VIDEO – On the road con un fuoristrada per 2400 KM in Islanda – 12 giorni di avventura

Video

 

 

Un viaggio lungo 2400 km percorrendo l’intero perimetro islandese su un fuoristrada!!! Un’esperienza unica e irripetibile, pazza e selvaggia!
L’Isola è nota per la sua attività vulcanica ancora prima che, nel 2010, la gigantesca nuvola di cenere prodotta dall’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull mettesse in ginocchio il traffico aereo e l’economia europea.
Isola geologicamente molto giovane con una forte attività vulcanica e geotermica che ne caratterizza il paesaggio. Fiumi e cascate (per lo più alimentate dal Vatnajokull, il più grande ghiacciaio d’Europa) scorrono in zone vulcaniche inaccessibili, mentre i territori interni portano ancora i segni della loro genesi, intaccati solamente dall’erosione del vento e dei ghiacci. Scenari lunari creati dal transito della lava, distese di muschio, colline verdeggianti, ghiacciai che si gettano in mare. Poi geyser, soffioni, sbuffi e calde pozze naturali dove immergersi mentre fuori c’è il gelo, deserti di lava, fiordi, fiumi, laghi e cascate a non finire.

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Vola a 9€ con Vueling se prenoti dall’8 all’11 marzo 2016

Standard

La compagnia Catalana Vueling Airlines da questa mattina è in promozione con una strepitosa offerta da non perdere! Con questi prezzi non hai più scuse: programma il tuo prossimo viaggio!

Dall’8 all’11 marzo prenota i tuoi voli a partire da soli 9 € e vola dal 30 marzo al 15 agosto 2016 per raggiungere una delle seguenti destinazioni:

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Odessa-Одесса-Одеса (Ucraina-Ukraine-Україна) 2015 – Cosa vedere, storia, foto e video

Standard

Ci siamo lasciati a Leopoli (Ucraina) …

Dopo due giorni fantastici a Leopoli .. (Львів in ucraino o  Львов  in russo) dove ho potuto ammirare una città ricca di monumenti e architetture rinascimentali, barocche, neoclassiche, gotiche e medievali che la fanno assomigliare a Parigi (non per niente vi son stati ambientati anche film come “I tre moschettieri”) vado via da questo posto incantevole e da questa atmosfera mitteleuropea e mi dirigo alla stazione ferroviaria!
Alle 21:31 mi aspetta una cuccetta in prima classe per un viaggio notturno lungo 12 ore che mi porterà al mattino nella “Rimini dell’Ucraina” ovvero la città più importante e più turistica del Mar Nero per il popolo dell’Ucraina: Odessa!

DCIM101GOPROG0811507.


Dopo 12 ore piene di treno finalmente arrivo ad Odessa! Ho dormito praticamente tutta la notte come un ghiro e adesso mi sento molto carico. La prima classe delle ferrovie ucraine non è per niente male: condividi la cuccetta soltanto con una persona e in linea di massima in queste carrozze non si incontrano persone “strane”.

Il tempo di scendere dal treno, effettuati i soliti patteggiamenti con i tassisti abusivi e con circa 70 grivnie (circa 2,60€) e in 15 minuti di strada finalmente mi trovo presso l’hotel 4 stelle “Vele Rosse” dove pernotterò per i prossimi 3 giorni.

odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_001


Odessa

Città eclettica di circa un milione di abitanti mostra subito tutte le sue contraddizioni con i suoi palazzoni del regime comunista in contrapposizione con i palazzi sfarzosi dei primi novecento progettati dai famosi architetti italiani. Il centro storico di Odessa è ben delineato e termina affacciandosi sul porto antico della città, ritenuto il più importante del Mar Nero. Grazie al clima mite e alle grandi spiagge è una rinomata e popolare località di villeggiatura. A Odessa convivono vari stili architettonici: rinascimentali e liberty…le cupole dorate e le case dai colori tenui, creano un suggestivo mix che ha il sempre il suo fascino.
DCIM101GOPROG0891648.

Il sottosuolo cittadino invece è attraversato da tunnel che raggiungono la lunghezza totale di centinaia di chilometri, utilizzati in passato come catacombe o nascondigli per contrabbandieri.

Puoi muoverti comodamente a piedi tra boulevard e palazzi “alla francese”, negozietti e giardini. Odessa è una città in continuo fermento, molto viva e ha quasi raggiunto quegli standard di accoglienza e di comodità tipiche delle capitali europee! Sicuramente il Mar Nero non è una meta molto gettonata per noi italiani ma vi assicuro che se cercate un posto per fare vita mondana, visitare bei posti e spendere poco…quello è il posto giusto per voi! Anche grazie agli Europei di calcio del 2012, hanno portato alla ribalta questo Paese finora piuttosto “sconosciuto”, tanto che proprio questo è stata la spinta ideale per far sì che l’Ucraina iniziasse ad aprirsi alla modernità e quindi al turismo.

Nonostante l’impegno e la voglia di scambi e conoscenze, l’approccio con la gente resta piuttosto difficoltoso. Nelle comunicazioni più semplici con persone sopra i 35/40 anni quasi nessuno parla l’inglese e se lo fanno è in modo piuttosto stentato; per quanto riguarda il commercio, l’euro non è ben accetto se non in rarissimi contesti, per cui occorre cambiare nella moneta locale: la Grivnia ucraina (UAH). Il livello di polizia e controlli in città è molto alto anche per il rischio di eventuali tensioni e manifestazioni che potrebbero insorgere proprio nella città di Odessa divisa a metà tra chi vuole annettersi alla Russia e chi vuole l’Europa.

odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_046


Cosa vedere

Primorsky Boulevard: è sicuramente il viale alberato più conosciuto della città con lampioni in ferro battuto, deliziose panchine e costeggiato da edifici architettonicamente meravigliosi e ben tenuti.

Passeggiando verso la zona occidentale puoi incontrare Palazzo Vorontsov costruito nel 1826 in stile classico, residenza del conte che da lui prese il nome e che divenne il terzo governatore della città. Bellissimo il colonnato situato sul retro che offre una veduta panoramica della città proprio sul porto.

Il Colonnato del Palazzo Vorontsov

Il Colonnato del Palazzo Vorontsov

Al lato opposto, invece, nella parte orientale del viale, è visibile il Municipio riconoscibile per le colonne bianche e rosa che lo caratterizzano e la statua di Pushkin, il grande poeta russo, ricordato come “cittadino di Odessa”.

Scalinata Potemkin: conosciutissima in tutto il mondo in quanto location di uno dei film più famosi nella storia del cinema (La corazzata Potemkin), venne progettata dall’architetto italiano Francesco Boffo e conta 192 scalini. L’effetto ottico che si prova alla sommità è decisamente incredibile: i gradini inferiori, infatti, sono più larghi di quelli posti in cima per cui guardando dall’alto si vedono solo dei tratti orizzontali e non gli scalini che la compongono.
Curiosità:
Almeno per noi italiani questo posto è anche conosciuto grazie al ragionier Ugo Fantozzi e dal suo eroico grido di ribellione “Per me, la corazzata Potiomkin è una cagata pazzesca!” nel film “Il secondo tragico Fantozzi”.

Scalinata Potemkin

Scalinata Potemkin

Vulytsya Derybasivska: è la strada più commerciale della città dove puoi perderti tra boutique, ristoranti e caffè di ogni tipo. Molto carino è il Giardino pubblico, una piccola oasi di verde gradita e frequentata soprattutto in estate. Proprio davanti ci sono diverse bancarelle, tappa ideale per ogni turista desideroso di portarsi a casa qualche souvenir locale. Curiosa e insolita è la presenza della “dodicesima sedia”, una scultura in bronzo che ha attratto anche la mia attenzione! Si tratta proprio di una vera e propria sedia, fotografata da tutti, che ricorda la figura misteriosa e protagonista di un romanzo satirico di Ilya Ilf e Yevgeni Petrov, intitolato “Le dodici sedie”, ambientato ad Odessa e dalla trama piuttosto singolare.

Dall’altra parte della strada si trova il Passazh, una galleria con copertura in vetro che presenta un’architettura in stile neorinascimentale. Un piccolo capolavoro d’arte con festoni e particolari scultorei di grande effetto!

Cattedrale della Trasfigurazione (Cattedrale Preobrazhensky) è la più imponente e maestosa della città, che si affaccia sulla verdeggiante piazza Soborna.


Odessa è anche un città d’arte e musei:

Il museo archeologico è stato costituito da E.Blamberg nel XVIII secolo, con il sostegno della Società di Storia e di Antichità di Odessa.

Il museo archeologico

Il museo archeologico

Il Museo di Arte Occidentale e Orientale sito in un palazzo del XIX sec è senza dubbio uno dei più famosi e visitati.
A seguire ecco il Museo Pushkin che è ospitato proprio nella dimora abitata dal poeta durante il suo soggiorno a Odessa e il Museo delle Belle Arti di Odessa che raccoglie una collezione molto interessante di arte russa e ucraina.

Da non perdere, infine, il Teatro dell’Opera e del Balletto, vero simbolo della città e uno dei più bei teatri d’Europa, sede degli spettacoli e della rinomata Compagnia del Balletto di Odessa. Se siete appassionati del balletto o della lirica non posso che consigliarvi di andare in questo magnifico teatro: una struttura di stile classico e tradizionale ma di recentissima costruzione con elaborate decorazioni in oro.

