Weekend a Pieve di Cadore: alla scoperta del Lago Centro Cadore e del Carnevale Pievelandia

Standard

Tutti conosco Cortina d’Ampezzo ma pochi conoscono i paesi vicino. Senza ombra di dubbio Pieve di Cadore potrebbe essere il giusto compromesso tra posizione geografica e prezzi abbastanza contenuti.
Le Dolomiti sono raggiungibili da tanti paesi del Veneto/Trentino Alto Adige e secondo me un buon punto di partenza potrebbe essere proprio Pieve di Cadore.
A 30 minuti d’auto da Cortina e ad un’oretta dalle Tre cime di Lavaredo e il Lago di Misurina, trascorrere qualche giorno qui non vi deluderà e basterà avere una macchina a disposizione per avere l’imbarazzo della scelta delle escursioni da fare.


Le 3 cose da non perdere a Pieve di Cadore

Casa natale di Tiziano Vecellio

Pieve di Cadore è sicuramente conosciuto per essere il luogo natale del pittore Tiziano Vecellio e secondo me fare una visita alla casa natale a pochi passi dalla piazza principale merita sicuramente una visita. La casa di origine quattrocentesca durante gli anni ha avuto diversi restauri e ritocchi vari ma conserva ancora tutto il il fascino cadorino con le sue pareti ricoperte interamente in legno e i suoi cimeli.

Il carnevale

Durante il periodo di carnevale una delle cose da fare in Cadore è sicuramente visitare il carnevale di Pievelandia: tra sfilate di carri allegorici e gruppi in maschera, Pieve di Cadore festeggia in questo modo il suo carnevale e tra musica e prodotti tipici locali trascorrerete sicuramente una bellissima giornata.

Terrazza belvedere al Parco Roccolo

Proprio di fronte all’Hotel Belvedere (che parlerò dopo) inizia il sentiero di circa 10 minuti dentro il Parco Roccolo che vi porterà dritti dritti alla terrazza belvedere. Lo scenario in cima è veramente stupendo e si gode una vista da cartolina sul Lago del Centro Cadore e su tutta la valle. Potete approfittarne per prendervi qualche minuto di relax sedendovi sulle panchine e rilassarvi a stretto contatto con la natura.


Guarda il mio book fotografico completo


Dove mangiare a Pieve di Cadore

Tappa da non perdere se passate da Pieve di Cadore è senza dubbio fare una cena alla Locanda ai Dogi: piatti della cucina tipica del Cadore, fatte rigorosamente fatte in casa vi stupiranno. Ho scoperto questo ristorante quasi per caso girando dietro la piazza principale e devo dire che è stata un’esperienza fantastica tra salumi, carni e vini locali.
Tanto per cominciare mi hanno omaggiato subito un bicchiere di prosecco (che non dispiace mai), subito dopo abbiamo aperto le danze con un tagliere di salumi e formaggi a km zero, seguito da caserecce con porro e pancetta e tagliatelle al ragù di cervo che consacrano la cucina locale per poi continuare con una tagliata di Black Angus che mi ha lasciato veramente senza parole!!
Una prelibatezza dopo l’altra che mi ha riempito all’inverosimile 🙂
Dopo aver chiesto il caffè il cameriere (simpaticissimo) mi ha portato l’espresso ordinato e ancora in omaggio una grappa artigianale al fieno fatta da loro che mi ha lasciato senza parole!!
Complimenti allo chef e a tutto lo staff

Locanda ai Dogi
Via: Piazza Municipio, 21, Pieve di Cadore (BL)

Telefono: 0435 581279


Dove dormire a Pieve di Cadore

Durante il mio soggiorno a Pieve di Cadore, ho pernottato presso l’Hotel Belvedere per la sua posizione centralissima proprio nel cuore del centro storico di Pieve di Cadore: una struttura molto calda in stile cadorino, vanta confortevoli camere e suite, con una vista panoramiche sul Lago del Centro Cadore veramente mozzafiato.
Oltre alla posizione eccellente, tra i tanti hotel della zona a mio parere il Belvedere si distingue per la pulizia impeccabile di tutta la struttura ma anche per la colazione veramente eccezionale: tutti prodotti a km zero e una vastaekta tra torte fatte in casa, salumi e formaggi locali e altro ancora.

Hotel Belvedere
Via: Gradinata Belvedere, Pieve di Cadore (BL)

Telefono: 0435 500072

  • Ristorante Bistro Einstein (Hotel Einstein) a San Gallo (Svizzera)
    Ho avuto un bell pranzo presso il Bistro Einstein con un’atmosfera calda e confortevole. Il personale è molto cordiale e il cibo era semplicemente delizioso. Dopo il Bist...
  • Ristorante Chimera a Lipari (Isole Eolie): tradizione eoliana rivisitata
    Il Ristorante Chimera di Lipari è sicuramente una tappa fissa per chi vuol visitare le Isole Eolie: all'interno dell'Hotel Mea vi sorprenderà con la sua vista mozzafiato ...
  • Ristorante Bierfalken a San Gallo (Svizzera)
    Ho cenato al Bierfalken dove ho preferito sedermi sui tavolini all’esterno per godermi un’atmosfera fresca e senza fronzoli a contatto con l’area pedonale. Ho potuto sceg...
  • Il Lago Resia / Reschensee e il suo campanile di Curon (Graun) che emerge dalle acque
    In Alto Adige ci sono tantissimi laghi e laghetti ma il più grande in assoluto è proprio il Lago di Resia, o Reschensee  in tedesco, situato a 1.498 metri s.l.m.Volevo an...
  • Leopoli, Kiev, Odessa, Uzhgorod: alla scoperta dell’Ucraina
    Cosa vedere, storia, foto e videoUcraina-Ukraine-УкраїнаSul mio blog e sui miei social non ho mai nascosto il mio amore per gli stati dell'ex Unione Sovietica ma soprattu...
  • Il Lago di Sorapis a 1.923 metri s.l.m. una perla tra le Dolomiti
    Il Lago di Sorapis a quota 1923 metri è uno spettacolo della natura: 4/5 ore di camminata tra andata e ritorno, tra sentieri e rocce vi porteranno a questo splendido lago...
  • Isola di Vulcano: dove mangiare – Ristorante “I Grusoni” – Therasia Resort sea & spa
    Dove mangiare sulI'Isola di VulcanoE’ inutile dirlo ma se fate un salto a Vulcano dovete obbligatoriamente assaggiare la loro cucina a base di pesce. Si può spaziare dai ...
  • Foto – Paesens Moddergat (Olanda)
    ll book fotografico nel piccolo paesino di Paesens (Olanda). realizzato durante il mio viaggio nel maggio 2019 in collaborazione con l’Ente del Turismo Olanda (Visit Holl...
  • Ragusa / Ragusa Ibla / Modica (Sicilia): cosa fare e vedere, foto e video
    La strada per Ragusa sale lenta fra i carrubi, le masserie e i muretti a secco dell’entroterra che indicano la via verso questo capolavoro del barocco siciliano. Capoluog...
  • Weekend a Firenze (Toscana): cosa vedere, dove mangiare e dormire
    Firenze è una città fantastica dalle mille risorse: c’è solo l’imbarazzo della scelta! E' un museo a cielo aperto che è quasi impossibile vedere in pochi giorni ma in un ...
  • logo_youtube
    ISCRITTI AL MIO CANALE YOUTUBE: [yourchannel user="schooloflifechannel"]...
  • Commenti

    Commenti