Alla scoperta del Veneto dalle splendide Dolomiti alla magica Venezia

Standard

Il Veneto è una delle regioni più complete: Veneto vuol dire Dolomiti per chi ama la montagna, Veneto vuol dire la magia e unica Venezia, Veneto vuol dire Verona e la sua Arena, Veneto vuol dire Jesolo e e le sue spiaggie, Veneto vuol dire San Antonio da Padova,  Veneto vuol dire Vicenza, Treviso, Chioggia, Belluno, Rovigo e tanto tanto altro ancora.


MIEI ARTICOLI SULLA REGIONE VENETO

Weekend o settimana bianca in Val di Zoldo – Cosa fare e dove dormire
  Tra le svariate meraviglie che offrono le Dolomiti Bellunesi, una da assolutissimamente visitare è la Val di Zoldo, raggiungibile
Leggi di più
Il Lago di Sorapis a 1.923 metri s.l.m. una perla tra le Dolomiti
Il Lago di Sorapis a quota 1923 metri è uno spettacolo della natura: 4/5 ore di camminata tra andata e
Leggi di più

Weekend o settimana bianca in Val di Zoldo – Cosa fare e dove dormire

Standard

 

Tra le svariate meraviglie che offrono le Dolomiti Bellunesi, una da assolutissimamente visitare è la Val di Zoldo, raggiungibile dal versante nord da Bressanone (A 22 del Brennero), SS49 della Val Pusteria, Dobbiaco, Cortina, quindi Passo Giau (SS638) e poi passo Staulanza (arrivo a Pecol di Zoldo). Se invece arrivate dal versante sud basta arrivare a fino a Longarone per poi prendere la provinciale 251 che vi porterà dopo 28 km a Forno di Zoldo e poi in successione a Dont e nella bellissima Pecol che mi ha colpito per il paesaggio.

Visualizza la mappa completa in PDF della Val di Zoldo


VAL DI ZOLDO

Andare in Val di Zoldo significa anche camminare tra i paesi e paesini, antichi fienili (i tabià), boschi con alberi secolari e una ricca varietà di paesaggi. Posto ideale per gli vuole godersi la montagna tra tra il Pelmo e il Civetta o per chi vuole sciare, ciaspolare o semplicemente fare tante foto e passeggiare (come me) tra questa natura incontaminata.

Il primo weekend del marzo 2018 sono stato precisamente tra Coi e Pecol e devo dire che sono stato tanto sfigato quanto fortunato: un sabato veramente pessimo con neve, nebbia e freddo ma anche una domenica veramente assurda con un cielo completamente azzurro, assenza totale di nuvole e temperature relativamente miti 🙂

Ma iniziamo dall’inizio: volevo arrivare fino a qui con i pneumatici estivi e senza le catene ma a causa di una abbondante nevicata improvvisa non ho potuto fare gli ultimi 3 km che dividevano la strada principale all’Hotel La Caminatha rimanendo impantanato tra la neve!:) Ancora non mi sono rassegnato al fatto di vivere fuori dalla Sicilia e non sapendo montare ancora le catene sono stato costretto a telefonare in hotel che gentilmente si sono precipitati a scovarmi tra la neve e a montarmi le catene che avevo a bordo.


VISITARE PECOL

D’inverno la Val di Zoldo è la meta ideale per gli appassionati dello sci, infatti fa parte del Comprensorio sciistico del Civetta, che con i suoi 90 Km di piste perfettamente innevate e collegate da moderni impianti di risalita offre suggestivi e mutevoli paesaggi. Qui si scia anche di notte, su due piste ben illuminate che scendono fino nell’abitato di Pecol che ha poco più di 200 abitanti residenti.

Il Comprensorio Sciistico del Civetta e’ inoltre la dodicesima stazione del Dolomiti Superski, un carosello di 1.200 Km di piste che attraversa e collega le  varie  valli  dolomitiche offrendo allo sciatore scenari mozzafiato sempre diversi.