Teatro dell’Opera e del Balletto

Teatro dell’Opera e del Balletto

Ad Odessa i musulmani hanno una lunga tradizione. La città è stata costruita sul sito di un antico insediamento Tartaro chiamato Hadzhibey. Se andate a Odessa non potete non visitare questa stupenda moschea Al-Salam.
odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_057

Shopping e cucina

Tantissimi e vari sono i souvenir che si possono acquistare nei negozi o nelle diverse bancarelle del centro. Dagli oggetti della flotta marittima a quelli in legno, dai tessuti ai ricami più esclusivi ai libri (rigorosamente in lingua russa) alle famose matrioske, dai quadri alle specialità gastronomiche della zona (miele, liquori, caviale, ecc). E per gli amanti dei regali davvero esclusivi e originali, non può mancare la sosta in un atelier che vende … spettacolari esemplari di farfalle vive, ne racconta la storia e le loro particolarissime caratteristiche!

odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_025


Arcadia e le sue spiagge

Essendo una città di mare, Odessa ha molti chilometri di spiaggia ma la parte più famosa è quella sicuramente di Arkadia. Una zona che la sera diventa il quartiere dei divertimenti con le più famose discoteche dell’Ucraina: una sorta di Ibiza del Mar Nero. Non si può andare a Odessa e non vedere Arkadia! Vi consiglio di prendere un taxi e con poche grivnie a prescindere da dove vi troviate sarete trasportati in questo posto pieno di vita e divertimento con circa 70/80 girvnie pari a 3€ circa.

Faccio una piccola premessa: personalmente vivo in Sicilia e quindi in estate non vado mai a fare una vacanza di solo mare all’estero o in Italia perchè le spiagge e l’acqua cristallina che ho a qualche chilometro di distanza da casa mia sono a dir poco eccezionali! Sono notoriamente sempre molto critico per quanto riguarda ciò … ma … per i miei personalissimi parametri e gusti senza ombra di dubbio posso sicuramente dire: NON ANDATE A ODESSA/ARKADIA PER IL MARE!!

Sarà stato forse che ho beccato la settimana dove l’acqua è molto sporca per via dell’eccessiva presenza di turisti o per altro ma l’acqua è praticamente oleosa, piena di alghe e di color verdastro e nel percorso verso la spiaggia ho visto un bagnasciuga super affollato.

odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_024

Invece vi posso sicuramente dire: ANDATE A ODESSA/ARKADIA PER IL LA VITA NOTTURNA, SHOPPING, PISCINE, MONUMENTI MA ANCHE PER LA VITA MONDANA IN GENERALE!

Arcadia è formata da una stradina stretta e lunga piena di locali, ristoranti, pub, negozi, e discoteche all’aperto che si susseguono l’un l’altro a ritmo di musica! Quando entri ad Arkadia non sembra neanche di essere più in Ucraina e non ha nulla da invidiare ad altri posti simili come Ibiza o Santorini! Arcadia è il luogo ideale per divertirsi fino a tarda notte nelle estati di Odessa: numerosi locali, alcuni anche di pregevole fattura, tanti ragazzi e ragazze pronti a divertirsi e i drink sono abbastanza economici se paragonati al costo in Italia!

odessa _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_001_074



GUARDA IL BOOK FOTOGRAFICO COMPLETO DI ODESSA

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE Il book fotografico di Odessa (Ucraina)

Il book fotografico di Odessa (Ucraina)


Dopo 3 giorni in questo bellissimo gioiellino del Mar Nero è arrivato il tempo di intraprendere un’avventura nell’avventura: da Odessa (Ucraina) mi trasferirò a Tiraspol nello stato fantasma della Transnistria. Non trascurando sempre il fatto che sarò in viaggio completamente solo e in uno stato non ricosciuto da nessuno, tenterò di raggiungere Tiraspol tra mille vicissitudini e mille pericoli.

IL VIAGGIO CONTINUA … NEL PROSSIMO ARTICOLO

next

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Da Zahony (Ungheria) a Užhorod (Ucraina) in autostop per visitare l’oblast’ della Transcarpazia

Standard

 

Ci siamo lasciati a Budapest …

Dopo questa parentesi ungherese è arrivato il momento di cambiare aria e nazione!
Dalla stazione Nyugati di Budapest alle ore 07:23 prendo il treno diretto per la piccola cittadina di Zahony che conta meno di 5.000 anime ma crocivia tra Unione Europea/NON Unione Europea con la sua dogana tra Ungheria e Ucraina

Sceso dal treno mi ritrovo nella stazione di Zahony!
Non proprio un posto molto raccomandabile sia per facce che vedo ma anche dai movimenti strani si capisce benissimo che da queste parti c’è qualcosa di “caldo”.
Qui siamo ancora in Unione Europea visto che l’Ungheria fa parte dei 28 paesi membri dell’UE ma a pochi chilometri da me si intravede già l’Ucraina. Un paese spaccato in due dopo il 21 novembre 2013 quando iniziarono le prime manifestazioni Euromaidan proprio a Maidan Nezalezhnost (la piazza Indipendenza nel centro di Kiev) che divisero la popolazione ucraina prevalentemente in due: quella occidentale a favore dell’UE e quella orientale più filorussa e quindi contro l’UE.
La mia meta per questo primo pomeriggio è Užhorod in Ucraina o come scrivono dall’altra parte della frontiera Ужгород. La prima cosa che devo fare è andare via da questo postaccio a maggior ragione se viaggi da solo, hai 2 trolley, un borsa porta notebook, un Samsung S6 come smarphone e uno zaino con dentro tutta la roba per la fotografia e il video come la mia inseparabile reflex Canon 700D con i vari obiettivi, una GoPro silver 4 appena sfornata e una videocamera.
budapest_ungheria_2015_www.giuseppespitaleri.com_078
Non passo certamente inosservato qui! Per questo motivo mi dirigo subito fuori la stazione ferroviaria per prendere un taxi più o meno ufficiale che mi porti fino alla dogana ungherese per fare tutti i controlli di routine e da li poi oltrepassare a piedi anche la Ucraina.
Arrivato fuori la stazione vengo accerchiato da 2/3/4/5 uomini che a loro dire fanno la tratta stazione centrale/dogana abusivamente al costo di 5/10 € ma non mi sembrano facce molto raccomandabili e allora temporeggio un pò fino a quando alle mie spalle sento una coppia sulla cinquantina parlare tra di loro in ucraino e dire un paio di volte la parola magica Užhorod, Užhorod, Užhorod!! A questo punto con un pò di incoscienza ma tanto spirito di avventura sfoggio le mie quattro parole di russo imparate per sopravvivere nelle zone dell’ex unione sovietica e gli faccio capire che anche io devo andare ad Užhorod e se era possibile avere un passaggio direttamente fino alla città! Da qui arriva la controproposta loro direttamente in moneta ucraina di 100 grivnie pari a 3,70€ visto che il cambio ad agosto 2015 è di circa 1€ = 27 UAH.
Senza pensarci su due volte rispondo in modo affermativo Да Да Да, poso i bagagli dentro la loro “nuovissima” macchina e ci incamminiamo verso la dogana ma neanche il tempo di fare 100 metri e la coppia di coniugi fanno salire in macchina un altro uomo fermo in una specie di bar che ovviamente si siede accanto a me sui sedili posteriori. A questo punto faccio un pò di mente locale e rifletto che se riesco ad arrivare veramente a Užhorod ho avuto una gran botta di fortuna perchè con una minima spesa evito di oltrepassare a piedi due dogane ma in caso contrario rischio di rimanere in balia di questi perfetti sconosciuti che possono derubarmi di tutto e lasciarmi in mutande!
Arrivati alla dogana ungherese attendiamo circa 20/25 minuti e subito dopo mi ritrovo la dogana Ucraina dove l’attesa si protrae per circa un’ora ed è proprio qui che cerco di capire un pò la situazione: la coppia di coniugi parlano rigorosamente solo ucraino invece tramite l’uomo che è seduto al mio fianco che parla anche inglese riesco a capire che lui fa spesso questa tratta e viaggia quasi sempre con passaggi di fortuna ma a differenza mia si fermerà una decina di km prima di Užhorod.
A questo punto capisco che tutti e due siamo nella stessa barca e iniziamo a dialogare un pò e scopro che è un appassionato di musica italiana e ama Celentano, Toto Cutugno e Riccardo Fogli e inizia a cantarmi qualche pezzo in italiano che filmo subito con la mia GoPro.

budapest_ungheria_2015_www.giuseppespitaleri.com_079Cantando i grandi classici della canzone italiana passiamo la dogana Ucraina e il signore al mio fianco viene accompagnato a Čop (Чоп in Ucraino) ovvero la prima cittadina subito dopo la frontiera così rimango da solo con i due coniugi e ci incamminiamo finalmente verso Užhorod!

 

Lungo il tragitto la coppia tenta di parlare in ucraino con me e una volta comunicato il nome del mio hotel a loro dire stiamo marciando direttamente verso l’Olymp Hotel ma dai loro dialoghi ho la vaga sensazione che stanno tentando di fregarmi e depositarmi nel primo hotel di Užhorod in modo da sbarazzarmi di me e prendersi i soldi.
Per non tirare troppo la corda faccio il finto tonto, mi faccio lasciare in questo fantomatico hotel, prelevo al bancomat un pò di moneta locale, pago le 100 grivnie pattuite e subito dopo i signori vanno via! Ovviamente non appena entro in hotel e chiedo informazioni alla reception mi confermato la mia prima sensazione: non si tratta dell’Olymp Hotel ma di un altro hotel e quindi faccio chiamare direttamente dalla signorina un taxi e con 20 grivnie circa 0,80 € finalmente arrivo a destinazione.


