Lago di Sorapis 1.923 metri s.l.m. (Dolomiti)

Standard

Il Lago di Sorapis a quota 1923 metri è uno spettacolo!! 4 ore di camminata/scalata andare/ritorno tra sentieri e rocce per raggiungere questo splendido lago con l’acqua turchese incastonata tra cime delle Dolomiti

lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_001lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_002lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_003lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_004lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_005lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_006lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_007lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_008lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_009lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_010lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_011lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_012lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_013lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_014lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_015lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_016lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_017lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_018lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_019lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_020lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_021lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_022lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_023lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_024lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_025lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_026lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_027lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_028lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_029lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_030lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_031lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_032lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_033lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_034lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_035lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_036lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_037lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_038lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_039lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_040lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_041lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_042lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_043lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_044lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_045lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_046lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_047lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_048lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_049lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_050lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_051lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_052lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_053lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_054lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_055lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_056lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_057lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_058lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_059lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_060lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_061lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_062lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_063lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_064lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_065lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_066lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_067lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_068lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_069lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_070lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_071lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_072lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_073lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_074lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_075lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_076lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_077lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_078lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_079lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_080lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_081lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_082lago_sorapis_dolomiti_www.giuseppespitaleri.com_083

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Stavanger & Preikestolen (Norvegia)

Standard

Stavanger & Preikestolen (book fotografico)

bandiera_mappa_norvegia

CLICCA SOPRA per visualizzare l'album fotografico di Stavanger & Preikestolen (Norvegia)

CLICCA SOPRA per visualizzare l’album fotografico di Stavanger & Preikestolen (Norvegia)

 

 


Stavanger è un comune e una città della Norvegia situata nella contea di Rogaland, della quale è capoluogo amministrativo. L’area metropolitana include anche i comuni di Sola, Randaberg e Sandnes raggiungendo così una popolazione di 171.343 abitanti. Stavanger ha ricevuto lo status di città nel 1125.

Geografia

Stavanger è situata nella parte occidentale del paese, nella zona meridionale della regione dei fiordi. La città stessa è situata in riva a un fiordo che sbocca verso est nel Mare di Norvegia. Il clima è influenzato dal mare ed è piuttosto ventoso.

Storia

Stavanger (dall’antico Stafangr, cioè fiordo di Staff) venne dichiarata città quando tra il 1122 e il 1128 diventò sede vescovile anche se alcuni storici affermano che fosse un importante centro economico già nel X secolo. Con la riforma del 1536 Stavanger perse la sede vescovile e così il suo potere religioso. La città rinacque però nel XIX secolo con l’industria della pesca. Ma solo nel 1969 vi fu la vera rinascita di Stavanger, quando la città venne scelta come base sulla terraferma per le estrazioni di petrolio dal Mare del Nord. Dal 1º gennaio 2005 la città è diventata sede universitaria.

Economia

Vi hanno sede molte industrie petrolifere, tra le quali la norvegese Statoil, la gran parte degli impianti petroliferi del mare del Nord è situata a circa 300 km a ovest di Stavanger. Nel 1999 vi fu inaugurato il museo norvegese del petrolio.

In passato la città era sede di oltre 50 industrie conserviere (aringhe), l’ultima chiuse nel 2002. Attualmente un antico impianto è ospitato all’interno di un museo (Hermetikkmuseum).

La città ha un’effervescente attività culturale (basti pensare al festival internazionale di Jazz in maggio) che le è stata riconosciuta nel 2003 quando è stata designata, per l’anno 2008 Capitale europea della cultura insieme con la città britannica di Liverpool. Stavanger è inoltre patria di varie band e cantanti attivi nella scena Gothic metal, fra cui Theatre of Tragedy, Tristania e Sirenia.


l Preikestolen o Pulpit Rock, come è chiamato in norvegese nynorsk (Prekestolen in norvegese bokmål, Pulpito di roccia in italiano, Hyvlatonnå in norvegese antico), è una falesia di granito alta 604 metri e che termina a strapiombo sul Lysefjord, di fronte al Kjeragbolten, nei pressi del villaggio di Forsand (Norvegia).

Il numero di turisti nel 2012 è stato in crescita rispetto agli anni precedenti: visitato da circa 200.000 persone, il Preikestolen è ad oggi uno dei siti più gettonati del paese scandinavo.

l “Pulpito di Roccia” è situato nei pressi del villaggio di Forsand, nella contea norvegese di Rogaland. La città di Stavanger, capoluogo della regione, dista dal sito solo 25 km. Il parcheggio per le auto è raggiungibile in circa un’ora da Stavanger con il traghetto o l’auto.

La strada per raggiungere il sito termina nel parcheggio al “Preikestolen fjellstue”. Un sentiero si estende dal parcheggio alla roccia, passando attraverso una serie di paesaggi montani. Un’escursione sul Preikestolen partendo dal parcheggio più vicino richiede 3-4 ore tra andata e ritorno.

In alcuni punti la salita può essere molto ripida. Il sentiero inizia al “Preikestolen fjellstue” ad un’altezza di circa 270 m s.l.m., per arrivare fino ai 604 m della cima. L’escursione può durare da 1 a 3 ore a seconda dell’esperienza e della forma fisica. Il differenziale di altezza non è elevato – solo 334 metri – e il percorso non lunghissimo (3,8 km).

L’escursione è sconsigliata in inverno e nei primi mesi primaverili quando sul suolo ci sono ancora neve e ghiaccio, ed il percorso potrebbe essere scivoloso. Il periodo migliore per visitare il “Preikestolen” va da aprile a ottobre.

Inoltre, se non si vuole salire sulla falesia è possibile per tutto l’anno compiere un’escursione in traghetto attraverso l’intero Lysefjord, fermandosi sotto il Preikestolen. Tuttavia, il tempo in estate può essere anche umido e freddo, e le nuvole possono coprire il Preikestolen. Il traghetto porta fino in fondo al fiordo (Lysebotn).

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com