Weekend o settimanca in Bulgaria tra Sofia e il Monastero di Rila

Standard

Se volete fare un weekend o una settimana in Bulgaria, visionate la mia esperienza fatta nei 120 km che comprendono il Monastero di Rila (Рилски Манастир, Rilski Manastir) sito dell’UNESCO e la sua bellissima capitale Sofia tra monumenti, hotel e ristoranti.

Escursione al Monastero di Rila perla Unesco della Bulgaria a 120 km da Sofia
Il Monastero di Rila è sicuramente uno spettacolo da non perdere se avete in programma di visitare la capitale Sofia visto
Read more.
Weekend a Sofia (Bulgaria) – Cosa vedere, cosa mangiare, storia, foto e video
SOFIA CAPITALE DELLA BULGARIA Sofia è la terza capitale più antica d’Europa dopo Roma ed Atene. Plasmata da popoli diversi, fattore che
Read more.
Foto – Sofia (Bulgaria) 2017
Sofia (София in bulgaro) è la terza capitale più antica d’Europa dopo Roma ed Atene. Plasmata da popoli diversi, fattore che le
Read more.
Hotel Novotel – Sofia (Bulgaria)
Il Novotel Hotel di Sofia è una struttura alberghiera 4 stelle modernissima a metà strada (10 minuti) tra l’aeroporto e il
Read more.
Restaurant Izbata Tavern – Sofia (Bulgaria)
Posizione comoda, luogo pulito, cibo ottimo e personale cortese. Questo ristorante negli ultimi tempi è stato preso di mira proprio
Read more.
Restaurant: Secret by Chef Petrov – Sofia (Bulgaria)
A pochi metri dalla Cattedrale di Aleksandr Nevskij nel cuore di Sofia si trova questo incredibile ristorante di classe. Se
Read more.
Restaurant Cosmos – Sofia (Bulgaria)
A pochi passi dal centro storico troverete il Ristorante Cosmos (Космос) in una bella location in acciaio e legno, tra
Read more.

Escursione al Monastero di Rila perla Unesco della Bulgaria a 120 km da Sofia

Standard

Il Monastero di Rila è sicuramente uno spettacolo da non perdere se avete in programma di visitare la capitale Sofia visto che dista solo 120 km ed è il più grande monastero di tutta la Bulgaria. Situato in una zona a dir poco fiabesca tra i monti del massiccio del Rila ed è uno dei 9 siti in tutto il paese a far parte del UNESCO World Heritage dal 1983 e basta una semplice occhiata per capirne il motivo: all’esterno è fortificato, all’interno è un tripudio d’arte, immagini a fondo oro e suggestive architetture ti lasceranno a bocca aperta.
L’impatto che si ha una volta varcato il piccolo arco d’ingresso al cortile del monastero è sensazionale: una cosa indescrivibile davanti alla quale la bocca rimane spalancata per minuti, gli occhi si fanno in quattro per rincorrere all’impazzata ogni singola sfumatura dipinta su quelle pareti e ogni foto vista e rivista sul web finalmente prendono forma dal vivo.


Consigli prima di visitare il monastero (specialmente per le donne)

Trattandosi di un luogo sacro è necessario avere un abbigliamento adeguato e un cartello all’entrata vieta infatti l’ingresso a chi non veste in maniera adeguata la sacralità del luogo: l’ingresso è vietato a chi indossa minigonne, pantaloncini troppo corti o canottiere. Per tale motivo vi consiglio di portarvi un foulard per coprire le spalle se si visita il monastero nella stagione più calda (luglio e agosto) ma allo stesso tempo di tenere anche una giacca a vento o un k-way nello zaino perchè  essendo in una zona montanara, il tempo può variare velocemente e una bella giornata di sole può trasformarsi in una giornata di pioggia.