Il book fotografico di Užhorod

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE Il book fotografico di Užhorod (Ucraina)

Il book fotografico di Užhorod (Ucraina)

Užhorod (in ucraino: Ужгород) è una piccola cittadina di circa 110.000 abitanti dell’Ucraina occidentale al confine con la Slovacchia e l’Ungheria. E’ attraversata dal fiume Už (Уж) ed è capoluogo dell’Oblast’ (regione) della Transcarpazia.
Proprio a causa della posizione di frontiera e della moltitudine di etnie che vi hanno vissuto nel corso dei secoli, la città si è arricchita di numerose denominazioni: in ucraino Ужгород (Užhorod), in ruteno Ужгородъ (Užhorod”), in russo Ужгород (Užgorod), in slovacco e ceco Užhorod, in ungherese Ungvár, in tedesco Ungwar o anche Ungstadt ed altre traslitterazioni meno scientifiche, ricalcate sul toponimo russo (quali Uzhgorod, Ushgorod, Uzgorod ecc.), godevano di una certa diffusione ai tempi dell’Unione Sovietica.

Se avete intenzione di visitare la cittadina dovete mettere in conto che non siamo certamente a Lviv, Odessa oppure a nella capitale Kiev.
Il turismo da queste parti non è certamente una fonte di ricchezza primaria e i turisti che si vedono in giro sono veramente pochi! Tanto per farvi un’idea basta digitare su google il nome della città e potete ben capire dai risultati che in pochissimi sono stati in questo posto e ancora di meno hanno recensito o scritto qualcosa.

Come tutte le città poco turistiche ci sono i pro e i contro:

I pro:

  • Prezzi dei taxi bassi (una tratta i 4/5 km circa 20 grivnie – 0,7/0,8 €)
  • Prezzi dei ristoranti bassi (zuppa borsch, pane e birra 0,5 cl circa 50 grivnie – 2€)
  • Prezzi degli hotel bassi (un 4 stelle con piscina e sauna l’ho pagato 220 grivnie – 8€)
  • Puoi goderti la città senza troppo caos
  • Girovagando potrai mescolarti con la popolazione locale visto che ci sono pochi turisti
  • Il turista è trattato bene e viene rispettato
  • Si mangia bene

I contro:

  • Se non conoscete almeno qualche parola in russo e leggere il cirillico siete veramente messi male! La nuova generazione parla in linea di massima l’inglese ma le persone dai 40 anni in su decisamente no! I problemi possono nascere quando vi sedete in un ristorante e vi portano il menu rigorosamente tutto scritto in cirillico, quando dovete prendere un taxi e nel 99,9% dei casi non parlano inglese, quando dovete comprare qualcosa o quando perfino nell’hotel parlano un inglese maccheronico! Prima di entrare in Ucraina specialmente se viaggiate da solo come me vi consiglio di imparare almeno i numeri e le parole “salvavita” come quanto costa, devo andare alla stazione dei treni, portami in hotel, acqua, birra, ecc ecc.
  • Se viaggiate specialmente da soli come me evitate i vicoli bui, evitare di trovarvi sia di giorno e ma specialmente di notte in zone malfamate e camminate sempre nelle vie principali. Ammetto che di tutto ciò non ho fatto completamente nulla perchè in quanto “malato” di fotografia e video mi piace addentrarmi tra i vicoletti più internati ma dopo la mia esperienza a Užhorod posso sicuramente dirvi che come tutti o cittadine non turistiche il turista è guardato con un occhio particolare! Durante il giorno andavo in giro con lo zaino da battaglia con tutta l’attrezzatura per foto/video dentro ma evitavo di tenere per lunghi periodi la reflex al collo. La notte invece anche a causa dell’illuminazione veramente molto molto scarsa per non espormi troppo andavo in giro come un semplice cittadino con una tracolla e dentro un il cellulare (se avete una buona fotocamera incorporata è ancora meglio perchè specialmente di sera fare delle belle foto è un problema) e per fare qualche video la GoPro.


Cosa vedere

La stazione ferroviaria vale la pena di essere vista! Se arrivate o ripartite in treno da/per Kiev, Lviv, Chernivtsi, Simferopol, Odessa, Kharkiv, Mosca non potete fare a meno di scattare qualche foto! Tipica struttura ex sovietica che ha avuto un restyling nell’ottobre 2004. Si trova su piazza Heorhiy Kirpa.
uzhorod _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_009

Il Castello di Uzhgorod (ucraino: Ужгородський замок) è una vasta cittadella su una collina. I primi edifici in pietra sul sito del castello sono datati al XIII secolo. E’ una struttura difensiva rettangolare con bastioni romboidali che richiamavano i castelli del Sud Italia.
uzhorod _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_040

La cattedrale dell’Esaltazione della Croce è una chiesa bizantino-rutena, la chiesa madre dell’eparchia di Mukačeve. È dedicata all’Esaltazione della Santa Croce.  La chiesa fu costruita in forme barocche nel 1646 a cura dei padri della Compagnia di Gesù grazie a donazioni provenienti dalla nobile famiglia Drugeth. Subì alcuni danni durante la guerra di indipendenza di Rákóczi (1703-1711). Fu ricostruita sempre in forme barocche fra il 1732 e il 1740. Dopo che la Compagnia di Gesù fu soppressa nel 1773, l’imperatrice Maria Teresa d’Austria concesse ai cattolici di rito bizantino di prendere possesso della chiesa. Nel 1779 fu ricostruita a cura dell’architetto Gilebrand. Nel 1799 fu realizzata l’iconostasi. Durante il periodo sovietico la chiesa fu espropriata a favore della Chiesa ortodossa. Il 10 ottobre 1991 la Chiesa greco-cattolica rutena e l’eparchia di Mukačeve ottennero il riconoscimento dello Stato e la cattedrale fu riconsegnata ai cattolici. Il 29 giugno 2003 le reliquie del beato Teodoro Romža sono state traslate nella cattedrale.
DCIM100GOPROG0450846.

La sinagoga venne costruita nel 1904 in stile neomoresco venne vandalizzata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, ma non demolita, nel dopoguerra è stata restaurata e riadattata a sala da concerto, destinazione che conserva tuttora.

La Cattedrale del Cristo Salvatore è la principale chiesa ortodossa in Transcarpazia e si trova nella piazza Cirillo e Metodio. Alta 60 metri ha cinque cupole ed è stata costruita nel 1990 dopo la cattedrale di Santa Croce è stata restituita alla Chiesa cattolica rutena. Il moderno edificio può contenere fino a 5000 fedeli e nel suo piano terra contiene una cappella dedicata alla Esaltazione della Santa Croce. La cattedrale appartiene alla Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca). Nel 2008 la struttura è stato perquisita dalla National Security Agency per sospetto di attività separatiste.
uzhorod _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_011

Il fiume Už (ucraino: Уж) è un fiume dell’Ucraina e della Slovacchia. Il suo nome proviene dal dialetto Antico slavo e significa “serpente”. Il fiume è ghiacciato per buona parte dell’inverno ma durante il periodo estivo i cittadini di Užhorod si recano al fiume per pescare o farsi un bagno. Ovviamente si tratta di un fiume e da quello che ho visto non è poi proprio così pulito ma se vivi da queste parti e non la possibilità di recarti nella lontana Odessa se hai un pò un grande spirito di adattamento puoi immergerti in queste acque non proprio limpidissime
uzhorod _ucraina_www.giuseppespitaleri.com_059


Dopo due giorni di avventura ad Užhorod tra passaggi di fortuna, castelli, fiumi, chiese ortodosse e sinagoghe riadattate in sala concerto, adesso è arrivato il momento di rifare le valigie e andare alla stazione ferroviaria! Mi aspetta il treno delle 23:50 che mi porterà alle ore 06:20 presso l’incantevole la città del leone: Leopoli (in ucraino: Львів e traslitterato L’viv, in russo Львов e traslitterato L’vov)!
Dimenticavo …. Ci sono tre tipi di carrozze sui treni a lunga distanza in Ucraina e in tutti gli stati dell’ex unione sovietica: prima classe (SV), seconda classe (Coupe’) e terza classe (Platzkart) e in alcuni treni ci sono anche le carrozze cosiddette “con posti a sedere”, ovvero senza cuccette. Nelle carrozze di prima classe ci sono 2 letti in uno spazio riservato (cuccetta), in seconda classe ci sono 2 letti superiori e 2 letti inferiori in uno spazio riservato (cuccetta), in terza classe ci sono 4 letti in uno spazio non riservato (le cuccette sono aperte). Visto che la tratta in questione non aveva la prima classe ho deciso di comprare tutti e 4 i posti in cuccetta in seconda classe con 447,04 grivnie circa 16,50€ in modo da non condividere la cabina con nessuno e poter dormire tranquillamente per tutta la notte!

