moldavia con qualche problema con un timbro di ingresso…

… 5 minuti dopo ho riavuto il mio bel passaporto con il timbro di uscita dalla Moldavia 🙂 Anche per questa volta l’ho scampata: sono nuovamente un cittadino libero!!! Il bus oltrepassa la dogana, qualche chilometro dopo anche la quella rumena con i relativi controlli e mi diriggo spedito verso verso la Transilvania e precisamente a Brașov.

Dopo una notte intera in bus tra curve a gomito, strade dissestate e problemi alla dogana Moldava, finalmente arrivo in Transilvania di mattina presto. Adesso posso dire di essere proprio nel cuore della Romania e senza ombra di dubbio in una delle province più romantiche di tutta la nazione, dove la catena montuosa dei Carpazi nasconde posti incredibili e la natura è quasi intatta: acqua pura, vegetazione verde e vivace, con tanta flora e fauna.

Brasov è la principale città della Transilvania per importanza culturale e commerciale e come già anticipato prima si trova quasi al centro della Romania a 170 chilometri dalla capitale Bucarest. La pittoresca cittadella medievale è circondata da mura costruite nel XV secolo, alte 12 metri, lunghe 3 chilometri e con 7 bastioni e proprio all’interno di queste mure è possibile trovare tutte le bellezze più importanti di questa cittadina.

Sono ancora un pò stonato dal lungo viaggio in bus e visto l’orario ancora non mi è possibile fare il check-in e approfitto della situazione per riprendermi un pò con un’abbondante colazione seduto in uno dei tanti bar della bellissima piazza principale di Brasov e fare qualche foto.

Intorno a questa grande piazza si sviluppa una zona pedonale ricchissima di monumenti e chiese ma anche pub, pasticcerie, ristoranti, locali, bar e negozi dove si svolge tutta la “movida” di questa splendida città! Per tutti questi motivi se andate a Brasov vi consiglio di prendere un hotel in centro oppure come ho fatto io anche uno dei tanti appartamenti siti proprio nelle vie limitrofe alla piazza principale.

Cosa vedere a Brasov?

Piazza Sfatului, la piazza del municipio, costruita nel XIII secolo. Questo luogo è stato da sempre punto d’incontro delle fiere e del mercato della città e nel medioevo con i commercianti di tutta Europa. Oggi con invece è il ritrovo di famiglie, ragazzi, turisti e anziani.

Biserica Neagram, la Chiesa Nera, la più grande chiesa Gotica della Romania, anzi ” la più grande chiesa gotica da Istanbul a Vienna”. Costruita tra il ‘300 e il ‘400, deve il suo nome al colore nero dovuto ad un incendio che gli ha annerito le pareti. L’esterno è possente, elegante, inconfondibile ed è possibile scorgerla quasi da tutta la città mentre l’interno è abbellito con decorazioni barocche, statue rinascimentali e un organo con 4000 tubi. É l’edificio religioso e civile di riferimento di tutta la Romania.

La scritta Hollywoodiana sopra al Monte Tampa con il nome della città: osservando dall’altra parte della valle potrete notare una scritta sulla montagna, tale scritta è un po’ un punto di riferimento da qualsiasi punto della città e in stile hollywoodiano recita a grandi lettere: “BRASOV“.

Sebbene essa possa sembrare un tantino eccessiva, negli anni è divenuta non solo uno dei simboli di Brasov, ma anche una meta di visita per i curiosi che decidono di raggiungerla. A tal proposito è stata realizzata una funivia, ma un sentiero di circa quattro chilometri permette di raggiungere la vetta del monte anche a piedi.

Giardini Pubblici sia quelli più grandi “Nicolae Titulescu” sia quelli sotto alla funivia che conduce al Monte Tampa, entrambi luogo di ritrovo di ragazzi che vengono a praticare attività fisica all’aperto con gli attrezzi da palestra istallati tra i prati che i sempre presenti tavolini a scacchiera.

Turnul Alb, la torre bianca.

Cittadella, situata su una collinetta che per raggiungerla ci si impiega una ventina di minuti a piedi e si ha una splendida veduta di Brasov nuova e vecchia. L’antica rocca medievale di Brasov, ancora ben conservata e con mura altissime ma ora è adibita a ristorante e cento commerciale.


