Weekend in Andalucia a Siviglia (Spagna): 5 cose da fare tra la Malagueta e l’Alcazaba

Standard

La città di Siviglia è tra le più visitate di Spagna: la capitale dell’Andalusia è ricca di cultura, storia e monumenti e due giorni possono essere pochi, ma organizzandosi si riuscirà a vedere il meglio della città e per il resto potreste magari ritornarci.


COSA VEDERE A SIVIGLIA

PLAZA DE ESPAÑA

Plaza de España fu costruita come centro nevralgico e sede degli uffici dell’expo iberoamericana organizzata a Siviglia nel 1929, risultando ancora oggi uno dei luoghi più conosciuti, e ovviamente fotografati, della città. Gli edifici, che ora ospitano gli uffici del governo (perché si sa, anche l’occhio dei politici vuole la sua parte), sono decorati con mattoni a vista e dipinti in ceramica, con il blu come colore predominante: non a caso sono chiamati azulejos (dallo spagnolo azul = blu).
Un piccolo canale attraversa Plaza de España, contribuendo all’atmosfera magica e procurando alla piazza il paragone ad una piccola Venezia.

CATTEDRALE DI SIVIGLIA E GIRALDA

Se sei alla caccia di record e peculiarità, la Cattedrale di Siviglia ha materiale da vendere:

  • tanto per cominciare è la cattedrale gotica più grande che esiste (con una superficie quasi equivalente a due campi da calcio);
  • vanta poi la pala d’altare più grande del mondo cristiano, una delle opere in legno più spettacolari del suo tempo;
  • inoltre vi si conserva la presunta tomba di Cristoforo Colombo, riportato in Spagna da L’Avana alla fine del ‘800. Il sarcofago è sostenuto da 4 grandi statuerappresentanti i regni antecedenti l’unione di Spagna: Castilla, León, Aragón e Navarra. Ma se tale monumento contenga davvero i resti del famigeratonavigatore genovese, probabilmente non lo sapremo mai;
  • infine il campanile (torre Giralda) era il minareto della moschea costruita dagliAlmohadi nel 12esimo secolo, quando Siviglia era capitale del califfato arabo. Il sultano che ne ordinò la costruzione è lo stesso che commissionò la Torre di Hassan a Rabat (Marocco).

PLAZA DE TOROS

La Maestranza. E’ così che gli abitanti di Siviglia si riferiscono alla Plaza de Toros, luogo dove centinaia di toreros hanno sfoggiato le loro abilità dal 1760, rendendola di fatto l’arena più antica di Spagna.

BARRIO SANTA CRUZ

Piccole vie ombreggiate intrecciate ad intime piazzette dove regnano la tranquillità e la calma di un popolo che non ha mai avuto fretta. Un labirinto di case, muri e fiori profumati: così si presenta il vecchio quartiere ebraico di Siviglia, il Barrio Santa Cruz, cuore della capitale andalusa.
Cosa assaggiare in uno dei numerosi tapas bar del Barrio Santa Cruz? La pringá Sevillana: simile a un panino tostato con paté di carne estremamente saporito.

REAL ALCÁZAR

E’ un antico palazzo reale costruito sui resti di unafortezza moresca. Diversi sovrani hanno sentito l’impellente bisogno di aggiungere il proprio tocco personale al palazzo, motivo per cui oggi risulta un affascinante mix di stili architettonici. Si tratta infatti di uno dei migliori esempi di architettura mudéjar, dove elementi tipicicristiani (romanici e gotici) si fondono con quelli islamici, stile sviluppatosi in Spagna nel periodo della riconquista cristiana.

La città di Siviglia è tra le più visitate di Spagna: la capitale dell’Andalusia è ricca di cultura, storia e monumenti e due giorni possono essere pochi, ma organizzandosi si riuscirà a vedere il meglio della città e per il resto potreste magari ritornarci.

L’ALCÁZAR

L’Alcázar (parola spagnola di origine araba che indica una fortezza) è l’emblema dello stile arabo che ha influenzato l’architettura dell’Andalusia, sebbene nel corso dei secoli ricostruzioni e ampliamenti l’abbiano portato ad essere un riflesso armonioso di varie culture.
Perché visitarlo? Perché il Palazzo Reale è il luogo-simbolo di Siviglia, grazie alle decorazioni dei suoi immensi spazi e ai suoi ancora più vasti giardini, dove, tra la fauna comune, troverete anche i pavoni.


LA MAPPA


IL MIO BOOK FOTOGRAFICO DI SIVIGLIA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL Book fotografico di Siviglia (Spagna)

IL Book fotografico di Siviglia (Spagna)

  • Le Cascate Kravice/Kravica della Bosnia ed Erzevovina vicine a Mostar e Međugorje
    Tra gli elementi naturalistici più affascinanti della regione, spiccano le spumeggianti cascate di Kravice, a circa 40 km da Mostar. Le acque del fiume Trebižat si ramifi...
  • Cafe Komiteti – Tirana (Albania)
    In Albania ci sono tanti ristoranti per tutte le tasche: prendere un drink al Cafe Komiteti è stata una bella esperienza soprattutto per lo stile retrò del periodo comuni...
  • Weekend a Marsala (Trapani) tra spiagge e saline, vino e isole abbandonate
    Marsala è una città bellissima: se decidete di passare un weekend o una settimana da queste parti vi assicuro che le attrazioni sono veramente tante! Cittadina con poco p...
  • Foto – Hotel Almond Business Suites – Nicosia sud (Cipro)
    Il book fotografico completo dell’ Hotel Almond Business Suites di Nicosia sud (Cipro), durante il mio viaggio fatto nell’aprile 2019...
  • TTG di Rimini – Guida alla fiera del turismo che un blogger non può perdere
    Se sei un blogger, un'agenzia di viaggio, un giornalista, un appassionato di viaggi, un tour operator operator o altro ancora, non puoi certamente perdere il TTG di Rimin...
  • Il genocidio di Srebrenica (Bosnia ed Erzevovina) e il cimitero memoriale Potočari (8372)
    Conoscete Srebrenica? Qual è il più grande genocidio in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale?A scuola non se ne parla ... a volte non c’è nemmeno traccia nei libri di sto...
  • Dal Lago di Alleghe alla Cascata Ru De Rialt: le Dolomiti che non ti aspetti
    Girovagando per le Dolomiti quasi per sbagli ho scoperto questa cascata a poche centinaia di metri dal famoso Lago di Alleghe. Uscendo dal centro di Alleghe in direzione ...
  • Foto – Phrae (Thailandia)
    Il book fotografico completo nella cittadina di Phrae sita nel nord della Thailandia, durante il mio viaggio in Asia del novembre 2018....
  • Parco Archeologico / Templi di Selinunte: il più grande d’Europa
    Il Parco archeologico di Selinunte, conserva i resti monumentali di alcuni templi intorno all’acropoli e altri su una collina più interna e insieme a costruzioni secondar...