 

treno_da Uzhhorod_ucraina_ per lviv


IL VIAGGIO CONTINUA … NEL PROSSIMO ARTICOLO

next


 

 


 

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Budapest (Ungheria) agosto 2015 – Inizio dalla “Parigi dell’Est” il mio lungo viaggio

Standard

Il mio viaggio estivo 2015 inizia dall’Ungheria, precisamente dalla sua capitale Budapest!
Un lunghissimo viaggio tra 6 nazioni riconosciute e uno stato fantasma: Italia (Palermo/Roma), Ungheria (Budapest), Ucraina (Užhorod/Lviv/Odessa), Transnistria (Tiraspol), Moldavia (Chișinău), Romania (Brașov/Bucarest), Spagna (Barcellona).

Partiamo da come sono arrivato in terra magiara: utilizzando la compagnia catalana Vueling ho preso 2 voli con scalo programmato il primo con partenza dal capoluogo siciliano per Roma/Fiumicino alle 06.30 e da Roma/Fiumicino a Budapest alle 11.50!
Una volta arrivato a destinazione il transfert dall’aeroporto al centro di Budapest è stato facilissimo (se non volete prendere il taxi) basta prendere il bus numero 200 e poi a fine corsa la metro che vi porterà nelle fermata più comoda a voi.

Quando immaginiamo una vacanza, pensiamo subito alle capitali come Parigi, Londra, Roma, Berlino o Madrid e pochi considerano Budapest come una possibile meta!
Alcuni invece, più che per la propria bellezza e attrazione dall’idea di un viaggio nella lontana Ungheria si reca nella capitale ungherese per l’accessibilità dei costi del viaggio e degli alberghi ma una volta arrivati in loco si ricredono subito.

Budapest è una maestosa ed elegante città formata da Buda e Pest divise dallo scorrere del fiume Danubio. E’ una capitale nello stile dell’antica mitteleuropa così come Vienna e Praga (ma anche Belgrado). La tradizione culturale si rifà insieme a Vienna e Praga, all’impero austroungarico. L’Ungheria ha quasi 10 milioni di abitanti, 2 milioni e mezzo dei quali vivono nella capitale.

Budapest fu un’antica colonia romana e gli stessi romani furono i primi a sfruttare le centinaia sorgenti termali che si trovano nella ragione, molte delle quali sono ora delle terme pubbliche e rappresentano ancora una delle caratteristiche di questa capitale.
Nella città sgorgano ogni giorno milioni e milioni di litri d’acqua termale con una temperatura tra 20 e 76 °C. Incredibile è la varietà degli stabilimenti termali offerta, altissimo il numero di chi vi si reca quotidianamente, sia d’estate che d’inverno, per poche ore o per l’intera giornata per rigenerare corpo e mente.

Ma Budapest non è solo questo! Avete mai sentito parlare del Sziget Festival?

Se vi recate a Budapest a metà agosto non potete non andare a questa grandissima manifestazione a livello continentale! E’ un festival musicale che si tiene sulla Óbudai-sziget (“isola della vecchia Buda”) in mezzo al Danubio e prende nome dalla parola ungherese sziget che per l’appunto significa isola. Inizialmente nasce come rassegna per gruppi locali nel 1993 per poi aumentare e migliorare anno dopo anno il cast artistico. Ad oggi, è uno dei festival che conta più presenze in assoluto al mondo, grazie anche alla sua durata che a differenza di un normale festival è di una settimana!
Sziget Festival conta più di 60 palchi con musica dal vivo ma anche DJ set, spettacoli teatrali, proiezioni videocinematografiche, danza, esibizioni circensi, artisti di strada e manifestazioni sportive. È un evento unico nel suo genere, multimediale, aperto ad ogni espressione artistica e musicale, punto d’incontro di culture e tendenze disparate come pop, rock, metal, hip hop, blues, reggae, afro, world music, folk, elettronica, jazz, classica ed ogni altra sperimentazione sonora.
Proprio per la sua durata e l’afflusso di persone che si recano a Budapest in quel periodo, sorge la necessità di creare una rete di servizi a servizio del turista: dal fruttivendolo alla farmacia, dal cambio valuta al punto ricarica per telefoni, dal deposito bagagli a quello valori. Nello specifico E’ possibile acquistare un biglietto per l’intero periodo del festival quindi 7 giorni, 5 giorni o anche per solo un giorno!

Dopo questa lunga premessa potete ben capire che Budapest è una città pronta a soddisfare tutte le vostre esigenze e stili di vita, completa a 360 gradi: adatta dal giovane che ama la musica reggae all’avvocato che vuole rilassarsi!

Personalmente sono rimasto a Budapest un paio di giorni e ho cercato di fare un po’ tutto quanto! Ho cercato di visitare il più possibile la città, sono andato alle terme e ho assistito anche al primo giorno del Sziget Festival dove ha suonato anche Robbie Williams.

 


Per chi ama più un viaggio relax vi illustro le terme più famose e secondo me più belle di Budapest:

 

Il bagno Széchenyi (dove sono andato io)
budapest_ungheria_2015_www.giuseppespitaleri.com_031

I bagni Széchenyi sono uno degli stabilimenti storici di Budapest nonché uno dei più grandi di tutta Europa con le sue 5 piscine e i 12 bagni termali. La maggior parte delle vasche è all’aperto ma la temperatura dell’acqua delle sorgenti, che in alcuni casi raggiunge 77 gradi, ed il conseguente vapore determinato dal calore consentono di giovare dei bagni anche in pieno inverno.Le terme Széchenyi prima stazione termale di Pest nel cuore del Parco Cittadino (Varosliget) hanno aperto i cancelli nel 1913. Sono ospitate in un pittoresco complesso di edifici in stile neobarocco che si impone in tutta la sua eleganza negli stucchi, nelle statue, nei mosaici, nelle decorazioni che rendono queste terme oggetto di grande ammirazione. Capolavoro gigante e maestoso da non perdere; particolarmente bella la sala con la cupola decorata da uno splendido mosaico in vetro.


I bagni Király

Le terme Király furono costruite nella seconda metà del ‘500 dal pascià di Buda Mustapha Szokoli. Perfettamente ristrutturate nelle forme originali, sono uno dei più bei esempi di architettura termo-balneare ottomana. Di epoca turca è il bagno perfettamente conservatosi alimentato dalla vicine fonti Lukás dove si trova l’omonimo bagno. I bagni Király si distinguono per le quattro cupole, di cui una sormontata dalla mezzaluna d’oro. All’interno della struttura di pietra si trova la bella la sala-cupola con la piscina ottagonale.

I Bagni Rudas

I Bagni Rudas risalgono alla metà Quattrocento e conservano più di ogni altri il fascino e la sontuosità degli antichi bagni turchi. bagni kiraly budapestSono alimentati da ben 18 sorgenti. Delle acque di tre di queste fonti (la Juventus, l’Attila e la Hungaria), ricche di calcio e magnesio, è possibile abbeverarsi direttamente dai rubinetti. Sotto la cupola semisferica, retta da otto colonne, si trova una piscina ottagonale (foto). La luce che filtra dalle finestre punteggianti la cupola crea, insieme all’acqua, uno splendido gioco di colori e riflessi contribuendo ad accrescere l’incanto di questo luogo. Nei weekend ospita pool party e serate lounge.

I bagni Rác

I Bagni Rác erano conosciuti sin dal ‘400 ed erano noti come “le terme reali”. Si narra, infatti che il re Mattia fece costruire un corridoio per collegare le terme al Palazzo Reale. Nel ‘500 i Turchi realizzarono la piscina con cupola conferendo così ai bagni la chiara impronta ottomana. Con la ristrutturazione del 1869 assunsero uno stile più eterogeneo. Oggi, dopo un ennesimo rimaneggiamento, le terme Rác sono parte di un lussuoso albergo, il Racz.

I Bagni Gellért

I Bagni Gellért sono senza dubbio i bagni termali più famosi di Budapest. Un vero e proprio gioiello architettonico impreziosito da favolosi mosaici di ceramica “Zsolnay”, statue in marmo, vetrate dipinte; un elegante edificio in stile Liberty che colpisce per l’ imponenza della struttura, lascia incantati per lo sfarzo degli ambienti e degli arredi originali in stile Art Nouveau.
Il complesso termale Gellért sorge ai piedi della collina Gellért laddove, sin dal Duecento, si riteneva esistessero sorgenti miracolose. Venne costruito durante gli anni della Prima Guerra Mondiale, terme gellert budapestfu inaugurato nel 1918 ed in breve è diventato la meta preferita dai turisti stranieri ed ungheresi. Oltre al bagno termale e all’annesso hotel di lusso, sono presenti una piscina aperta ad onde artificiali circondata da un bel parco e da una terrazza, e una piscina coperta di acqua gassata con tetto apribile, piccolo capolavoro di architettura. Le terme Gellért sono l’ideale per rilassarsi e/o curarsi grazie alla piacevole temperatura delle acque (da 27 a 48 gradi) ed ai loro salutari effetti, ai massaggi e a trattamenti di cui si può beneficiare. Ma sono anche il modo per “tuffarsi” in un’altra epoca, quella della Belle epoque ungherese dei primi del Novecento. Un’esperienza da provare dunque, un posto unico, bello ed originale che merita senz’altro una visita.


 

Per chi ama invece i tour fotografici per la città o una vacanza culturale vi consiglio:


Il centro di Budapest

Via Andrassy è il viale più belli di Budapest ed è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell”Umanita dall’Unesco. Attraversando il viale si incontrano il Teatro Nazionale dell’Opera, la vecchia Accademia di Musica, l’Università delle Belle Arti, la Piazza Kodaly, ricca di statue, e la magnifica Piazza degli Eroi, con il Monumento del Millennio, il simbolo di Budapest.