VISITARE COI

Coi è una frazione del comune di Zoldo Alto e dista 5/10 minuti in macchina a Pecol e dalle piste. Notevole la casa Rizzardini, edificio imponente in un villaggio costituito soprattutto da rustici: uno degli affreschi dell’esterno è del 1713. Lungo la strada che da Coi conduce a Maresòn sono ubicati i due mulini Rizzardini, antecedenti al 1634 e ancora in funzione nel 1946. Interessante anche il mulino Piva con la grande ruota di legno, attivo dal 1948 agli anni settanta.


BOOK FOTOGRAFICO VAL DI ZOLDO

Cliccando sulle immagini sottostante potrete visionare il book fotografico completo di questi 2 giorni in condizioni meteo completamente agli antipodi nel giro di 24 ore.

Book fotografico completo della Val di Zoldo

Book fotografico completo della Val di Zoldo


DOVE DORMIRE IN VAL DI ZOLDO

Come già anticipato all’inizio, il mio salvatore tra la neve è stato un ragazzo che lavora all’Hotel La Caminatha che mi è ha montato le catene nel bel mezzo di una bufera di neve!:)
Immerso nell’incantevole Valle di Zoldo, si trova a 1494 metri di altezza ed è circondato dallo scenario mozzafiato dei gruppi montuosi del Civetta e del Pelmo, offre ambienti accogliente con i classici arredi di montagna.
La colazione continentale a buffet è servita nell’apposita sala che si affacciata sulle bellissime Dolomiti.
Una cosa molto particolare e curiosa è il fatto che il personale dell’hotel lascia di proposito del cibo nel retro dell’hotel e durante il giorno e la notte i cervi si avvicinano più volte per mangiare, diventando un’attrazione della struttura, lasciando sbalorditi grandi e piccoli.

Book fotografico completo dell'Hotel La Caminatha

Book fotografico completo dell’Hotel La Caminatha

 

DOVE MANGIARE IN VAL DI ZOLDO


Durante il mio weekend in pratica ho mangiato sempre presso l’Hotel La Caminatha usufruendo dei pasti in Hotel e quindi non ho avuto modo di testare altro ma posso sicuramente dirvi che i piatti offerti sono veramente buoni con una cucina tipica montanara: polenta, salsiccia, hamburger, carne di cervo e tanto altro ancora. Sia a pranzo che a cena, si può mangiare con un menù fisso oppure anche à la carte.
Da sottolineare anche il fatto che durante quel weekend ho visto anche parecchia gente farsi aperitivi al bar del ristorante o passare la serata bevendo della buona birra.

Il Lago di Sorapis a 1.923 metri s.l.m. una perla tra le Dolomiti

Standard

Il Lago di Sorapis a quota 1923 metri è uno spettacolo della natura: 4/5 ore di camminata tra andata e ritorno, tra sentieri e rocce vi porteranno a questo splendido lago con l’acqua turchese incastonato tra cime delle Dolomiti.

Difficoltà: media
Lunghezza: 11,0 km
Punto più basso: 1732 m
Punto più alto: 1941 m


Come raggiungere in auto il Lago di Sorapis

Per raggiungere il lago si può arrivare con l’auto fino al Passo Tre Croci raggiungibile tranquillamente da Cortina prendendo la SR48, direzione Auronzo-Misurina ma ovviamente si può raggiungere anche  nel senso opposto da Misurina verso Cortina 🙂
L’auto si lascia al parcheggio dell’hotel Tre Croci ormai in disuso o anche sui lati della strada da dove parte il sentiero CAI n.215 verso il Lago di Sorapis.


Il sentiero per il Lago di Sorapis

La sua difficoltà è media e vi permetterà di arrivare al Rifugio Vandelli e di conseguenza al Lago Sorapiss in 3 ore circa o anche 2 ore se siete un poco allenati.
Il sentiero è ben battuto e fattibile per quasi tutti gli adulti, tranne in certi punti un pò faticosi per l’alta pendenza ma attenzione soprattutto che dopo circa un’ora si arriva ad una parte di un centinaio di metri molto esposta dove troverete alla vostra destra una corda di acciaio di sicurezza per tenervi … e vi consiglio di non guardare dalla parte opposta se soffrite di vertigini.Superato questo punto critico,  raggiungerete spediti la vostra mera per tante foto, un bagno o qualche momento di relax guardando il magico lago con le sue acque di un blu turchese davvero spettacolare magari per  prendere un po’ di sole o per un piacevole pic-nic all’aria aperta.