Come arrivare? vi consiglio in auto

Il Monastero si trova nella parte ovest del Massiccio del Rila, a circa 120 km dalla capitale Sofia, 84 km da Kyustendil, 223 km da Plovdiv e circa 95 km da Bansko. Anche se la strada per arrivare al Monastero è tortuosa, personalmente amo la libertà e penso che noleggiare una macchina in aeroporto come ho fatto io sia un’ottima soluzione.
Il costo del noleggio è molto basso, circa 10/15 euro al giorno con il pacchetto base ma se poi volete stare tranquilli di non dovere pagare grosse cifre in caso di graffi o altro ancora con una trentina di euro in più al giorno si può fare la copertura kasko totale per azzerare la franchigia.
Il monastero di trova sulla strada principale che collega Sofia e Kulata, la E79 e se si affitta un’auto per arrivarci è necessario guidare per circa un’oretta in direzione Sofia – Pernik – Dupnitsa, prendere l’uscita ben segnala Rilski Manastir dopo una sessantina di km e da qui la strada un poco tortuosa per il monastero lunga una trentina di km.
NB Il parcheggio di fronte all’entrata del monastero è a pagamento invece se posteggiate lungo la strada è gratuito.


IL MIO BOOK FOTOGRAFICO
rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_001rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_002rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_003rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_004rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_005rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_006rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_007rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_008rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_009rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_010rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_011rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_012rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_013rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_014rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_015rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_016rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_017rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_018rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_019rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_020rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_021rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_022rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_023rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_024rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_025rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_026rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_027rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_028rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_029rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_030rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_031rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_032rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_033rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_034rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_035rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_036rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_037rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_038rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_039rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_040rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_041rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_042rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_043rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_044rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_045rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_046rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_047rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_048rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_049rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_050rila_bulgaria_www.giuseppespitaleri.com_051

Il giro delle Tre Cime di Lavaredo: l’anello delle Dolomiti / Drei Zinnen Dolomites Ring (drone)

Standard

Il più classico e il più famoso giro delle Dolomiti non può essere altro che l’anello delle Tre Cime di Lavaredo (ring Drei Zinnen): un’escursione che tutti prima o poi dovrebbero fare almeno una volta nella vita.
Non è un giro pensante ma sicuramente particolarmente lungo visto che in genere si compie in 4 ore circa. Tutto inizia dal Rifugio Auronzo a 2.320 metri s.l.m. che si raggiunge comodamente in auto grazie alla strada a pagamento (vedi sotto i costi) la SS 48bis che parte poco sopra il Lago di Misurina e che in 7 km vi catapulterà nel cuore delle Dolomiti facendovi ammirare da ogni angolazione lungo tutto il percorso, le tre cime che si stagliano per quasi 700 metri d’altezza.


COSTO DEL PEDAGGIO PER I 7 KM DI TRANSITO FINO AL RIFUGIO AURONZO

Come si può ben notare nella foto (inverno 2017) e dai prezzi sottostanti, con l’avvicinarsi dell’estate 2018 i costi di pedaggi sono aumentati di 5€/15€ in base alla tipologia di veicolo. A quanto pare i prezzi non erano sufficientemente adeguati 😉 e quindi l’ente che gestisce la strada ha deciso di aggiungere ulteriori 5€ per auto/moto/caravan/camper e altri 10€/15€ per le varie tipologie di pullman:

Autovetture > € 30,00
Motocicli > € 20,00
Pullman (max 30 posti) > € 60,00 | Pullman (oltre 30 posti) > € 120,00;
Caravan e Autocaravan e Camper > € 45,00 (Altezza superiore m 2,10)

Supplemento per ogni giorno aggiuntivo:
Motocicli > € 5,00
Autovetture > € 15,00
Camper > € 25,00
Pullman (max 30 posti) > € 30,00
Pullman (oltre 30 posti) > € 60,00