Il lungodabubio di Budapest

Il lungodanubio di Budapest vanta dei meravigliosi ponti ed è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco. Oltre a passeggiare lungo il Danubio, per ammirare il suo splendore dall’alto, ci si può recare presso il Palazzo della Fortezza, la Funicolare, o sul Monte Gherardo. Tra i ponti più belli del Danubio ci sono il Ponte delle Catene e il Ponte Margherita.


Szechenyi Lanchid – Ponte delle Catene

Szechenyi Lanchid è il famoso Ponte delle Catene ed è stato costruito nel 1849 per unire Buda a Pest. Precedentemente per poterlo attraversare si era obbligati a pagare il pedaggio.

Il Teatro Nazionale dell’Opera

Il Teatro Nazionale dell’Opera è uno dei più grandi d’Europa, ospita circa 1200 spettatori ed è stato progettato da uno dei più grandi architetti ungheresi di tutti i tempi: Miklos Yol. L’atrio vanta un soffitto a volta con magnifici affreschi raffiguranti le nove Muse e dorature. Il Teatro si può ammirare tutti i giorni con visite guidate, tranne che nei giorni di spettacoli.

Basilica di Santo Stefano

La Basilica di Santo Stefano è la chiesa più grande di Budapest e dalla sua cupola, raggiungibile salendo 302 scalini, o con l’ascensore, si può ammirare il paesaggio su Buda o il centro di Pest.

Sinagoga di Dohany utca

La Sinagoga di Dohany utca è la più grande d’Europa e la seconda del mondo e può accogliere fino a tremila persone. Costruita in stile romantico vanta anche degli elementi bizantini e moreschi come il rivestimento in piastrelle decorate, le vetrate artistiche e le ricche decorazioni. L’organo della sinagoga è stato suonato da Ferenc Liszt, più grande compositore ungherese. All’interno della sinagoga si trova anche un museo ebraico.

La Chiesa Parrocchiale del Centro Città

Presso il Ponte Elisabetta si trova la Chiesa Parrocchiale del Centro Città, l’edificio più antico di Pest che vanta elementi romani e gotici, nicchie turche, altari rinascimentali e opere in stile liberty e moderno.

Il Cafè New York

L’armonioso Palazzo e Cafè New York è stato costruito nel 1894 in stile eclettico: vi si riconoscono influssi stilistici architettonici neobarocchi, rinascimentali e rococò. Presso il cafè vi si riuniscono i personaggi più prestigiosidella vita culturale di Budapest.

Bagno Termale Rudas

Il Bagno Termale Rudas è stati costruito nella seconda metà del Quattrocento dal pascià di Buda Sokoli. Alcune aree, come quelle del lato Nord, sono ancora le originali sopravvissute fino a noi. Da vedere la cupola con le piccole vetrate decorate.

Piazza degli Eroi

Piazza degli Eroi, a Pest, è stata costruita nel 1896 per celebrare i mille anni dall’arrivo degli Ungari. Sul colonnato e la tomba del milite ignoto si affacciano il Museo delle Belle Arti, Szepmuveszeti Muzeum, e il Palazzo delle Esposizioni.

Vorosmarty Ter

La piazza di Vorosmarty Ter è una delle più frequentate di Pest per la presenza di numerosi e tipici caffè, ideali una piacevole pausa e incontrare amici.

ll Parco ferroviario Fusti

Il Fusti è un parco e un museo unico in Europa, dedicato alle ferrovie è stato inaugurato nel 2000 ed è l’ideale per una visita con i bambini. Oltre ad ammirare i vagoni originali dell’Orient Express, gli adulti possono addirittura provare a guidare una locomotiva all’interno del parco.
Parco del Varosliget

Nel Parco del Varosliget, uno dei più belli di Pest, si trova il magnifico castello del Vajdahunyad Vara, costruito nel 1896 in occasione dell’Esposizione Universale. Oltre al castello il parco vanta un lago dove in estate si può andare in barca e d’inverno, poichè ghiacciato, si puà pattinare.

Memento park – Il Parco delle Statue di Budapest

Fuori dal centro abitato di Budapest si trova il Memento Park e si arriva con un bus diretto dal centro città e partenza ogni giorno alle 11 da Deák tér (ci si arriva con la metro N.1, N.2, N.3) e troverete un bus con insegna Memento Park.
Gli abitanti di Budapest sono stati furbi: mentre tutti i paesi dell’Est hanno approfittato della fine del Comunismo per buttare giù le statue sfogando sul marmo decenni di mancata libertà, qui hanno fatto di meglio. Hanno trasformato questi colossi in un ottimo strumento di sfruttamento della memoria, per quanto brutta possa essere. Hanno quindi messo insieme tutte le statue che rappresentano le grandi figure del comunismo (Marx, Lenin, Stalin, Bela Kun) insieme ad anonimi soldati liberatori dell’ex Urss e hanno creato un Memento Park del comunismo. Se non vi basta guardare in faccia i “compagni” ma volete portarvene a casa un pezzettino, potete anche comprare memorabilia degli anni della Guerra Fredda (spille, spillette, magliette, sigarette d’epoca). Se vi interessa, c’è una bella mostra su come veniva addestrata una spia comunista.


Il book fotografico di Budarest (Ungheria) 2015

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE Il book fotografico di Budarest (Ungheria) 2015

Il book fotografico di Budarest (Ungheria) 2015


Dopo questa parentesi ungherese è arrivato il momento di cambiare aria e nazione!
Dalla stazione Nyugati di Budapest alle ore 07:23 prendo il treno diretto per la piccola cittadina di Zahony che conta meno di 5.000 anime ma crocivia tra Unione Europea/NON Unione Europea con la sua dogana tra Ungheria e Ucraina!

 

IL VIAGGIO CONTINUA … NEL PROSSIMO ARTICOLO

next

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

VUELING: Le notizie volano…e ora anche tu! 1 milione di posti a 29,99 €

Standard

concorso_vuelingVola con Vueling: a partire da oggi un milione di voli a partire da 29,99€

Per info clicca qui

 


 

Acquistare: Dal 03·11·2015 al 10·11·2015
Volare: Dal 16·11·2015 al 16·03·2016
Offerta valida solo per voli acquistati con almeno 12 giorni di anticipo.

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Novembre/Dicembre 2015: tempo di nuove avventure e nuove collaborazioni tra Spagna, Danimanca, Svezia, Irlanda, Lettonia e Ucraina!!

Standard

 

Novembre e dicembre 2015 si avvicinano e per me sarà un periodo ricco di nuove esperienze.
In questi mesi sono nati nuovi progetti e nuove collaborazioni: alcune già in atto e altre ancora da attivare.
La fine di questo 2015 sarà tempo di nuove avventure e nuove fantastiche esperienze!
Faccio in modo che i miei viaggi non siano mai banali e molto sedentari, difficilmente mi fermo per lunghi periodi in una città perchè preferisco avere sempre nuovi stimoli e nuove cose da vedere!
Questa volta forse ho esagerato un tantino … soprattutto in dei mesi non proprio consigliatissimi per visitare questi posti: toccherò 6 nazioni in un periodo dell’anno dove ci sono poche ore di luce e in mancanza del calore solare sicuramente le temperature scenderanno sotto lo zero con possibilità anche di neve! Questa volta però non sarò da solo come il mio ultimo lungo viaggio di fine agosto 2015 durato 20 giorni ma sarò in compagnia del mio amico e anche lui travel blogger Luciano Blancato.

La Statua della Madre Patria (in ucraino: Батьківщина-Мати) è un colossale monumento situato a Kiev

La Statua della Madre Patria (in ucraino: Батьківщина-Мати) è un colossale monumento situato a Kiev

Viaggerò tra Spagna, Danimanca, Svezia, Irlanda, Lettonia e Ucraina in compagnia di due marchi leader nei loro rispettivi settori come Ciak Roncato nel mondo delle valigie e Manfrotto negli accessori per fotografia! Ma non finisce qui: sarà anche tempo di una sinergia con l’ente del turismo Svedese Visit Sweden che contribuirà nella mia visita nella città di Malmö e non dimenticando sempre Vueling Airlines per alcuni spostamenti aerei e GoPro con la sua HERO 4 Silver per le riprese

I presupposti per un fine anno con il botto ci sono tutti! 🙂

A presto

 


clicca per vedere il sito CIAK RONCATO


clicca per vedere il sito VISIT SWEDEN


clicca per vedere il sito MANFROTTO


clicca per vedere il sito VUELING


logo_gopro

 

 

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Un agosto 2015 atipico: tra baluardi comunisti e voglia di Unione Europea

Standard

 

budapest_ungheria_2015_www.giuseppespitaleri.com_076

Un lunghissimo viaggio tra 6 nazioni riconosciute e uno stato fantasma.

Ieri sera sono ritornato a casa in tarda nottata molto molto stanco per il lungo viaggio ma felice per la mole di emozioni e posti fantastici che ho potuto vedere e vivere in prima persona. Luoghi tanto vicini ma tanto lontani a noi italiani che preferiamo trascorrere le nostre vacanze nelle solite mete turistiche a noi più familiari come Ibiza, Santorini, Parigi … escludendo a priori senza nemmeno conoscerne la storia molte città o stati che ho avuto la fortuna di vedere!
Nei prossimi giorni/settimane pubblicherò sicuramente un reportage foto/video di ogni città/nazione e butterò giù anche qualche riga.
Quello che vi posso dire a caldo è soltanto che è stata un’avventura pazzesca! In ogni città ho potuto ammirare sempre qualcosa di bello e diverso nello stesso tempo.