Quando andare?

Il periodo migliore è chiaramente l’estate, ma è anche il periodo di maggior affollamento, specie agosto. Se la stagione lo consente, si può salire da metà maggio fino alla prima metà di ottobree il Rifugio Vandelli invece è aperto dal 20 giugno al 20 settembre.
Tutto dipende dalla neve e dalle condizioni meteoreologiche: una volta volevo fare questa camminata a fine aprile e arrivato a passo Tre Croci mi sono ritrovato con il sentiero coperto da 60 cm di neve…e son dovuto ritornare indietro e cambiare programma perchè sarebbe stato un suicidio! 🙂
Nei periodi di luglio o agosto, nelle ore di punta si rischia di procedere in fila indiana e bisogna tener conto che si dovrà fare lo stesso sentiero anche al ritorno, quindi potrete incrociare altre persone.

 

lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_001lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_002lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_003lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_004lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_005lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_006lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_007lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_008lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_009lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_010lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_011lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_012lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_013lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_014lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_015lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_016lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_017lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_018lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_019lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_020lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_021lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_022lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_023lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_024lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_025lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_026lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_027lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_028lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_029lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_030lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_031lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_032lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_033lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_034lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_035lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_036lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_037lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_038lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_039lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_040lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_041lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_042lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_043lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_044lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_045lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_046lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_047lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_048lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_049lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_050lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_051lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_052lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_053lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_054lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_055lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_056lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_057lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_058lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_059lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_060lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_061lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_062lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_063lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_064lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_065lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_066lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_067lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_068lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_069lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_070lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_071lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_072lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_073lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_074lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_075lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_076lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_077lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_078lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_079lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_080lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_081lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_082lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_083

Road to the Top Jaguar + Land Rover Tour

Standard

buzzoole_jaguarr Molti italiani sono già ritornati dalle vacanze estive e hanno già ripreso con la routine di tutti i giorni! Per fortuna le due grandi case costruttrici Jaguar e Land Rover hanno pensato ad animare un pò questi giorni di fine estate con una strepitosa iniziativa.

Se per caso vi trovate da parti delle Dolomiti bellunesi allora vi consiglio di non perdervi dal 14 al 31 agosto, il grande evento nato dalla collaborazione tra due grandi colossi dell’automobile Jaguar + Land Rover.
A piazza Roma a Cortina d’Ampezzo ci sarà l’esposizione in anteprima della nuova Jaguar XF con uno stand illuminato e tecnologico interamente in alluminio.

Durante i sedici giorni di evento presso l’area Experience, tutta la gamma di vetture Land Rover, Jaguar XE e F-Type saranno a disposizione per i test drive con driver certificati.

Non solo, presso l’area sportiva Fiames vi aspetterà il Jaguar Land Rover Village con tante attività, nello specifico free climbing, ponte tibetano, area bike, area golf, area bimbi.
Inoltre da non perdere è anche l’happy hour Jaguar che si terrà il 27 agosto con food designer

 

buzzoole_landrover2

BuzzooleCome arrivare a Cortina d’Ampezzo

Cortina d’Ampezzo dista 162 km da Venezia, 431 km da Milano e 692 km da Roma. Raggiungerla è facilissimo sia con l’auto privata (mediante le autostrade A22 e A27) sia con la rete di trasporti quali stazioni ferroviare, autobus, collegamenti aeroportuali e… servizio di trasporto in elicottero.

Gli autobus di linea partono da Treviso, Venezia, Rovigo, Ferrara, Bologna e Milano e sostano in Via Marconi, a 50 metri dal centro pedonale di Cortina d’Ampezzo e 350 metri da Piazza Roma, location esclusiva dell’evento Road to the Top Jaguar Land Rover.

Chi preferisce viaggiare su rotaie dovrà dirigersi verso Dobbiaco e Calalzo di Cadore, che è la stazione dei treni più vicina a Cortina (dista 35 km). Dalle stazioni  appena citate partono delle corriere in coincidenza con l’arrivo dei treni.

Altrettanto comodo è il servizio di corriere gran turismo che collega Cortina, in sole 2 ore, alla stazione dei treni di Venezia-Mestre e a quella di Bologna (in sei ore).

Buzzoole