 

Come arrivare a Brasov?
Personalmente sono arrivato a Brasov in autobus dalla capitale della Moldavia (Chisinau), ma non è proprio la scelta adeguata se partite dall’Italia visto che ho dovuto fare una notte intera in autobus. Brasov non ha un aeroporto e per questo motivo la via più semplice (sempre se ci sono voli disponibili dalla vostra città) è volare fino al vicino aeroporto di Sibiu o  Targu Mures, altrimenti optate per l’aeroporto di Bucarest dove ci sono diversi bus che vi porteranno direttamente dall’aeroporto alla città oppure anche in treno.

Brasov è anche un ottimo punto di partenza per andare alla scoperta dei magnifici dintorni: a 15 chilometri a sud/ovest si trova la Fortezza di Rasnov, a 6 chilometri a nord la chiesa fortificata di Harman e poco distante la chiesa fortificata di Prejmer. Nonostante lo sviluppo della città è ancora immersa nella natura e circondata da meravigliosi boschi che sono stati tutelati anche durante l’industrializzazione del dopoguerra. Una cosa che non ho ancora detto se passate da Brasov non potete assolutissimamente perdere a 30 chilometri il castello di Bran, meglio conosciuto come ” Il Castello di Dracula” ed è proprio qui che mi dirigo nella prossima tappa prendendo un comodo taxi approfittando dei prezzi veramente vantaggiosi per noi italiani con un cambio Euro/Leu Rumeno favorevole.

 

IL VIAGGIO CONTINUA … NEL PROSSIMO ARTICOLO

next

  • Dove pernottare a Cuba: hotel o case particulares? a voi la scelta
    Hotel o case particulares questo è il dilemma? Se state pianificando un viaggio a Cuba e avete un pò preso qualche informazione sull'isola, vi sarete sicuramente imbattut...
  • Croazia on the road: Dubrovnik, Spalato, Trogir, Zagabria,  Isola di Lukrum, Krka National Park – Cosa vedere, storia, foto e video
    Con un’anima mitteleuropea e un temperamento mediterraneo, la Croazia ha il giusto mix per una vacanza indimenticabile in ogni periodo dell’anno. Cosa vedere in Croazia d...
  • Yerevan/Erevan/Երևան , Garni/Գառնի, Geghard/Գեղարդ  (Armenia/Հայաստանի ) – Cosa vedere, storia e foto
    Yerevan, Garni e Geghard (book fotografico) - Armenia ArmeniaL'Armenia è spesso definita un museo all’aria aperta dove i visitatori possono trovare circa 4.000 monum...
  • Mosca, San Pietroburgo e Kazan: alla scoperta della Russia e del Tararstan
    Sul mio blog e sui miei social non ho mai nascosto il mio amore per gli stati dell’ex Unione Sovietica e per la Russia! Una nazione che conosco veramente molto molto bene...
  • Ligabue Campovolo 2015: in diretta da Reggio Emilia minuto dopo minuto! Siamo in 150.000
    Campovolo non è un concerto ...CAMPOVOLO E' IL CONCERTO!Per me questo è il terzo Campovolo: dopo il 2005 e il 2011 arriva finalmente il 19 settembre 2015 e vi assicuro ch...
  • Lubiana-Ljubljana (Slovenia) – Cosa vedere, storia, foto e video
    Lubiana (book fotografico e video)   https://www.youtube.com/watch?v=mpWnMf75Le8Lubiana (in sloveno Ljubljana) è la capitale della Repubblica Slovena fin dall'i...
  • Foto – Copenaghen (Danimarca)
    Copenaghen è la capitale della Danimarca e tappa fissa delle crociere del nord Europa che scelgono questa meta per le tante bellezze: il famoso parco divertimenti Tivoli,...
  • Ernest Airlines vola da Kiev a Bergamo, Napoli, Bologna, Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Genova
    Non è un segreto che amo viaggiare verso l'Europa dell'est e l'Ucraina! Spesso queste mete sono difficili da raggiungere ma da qualche tempo ho risolto i problemi di coll...
  • Commenti

    Commenti

    Translate »