I Bagni Széchenyi di Budapest sono il più grande centro termale d’Europa costruzione del 1881 ma venne ultimata nel 1913 ed intitolata al conte István Széchenyi.

La Cattedrale di Cristo Salvatore è la chiesa principale ortodossa della Transcarpazia. Costruita nel 1990, alta 60 metri di altezza e cinque cupole, domina la piazza Cirillo e Metodio nella città di Uzhgorod.

La città vecchia di Lviv patrimonio dell’UNESCO, presenta una concentrazione di architetture e monumenti di grande valore attorno alla piazza Rynok (piazza del Mercato), di vari periodi e varie influenze culturali e stilistiche: russe, bizantine, armene, italiane, tedesche.

La Scalinata Potëmkin di Odessa vista dal vivo sembra molto più grande rispetto alla famosa scena della carrozzina del film di Ejzenstejn: la scalinata, infatti, ha una larghezza decrescente dei gradini salendo dal basso verso l’alto, cosa che determina l’illusione ottica di una profondità maggiore.

La Transnistria e Tiraspol vorrebbe essere l’ultimo baluardo dell’eredità comunista dell’Unione Sovietica. In realtà notando le catene di supermercati Sheriff, i distributori di benzina sempre di proprietà della Sheriff (la più grande e influente azienda transnistriana) e vedendosi attraversare la strada da un molte Lada ma nello stesso tempo anche da lussuole Porsche Cayenne si capisce che di comunismo e gli ideali di uguaglianza e condivisione ce ne sono ben pochi.

Camminando lungo la via principale di Chișinău non si può fare a meno di notare le centinaia di bancarelle colmi di prodotti tipici o fatti in casa, fiori o souvenir sovietici che le babushke (nonne in russo) vendono ai passanti o turisti.

Brasov è una città fantastica nonché la principale città della Transilvania per importanza culturale e commerciale e si trova quasi al centro della Romania.  La pittoresca cittadella medievale è circondata da mura alte 12 metri, lunghe 3 chilometri e con 7 bastioni, e qui si trovano la Chiesa Nera, la più grande chiesa gotica in Romania, la Strada Rope o Sforii, la via più stretta d’Europa che collega via Cerbului con via Poarta Schei, la Cattedrale di San Nicola e la bellissima Piazza del Municipio o Piata Sfatului, circondata da strutture barocche e case mercantili con al centro il vecchio cuore amministrativo della città oggi Museo di Storia.

Il Palazzo del Parlamento (Palatul Parlamentului) di Bucarest è un edificio di 12 piani, lungo 270 metri ed ampio 245 metri; 48 metri visibili sopra al suolo e 15 metri sotto la superficie. Non è facile trovare edifici più grandi del Palazzo del Parlamento di Bucarest visto che è secondo solo al Pentagono degli USA. Quando il dittatore rumeno Nicolae Ceauşescu ordinò la costruzione di questa sfarzosa struttura, un’ampia parte del centro storico di Bucarest dovette pagarne il prezzo. Un intero caseggiato, uno stadio, alcune chiese, conventi e sinagoghe furono eliminati per fare spazio.
Durante la costruzione, l’intera economia del paese confluì nel palazzo. Si utilizzarono esclusivamente materiali rumeni. Tutta la produzione di marmo in quel periodo era destinata al palazzo e le lapidi dei defunti dovevano essere costruite con altri materiali, come il legno. Oggi, il palazzo ospita il parlamento della Romania, che non basta però a riempirlo. Perciò, l’edificio svolge numerose altre funzioni, ad esempio, è spesso utilizzato come centro conferenze. L’ala ovest dell’edificio ospita il Museo Nazionale di Arte

Per la riusciata di questo bel tour si ringrazia #vueling con cui ho volato e #GoPro per le bellissime foto (ma anche video) grandangolari che ho potuto fare con la GoPro – HERO 4 Siver. #vueling #vuelingambassador #vuelingairlines #speedy83 #palermo #giuseppespitaleri #travelblogger #samsung #samsungs6 #romania #bucarest #hungary #transnistria #unesco #transilvania #ukraine #Lviv #Lviv #budapest #tiraspol #chisinau #barcelona #roma #moldova #bucharest #goproitalia #gopro #goproitalia #odessa

26 Agosto 2015

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

FOTO/VIDEO – On the road per Islanda tra vulcani e ghiacciai per 2400 km

Standard

Islanda on the road (book fotografico e video)
bandiera_mappa_islanda


 

GUARDA IL MIO VIDEO “ISLANDA ON THE ROAD CON UN FUORISTRADA PER 2400 KM”


GUARDA IL MIO BOOK FOTOGRAFICO “ISLANDA DEL SUD”

GUARDA IL MIO BOOK FOTOGRAFICO "ISLANDA DEL SUD"

GUARDA IL MIO BOOK FOTOGRAFICO COMPLETO SULL’ISLANDA


Un viaggio lungo 2400 km percorrendo l’intero perimetro islandese su un fuoristrada!!! Un’esperienza unica e irripetibile, pazza e selvaggia!
L’Isola è nota per la sua attività vulcanica ancora prima che, nel 2010, la gigantesca nuvola di cenere prodotta dall’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull mettesse in ginocchio il traffico aereo e l’economia europea.
Isola geologicamente molto giovane con una forte attività vulcanica e geotermica che ne caratterizza il paesaggio. Fiumi e cascate (per lo più alimentate dal Vatnajokull, il più grande ghiacciaio d’Europa) scorrono in zone vulcaniche inaccessibili, mentre i territori interni portano ancora i segni della loro genesi, intaccati solamente dall’erosione del vento e dei ghiacci. Scenari lunari creati dal transito della lava, distese di muschio, colline verdeggianti, ghiacciai che si gettano in mare. Poi geyser, soffioni, sbuffi e calde pozze naturali dove immergersi mentre fuori c’è il gelo, deserti di lava, fiordi, fiumi, laghi e cascate a non finire.


 

L’Islanda è una nazione insulare dell’Europa settentrionale, situata nell’Oceano Atlantico settentrionale, tra la Groenlandia e la Gran Bretagna, a nordovest delle Isole Fær Øer. Nel gennaio 2013 la popolazione era di 321.857 abitanti: ciò la rende (escludendo i microstati), il paese europeo meno popolato. La capitale è Reykjavík.

Collocata sulla dorsale medio atlantica, l’Islanda presenta una marcata attività vulcanica e geotermica, che ne caratterizza fortemente il paesaggio. L’interno consiste principalmente di un altopiano sabbioso desertico, montagne e ghiacciai, da cui molti fiumi glaciali scorrono verso il mare attraversando le pianure. L’Islanda possiede un clima temperato, relativamente alla sua latitudine, grazie alla corrente del golfo che ne consente l’abitabilità.

La parola “Islanda” deriva dall’islandese Ísland, termine desunto dall’antico nordico che significa “terra del ghiaccio”, “terra ghiacciata”,[6] concetto che è tuttora presente nell’odierna traduzione inglese Iceland. Come per altri luoghi in tutto il mondo, quest’isola ha avuto varie denominazioni nel corso della storia. Secondo la tradizione tramandata dal Landnámabók, manoscritto che narra l’insediamento dell’isola, a scoprire l’isola e a darle per primo un appellativo fu il navigatore vichingo Naddoður:

Morfologia
L’affioramento della dorsale medio-atlantica nel sud dell’Islanda, presso il parco nazionale di Þingvellir, le lunghe fratture visibili nella pianura costituiscono l’espressione superficiale delle faglie distensive della zona di rift

Ricoperta per il 10% da ghiacciai, l’Islanda è costituita dai monti della dorsale medio-atlantica e presenta una superficie formata da rocce di origine vulcanica, prevalentemente basaltiche. Gran parte del suo territorio è occupato da montagne che raggiungono discrete altezze (il monte più alto è l’Hvannadalshnùkur, 2119 metri) ed è caratterizzato da vasti altopiani. Le coste, ricche di insenature e profondi fiordi a settentrione, a sud si presentano arenose e basse e qui si concentrano le zone coltivabili, che sono in totale circa un quinto della superficie. Occorre infine dire che il Paese ospita il più grande ghiacciaio del continente, il Vatnajökull e che l’isola è, in Europa, la seconda più grande.

La morfologia del territorio islandese ha subito importanti modifiche a causa inizialmente di un peggioramento climatico avvenuto circa 9 milioni di anni fa e poi per le ultime glaciazioni che ne hanno modellato il paesaggio con fiordi, vallate dal tipo profilo a U e montagne in parte ricoperti da ghiacciai. Non a caso, a causa di questa doppia particolarità, l’Islanda è spesso chiamata “l’isola di ghiaccio e di fuoco”.

