Video -Kiev (Ucraina) – Estate 2009

Pagina

Quarta parte del Viaggio estivo 2009, tra Bucarest (Romania), Chisinau (Moldavia), Tiraspol (Transnistria), Kiev (Ucraina) e Mosca (Russia)! In questa sintesi montata ammirerete le bellezze della capitale UCRAINA!!!


 

 

Kiev (in in ucraino: Київ, traslitterazione Kyïv,  in russo: Киев) è la capitale e la maggiore città dell’Ucraina. Conta 2,6 milioni di abitanti, anche se il grande numero di immigrati interni non registrati può probabilmente portare la cifra a circa 4 milioni.

La città dispone di tre linee della metropolitana (lunghezza totale 65,8 km). Chi visita Kiev in maggio può assistere al festival della primavera. La ‘città vecchia’ è costruita sulle colline che sovrastano il fiume Dnepr. Nei fine settimana, le strade di Kreščatyk (il centro della città) vengono chiuse al traffico automobilistico, e riservate ai pedoni. Molto interessante anche la zona ‘Podil’.

La città sorge nella parte settentrionale dell’Ucraina, sulle rive del fiume Dnepr, non distante dal confine bielorusso in direzione di Homel’.

Kiev ha un clima continentale, molto freddo in inverno e caldo in estate. La temperatura media di gennaio è di -6 °C, quella di luglio si attesta sui 20 °C.

Kiev fu fondata probabilmente molto prima del V secolo, e funzionò come snodo commerciale tra Costantinopoli e il nord-est europeo. Lo storico goto Giordane registrò l’esistenza della città con il nome di Danaprstadr. Quando la regione finì sotto l’influenza slavo-variaga, la città divenne nota come Kyiv (la leggenda parla di una figura fondatrice di nome Kyi) e fu eletta a Madre delle Città Russe da Oleg di Novgorod. Tutta la regione intorno a Kiev era nota con il nome di Rus’ e i kieviani erano chiamati generalmente.

Dall’882 al 1169 Kiev fu la capitale del principale stato Variago/Slavo orientale, noto come Rus’ di Kiev. Devastata dall’invasione dei Mongoli nel 1240, passò successivamente sotto il governo dello stato di Galic’ di Volinia (prima del 1264) e quindi a Lituania (1362), Polonia (1569), uno stato cosacco ucraino di breve durata (1648), e alla Russia.

Il 19 settembre 1941, durante la seconda guerra mondiale, nell’ambito dell’Operazione Barbarossa, la Germania occupò Kiev, distruggendo una grossa divisione dell’Armata Rossa che controllava la zona e prendendo più di 650.000 prigionieri. Il 29 e il 30 settembre a Babi Yar, nei pressi di Kiev, un Einsatzgruppen delle SS eseguì l’omicidio di massa di 33.771 Ebrei. La città rimase in mano tedesca fino a quando venne ripresa dall’Armata Rossa sovietica il 6 novembre 1943. Per il suo eroismo durante la guerra, la città venne in seguito premiata con il titolo di Città eroina.

Dopo 57 anni passati come capitale della RSS Ucraina dell’Unione Sovietica, Kiev nel 1991 divenne la capitale dell’Ucraina indipendente.

Il 23 ottobre 2004 a Kiev vi fu una manifestazione a sostegno del candidato presidenziale ucraino Viktor Yushchenko. La manifestazione era stata organizzata davanti alla Commissione elettorale centrale sulla piazza Lesia Ukrainka. Nella manifestazione partecipavano circa duecentomila dimostranti provenienti da tutta l’Ucraina.
Manifestazioni di Euromaidan
Exquisite-kfind.png     Per approfondire, vedi Euromaidan.

Dal 21 novembre 2013, a seguito della sospensione dell’accordo di associazione tra l’Ucraina e l’Unione europea voluta dal governo del presidente Yanukovych, migliaia di manifestanti, sostenuti dai principali partiti di opposizione, si sono riuniti in Piazza dell’Indipendenza per protestare contro il presidente filo-russo. Dopo mesi di scontri (che hanno provocato la morte di diversi manifestanti e poliziotti), il 22 febbraio 2014 Yanukovych è stato deposto dal nuovo parlamento, che non è stato però riconosciuto come legittimo dalla Russia.

La chiesa di Santa Sofia a Kiev, iniziata nel 1037, venne disegnata per emulare lo splendore delle chiese bizantine, riflettendo la percezione della cristianità dell’Impero Bizantino. Il tempio, fino al 1240, era per dimensioni il secondo dell’intera Cristianità. Anche se è dedicato alla “Santa Sapienza”, come la grande cattedrale di Hagia Sophia a Costantinopoli, l’edificio ha una forma nettamente differente – invece che una singola cupola semisferica che si innalza dal corpo dell’edificio, la cattedrale di Santa Sofia a Kiev ha 13 cupole a cipolla montate su tamburi. La ragione è che gli ingegneri bizantini che la costruirono dovettero rinunciare alla pietra e usare esclusivamente mattoni su un terreno che non era abbastanza solido. La cupola centrale è più grande delle altre (e nel più recente rinnovo, dorata), ma non di molto. La cattedrale, nel corso del tempo, ha perso alcuni dei corpi costruttivi ed è oggi più modesta rispetto alla costruzione originale.

(Fonte Wikipedia)

Altri articoli interessanti