Geologia

Geologicamente parlando, l’Islanda è un’isola giovanissima. Infatti è una delle terre di più recente formazione di tutto il pianeta, con appena circa 20 milioni di anni contro i circa 4 miliardi della crosta terrestre, il cui territorio è interamente costituito da rocce vulcaniche. Costituisce una delle isole vulcaniche più attive sulla terra, essa è originata dal magma fuoriuscito dalla dorsale oceanica che separa le due placche oceaniche dell’oceano Atlantico, che in corrispondenza dell’Islanda giacciono al di sopra di un hot spot[44] la cui presenza ha permesso l’emersione dalle acque delle le prime conformazioni basaltiche. La separazione delle zolle, che avviene alla velocità di circa 2 cm all’anno, ha contribuito a far raggiungere all’isola i suoi attuali 103.000 km² di estensione.

La distanza dal continente europeo e da terre densamente popolate nonché la difficoltà nel solcare le impetuose correnti del Mar di Norvegia e il clima freddo hanno fatto sì che l’Islanda sia stata esclusa dai movimenti migratori dell’uomo per lungo tempo, almeno fino a quando le innovazioni tecnologiche non permisero di intraprendere viaggi di lunga durata.

Non si hanno certezze su quali siano stati i primi scopritori ed esploratori dell’isola, tanto che si ipotizza che alcune informazioni siano celate dietro le carte e le fonti che riportano la leggendaria isola di Thule, a partire dal suo presunto scopritore, il greco Pitea.
Quello che invece è certo è che l’Islanda fu inizialmente abitata da monaci anacoreti irlandesi, i Papar, che, seguendo l’esempio di San Brendano, portavano a termine viaggi perigliosi per testare la propria fede.
Forse i monaci interpretarono il consistente movimento migratorio degli uccelli come probabile presenza di una terra di notevoli dimensioni al di là dell’oceano, intuizione potenzialmente agevolata dalla relativa vicinanza delle isole Fær Øer (450 km), visitate dagli eremiti irlandesi già nel VI secolo.[9] Sta di fatto che già all’inizio del IX secolo d.C. i monaci irlandesi sapevano raggiungere l’isola e qualcuno di essi vi aveva trascorso un considerevole periodo di permanenza.
Tuttavia al giorno d’oggi non vi sono testimonianze di grandi migrazioni umane o della fondazione di un insediamento permanente sull’isola risalenti all’epoca precedente l’arrivo degli esploratori vichinghi o ancora la sopravvivenza di ceppi genetici di parentela tra gli animali d’allevamento islandesi e quelli irlandesi.

Stratigrafia

Le rocce vulcaniche affioranti sull’isola vengono suddivise in quattro serie distinte per età di formazione, questa cresce con l’allontanarsi dalla fascia mediana di rift, che taglia l’isola da sud-ovet a nord-est. L’età della roccia è stata determinata con metodi radiometrici, paleomagnetici e analisi dei depositi piroclastici, interposti fra le colate laviche e loro alterazione climatiche, in quanto sono quasi del tutto assenti i fossili, causa la tipologia delle rocce presenti.

Postglaciale (Olocene: costituito da lave e rocce detritiche di età compresa fra 9000-13.000 anni fa; sono presenti nelle aree vulcanicamente attive, inclusa la zona mediana di rift
Formazione palagonitica del pleistocene superiore, in gran parte derivante da lave effusive in condizioni subglaciali, la cui distribuzione in gran parte coincide con quella del postglaciale
Formazione dei basalti grigi del plio-pleistocene che costituiscono una fascia di rocce esterne e allungate attorno la zona di rift
Basalti di plateau, di età variabile da 3,1 a 16 milioni di anni, che ricoprono circa il 50% dell’isola soprattutto a est e a ovest-nord dell’isola, si tratta della coalescenza di lunghe colate laviche subaeree, spesse 5-15 metri. Vi si trovano rare intercalazioni di lenti di sedimenti continentali,

Gran parte dell’attività vulcanica oggi si sviluppa nella frattura che unisce la penisola di Reykjanes all’Öxarfjörður. Qualche fenomeno vulcanico si verifica anche nell’Islanda meridionale e nella penisola di Snæfellsnes. La maggior parte dei sistemi vulcanici dell’isola – nel complesso una trentina – si sviluppa intorno a un cono centrale, oppure è una grande depressione circolare (per esempio, lo stratovulcano Askja). Gli edifici vulcani sono parte integrante del paesaggio islandese, spesso rappresentato da vastissimi altopiani lavici, le cui depressioni spesso sono ricoperte da depositi torbosi, interrotti da qualche cono vulcanico. Anche gli stessi altopiani si sono formati in seguito alle eruzioni subglaciali che, essendosi raffreddate rapidissimamente, hanno creato lava a cuscino. Infine, ancora nell’Islanda meridionale troviamo il Laki, un sistema vulcanico di 24 km che nel 1783, eruttando, comportò effetti climatici nell’emisfero boreale.

I vulcani

Ci sono più di 200 vulcani che si innalzano nel tavolato montuoso dell’isola e la maggior parte sono attivi. I più noti sono l’Hekla e l’Eldfell.

Eruzioni principali

In circa 1100 anni di insediamenti umani sull’isola, sono state registrate circa 250 maggiori eruzioni vulcaniche, alcune delle quali si sono protratte anche per anni. Queste hanno generato circa 45000 m³ di superficie in pietra. I vulcani più attivi, nonché più noti, sono l’Hekla, il Grímsvötn e il Katla, che hanno avuto più o meno 20 eruzioni ciascuno. Tuttavia, i ghiacciai che ricoprono questi vulcani sono spesso soggetti ad improvvisi scioglimenti a causa della ripresa di attività vulcanica all’interno delle loro caldere. L’ultimo grande scioglimento si è verificato nel 1996, quando il [Grímsvötn, coperto per gran parte dal Vatnajökull, ne sciolse 3 km³. Eruzioni ben maggiori furono conosciute tra il 1362 e il 1727, quando continue eruzioni vulcaniche uccisero uomini e animali in gran quantità.

Andando ancora più indietro nel tempo, bisogna citare la drammatica e devastante eruzione dell’Hekla nel 1104 che rase al suole la valle del Þjórsárdalur. Un’eruzione che rivestì e seppellì sotto i lapilli le zone circostanti. Ma le eruzioni più disastrose di tutta la storia islandese si verificarono dopo il 1727: una serie nel XVIII secolo di tre eruzioni mise in ginocchio l’isola e la sua popolazione. Inaugurò il Katla nel 1755, replicò l’Hekla nel 1766 e concluse il Laki con una catastrofica eruzione tra il 1783 e il 1784: lo zolfo e l’anidride carbonica avvelenarono fiumi e terreni uccidendo oltre 10000 persone e più della metà del bestiame sull’isola.

Tra le eruzioni recenti, nessuna è lontanamente comparabile a quella del Laki a fine Settecento. Però quella innocua dell’isola di Heimaey del 23 gennaio 1973 non diventò una carneficina solo grazie ad una fortunata coincidenza: la popolazione isolana fu salvata dalle barche dei pescatori che si trovavano al porto solo per caso. Passata l’emergenza, molti abitanti tornarono sull’isola e disseppellirono quelle case non raggiunte dalla lava, ma semplicemente ricoperte dalla cenere vulcanica ricaduta. L’eruzione fu una tragedia evitata, anche grazie a potenti getti di acqua marina sulle colate laviche in movimento, per ritardare la loro avanzata, il calore delle colate laviche lave fu utilizzato per alcuni anni per il riscaldamento delle abitazioni, e il suo piccolo porto da allora è più protetto da alcune colate che arrivando fino al mare crearono una barriera alla forza del mare. Infine, l’eruzione più nota fra quelle avvenute recentemente in Islanda risale sicuramente al 2010, quando l’eruzione dell’Eyjafjöll emise nell’atmosfera una quantità di ceneri tale da paralizzare il traffico aereo di tutta Europa per settimane intere, con una perdita di oltre 200 milioni di dollari al giorno per ogni compagnia aerea.

Eruzioni sottomarine

Nel 1963 un’eruzione sottomarina ha dato origine ad una piccola isola: Surtsey, lungo le coste meridionali.

I geyser

Oltre ai coni vulcanici, molti dei quali attivi, nell’isola sono diffuse le manifestazioni vulcaniche secondarie: sorgenti termali, fumarole e moltissimi geyser, getti di acqua calda alti decine di metri sfruttati anche per il riscaldamento delle case islandesi.

Sfruttamento dell’energia geotermica

Tali fenomeni dovuti a precipitazioni che s’infiltrano nella crosta terrestre, acquistando calore attraverso le pietre o il [magma e risalendo successivamente in superficie in forma di sorgenti di vapore acqueo. Grossomodo, è questo lo stesso meccanismo attraverso cui avviene il funzionamento dei geyser. Sull’isola nordatlantica ci sono anche circa trenta aree ad alta temperatura, che presentano fanghi termali. Questa energia geotermica ad alta entalpia viene quindi utilizzata non solo per produrre energia elettrica, ma anche per grandissima parte degli impianti di riscaldamento. Questo forte utilizzo del geotermico lo si deve anche grazie alla diminuzione degli effetti devastanti delle eruzioni dei temibili vulcani islandesi, in quanto i moderni sistemi di allarme consentono di trovare le giuste contromisure, tant’è che ormai le eruzioni sono diventate da fonte di paura per gli abitanti locali ad attrattiva turistica.

I fiumi

Data l’abbondanza dei ghiacciai, sono molti i fiumi alimentati dall’acqua derivante dallo scioglimento del ghiaccio nella stagione estiva. I corsi d’acqua sono ricchi di acqua e di salmoni; nei loro brevi corsi formano tante suggestive cascate, seguendo i dislivelli del terreno. I fiumi islandesi sono in parte molto noti, ma nessuno di essi è navigabile. I principali fiumi sono: Islanda meridionale • Hvítá • Krossá • Kúðafljót • Markarfljót • Múlakvísl • Ölfusá (il fiume con la maggior portata media annuale in Islanda) • Öxará • Rangá • Skeiðará • Sog • Þjórsá (il fiume più lungo d’Islanda, 280 km) Reykjavík • Elliðaá Islanda occidentale • Hvítá (Borgarfjörður) • Norðurá (Borgarfjörður) Fiordi occidentali (Vestfirðir) • Dynjandi Islanda settentrionale • Blandá.

I ghiacciai

Un tempo l’Islanda era ricoperta da immensi ghiacciai. Ora essi formano le lagune di iceberg nel Mare di Groenlandia e coprono anche le vette, oltre i 2000 metri, dei massicci centrali. È islandese il più grande ghiacciaio d’Europa: il Vatnajökull, nella parte sud-orientale dell’isola, che occupa una superficie di circa 8500 km².

I laghi

Numerosi sono i laghi, tra cui il Lago Myvatn e il Lago Öskjuvatn, che occupa un antico cratere vulcanico, come molti altri laghi islandesi.

Le coste

Le coste raggiungono uno sviluppo di circa 5000 km; sono generalmente frastagliate e incise dai fiordi, formati dall’erosione dei ghiacciai. Solo nella parte centrale si aprono piccole pianure costiere, formate da antichi depositi dei ghiacciai e dei fiumi.

Clima

L’Islanda si trova in una zona di forti contrasti termici sia atmosferici (tra i tiepidi venti sudoccidentali e quelli freddissimi che scendono dalla Groenlandia) che marini. Tale situazione di contrasto genera intorno all’isola una zona di bassa pressione quasi permanente, che è stata battezzata “Depressione d’Islanda”. Essa influenza il clima dell’isola più di ogni altro fattore, determinando un’estrema variabilità della forza dei venti, della loro direzione e dell’umidità delle masse d’aria. Di conseguenza, in Islanda, repentini passaggi dalla pioggia al bel tempo e di nuovo al maltempo sono la regola anziché l’eccezione. Non sono inoltre rare violente tempeste, dovute a passaggi di depressioni con valori barici anche inferiori ai 950 hPa.

Relativamente alla latitudine (63-66° N) e nonostante le sue propaggini settentrionali sfiorino il circolo polare artico, l’inverno dell’Islanda non è eccessivamente freddo, soprattutto per l’influenza (come detto) di parte della Corrente del Golfo, che sfiora l’isola sui suoi versanti meridionale e sudoccidentale. L’estate invece è molto breve e fresca (massime di luglio a Reykjavík sui 13° e minime sui 7°). Il record caldo della capitale è 24,8°[49], mentre quello assoluto islandese è 30,5°[50] (piuttosto alto, ma si deve tener conto del calore cittadino che, anche in centri abitati spaziosi come quelli dell’isola, mantiene le temperature almeno sui 2-3° al di sopra delle aree extraurbane). In genere nei giorni più caldi (a luglio) si superano di poco i 20°, ed è considerata già una considerevole ondata di caldo, mentre durante la notte è rarissimo non scendere sotto i 10°[senza fonte]. All’interno (per via dell’altitudine) e a nordovest (a causa di una maggiore influenza della corrente fredda proveniente dalla Groenlandia) il clima è quindi molto più rigido e manca una vera e propria estate. I ghiacciai occupano l’11% dell’isola e si trovano anche ad altitudini collinari (lingue si spingono quasi fino al mare, anche a 50 m s.l.m.) e in zone ombrose gelo e neve rimangono tutto l’anno. Le piogge, dipendenti in massima parte dalla direzione del vento, ammontano a circa 1000–1600 mm annui lungo le coste meridionali e orientali, a 700–1000 mm all’interno dell’isola, a 800 mm a Reykjavík e a 400–600 mm a nord e nordest[51]. La parte con precipitazioni più basse dell’isola si trova a nord dell’enorme ghiacciaio Vatnajökull dove esse sono inferiori a 400 mm[51]. Le nevicate possono accadere anche a inizio giugno e fine agosto nell’entroterra.

In inverno, come detto, le temperature sono miti e non scendono di molto sotto lo zero: nei giorni più freddi (in gennaio) nelle regioni costiere meridionali si hanno temperature attorno agli 0°[50], negli altopiani centrali attorno ai -10°[50] e nelle zone settentrionali tra -25° e -30°[50]. Nonostante ciò, le gelate sono molto frequenti e sono rare giornate molto al di sopra dello zero. Ci possono essere anche escursioni termiche giornaliere molto marcate, ma esse sono strettamente legate alla direzione di provenienza del vento (anziché all’alternanza di luce ed oscurità). L’arcipelago di Vestmannaeyjar, che si trova al largo della costa meridionale, è la zona con il clima più oceanico. Qui sono molto frequenti le giornate di forte vento con nevischio: la neve cade spesso, ma generalmente non ci sono grandi accumuli (non oltre i 15–20 cm). L’estate è invece estremamente piovosa e fresca.

In sintesi, il clima islandese è inadatto all’agricoltura (che pure potrebbe trovare condizioni favorevoli nei terreni vulcanici così fertili).

Demografia

Lontana sia dall’Europa che dall’America e lambita da mari particolarmente pericolosi, l’Islanda si conservò disabitata a lungo. Nel IX secolo l’isola fu raggiunta da alcuni monaci irlandesi seguiti, nell’874, dai primi colonizzatori norvegesi. La piccola comunità tese ad ingrandirsi per l’arrivo costante di immigrati non solo scandinavi, ma anche scozzesi e irlandesi. Si stima dunque che, nel X secolo, la popolazione doveva raggiungere le 25.000 unità. Esaurite poco dopo le immigrazioni, l’isola godette di un periodo di benessere favorito dai frequenti contatti con la Norvegia. Questa situazione, favorevole all’incremento naturale della popolazione, si arrestò durante il dominio danese, per poi riprendere verso la fine del XIX secolo: se allora gli islandesi erano ancora 80.000, già nel 1930 raggiungevano le 109.000 unità per poi arrivare rapidamente alle 320.000.

Nazione con un livello di crescita naturale ed un tasso di fertilità nettamente al di sopra della media europea (2,23 figli per coppia nel 2010 contro la media europea di 1,4), anche grazie alle politiche di aiuti familiari, la popolazione islandese dovrebbe crescere, grazie al saldo naturale, fino a 500.000 persone entro il 2060, senza tenere conto dell’immigrazione, che pure negli ultimi anni è numerosa.

Gli immigrati sono circa 33 000 e compongono il 13% della popolazione[53], concentrati soprattutto nella capitale; di questi, la maggioranza provengono dalla Polonia (circa 8000 polacchi, la comunità straniera più numerosa), dalla Lituania (circa 2000), dai paesi scandinavi, dalla Germania e dall’Austria. Sempre maggiore, negli ultimi anni, è la presenza di rifugiati politici africani o asiatici.
Distribuzione della popolazione

La popolazione si distribuisce, come in passato, lungo le aree costiere pianeggianti, in particolar modo nelle regioni occidentali. Le zone interne sono invece pressoché disabitate, fatta eccezione per alcune vallate. Le località più densamente popolate sono le coste del Faxaflói (dove sorge la capitale), di alcuni fiordi settentrionali e le pianure alluvionali del Sud-Ovest.

La densità media è una tra le più basse del pianeta, tanto più se si tiene conto che oltre un terzo degli islandesi vive nella capitale. Il solo centro di grandi dimensioni è ancora Reykjavík ma pochissimi sono i centri definibili davvero “città” (tra questi, Kópavogur, Hafnarfjörður, Akureyri, Reykjanesbær). L’Islanda è uno dei Paesi europei con il più alto tasso di incremento naturale (13,83 nati l’anno ogni 1.000 abitanti contro 6,57 morti).

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

VIDEO – Un anno da Ambasciatore Vueling per Palermo – 2014 volte grazie Vueling Airlines

Video

Un anno da Ambasciatore Vueling Airlines per Palermo.
Un’esperienza fantastica che mi ha portato a viaggiare per tutto il 2014 tra 16 nazioni e tantissime città!

 2014 volte grazie … Vueling Airlines

 

Negli ultimi 7 anni ho visitato 34 stati europei riconosciuti (Andorra, Armenia, Belgio, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Georgia, Grecia, Inghilterra, Italia, Islanda, Kosovo, Macedonia FYROM ex repubblica di Jugoslava di Macedonia, Malta, Moldavia, Montenegro, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia, San Marino, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Turchia, Ucraina, Ungheria, Vaticano) e uno “de facto” come la Transnistria.

Da fine aprile 2014 sono diventato testimonial e ambasciatore nella mia splendida Palermo della compagnia aerea spagnola VUELING AIRLINES ! Un’esperienza unica e irripetibile che mi darà la possibilità fino al 31 dicembre 2014 di seguire in Italia, in Europa e nel mondo, tutti i maggiori eventi organizzati da questa splendida compagnia aerea catalana e avrò anche la fortuna di poter usufruire di 50 voli gratis da utilizzare ovviamente in tutte le città servite da Vueling

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com