PORTATORI DI HANDICAP ACCESSO GRATUITO CON CONTRASSEGNO ESPOSTO E PERSONA DISABILE A BORDO

Se invece decidete di risparmiare potete consultare gli orari degli autobus (servizio attivo dal mese di giugno) all’indirizzo auronzomisurina.it/come-muoversi/

In inverno le Tre Cime sono raggiungibili su strada innevata sempre battuta a piedi, con le ciaspe, con gli sci d’alpinismo e con servizio motoslitta dal Lago Antorno


ITINERARIO DI VIAGGIO

Rifugio Auronzo

Rifugio Auronzo

Il percorso per compiere il giro delle Tre Cime di Lavaredo è davvero ben segnalato ed è pressoché impossibile sbagliare. Solitamente il giro si fa in senso antiorario ma ciò non toglie che sia altrettanto bello nel senso opposto ma va detto che in autunno il sole non illumina mai le pareti nord, neppure al tramonto. In estate invece, sia all’alba che al tramonto, se pur per poco tempo il calore dei suoi raggi riscalda queste rocce.
Chiesetta della Madonna della Croda

Chiesetta della Madonna della Croda

Come già detto prima, il punto di partenza è il rifugio Auronzo, dove seguendo il sentiero N.101 che costeggia la chiesetta della Madonna della Croda, dedicata a tutti i caduti in montagna, inizierete a rimanere incantati dalla vista sui cadini di Misurina e sul gruppo del Sorapiss….ma… ancora nessuna vista della “tipica vista delle pareti nord” delle Tre Cime.
Continuiamo lungo il sentiero n. 101, in direzione est ci porterà prima al rifugio Lavaredo e poi al punto più alto della nostra escursione, la forcella Lavaredo. Qui è d’obbligo fermarsi per godersi la famosa vista sulle imponenti pareti settentrionali strapiombanti delle Tre Cime, cercando ovviamente di scattare la foto tante foto mozzafiato con questo incredibile panorama.


PERCORSO PIU’ BREVE

Qui ora bisogna decidere se continuare il giro verso il rifugio Locatelli alle Tre Cime (un po’ più lungo) oppure svoltare subito a sinistra e camminare a cospetto delle pareti settentrionali delle Tre Cime fino alla “malga Lunga” passando per due laghetti. Questa seconda possibilità accorcia il tempo di percorrenza di circa un’oretta ma sicuramente è anche la strada meno agevole e comoda da percorrere.

PERCORSO PIU’ LUNGO

Se invece proseguite per il rifugio Locatelli, dopo una leggera discesa, il sentiero continua prima pianeggiante ai piedi del Monte Paterno, e infine in salita fino al rifugio Locatelli a 2.438 m s.l.m., molto frequentato durante l’estate. Anche da qui la vista sugli imponenti giganti rocciosi è semplicemente unica. Dal rifugio Locatelli seguiamo il sentiero con il n° 105 in direzione della “Malga Lunga / Lange Alm”.


Arrivati alla Malga Lunga dove si ricongiunge il sentiero più corto citato prima, sopra a questo piccolo ristoro si trova la sorgente del torrente Rienza e i laghetti delle Tre Cime: un posto splendido per una sosta e un rinfrescante bagno dei piedi nell’acqua limpida. Da qui il sentiero prosegue ancora verso ovest, sotto la Cima Ovest, con alcuni tratti un po’ più esposti, fino al nostro punto di partenza.

Guarda il book fotografico completo dell TRE CIME DI LAVADERO

Guarda il book fotografico completo dell TRE CIME DI LAVADERO


DISTANZE
Dal rifugio Auronzo al rifugio  Lavaredo – 1,7 km
Dal rifugio Lavaredo alla forcella Lavaredo – 1,0 km (stradina)
Dalla forcella Lavaredo al rifugio Locatelli – 1,9 km (stradina)
Dal rifugio Locatelli alla Malga dei Pastori – 2,8 km
Dalla Malga dei Pastori al rifugio Auronzo – 2,1 km

 

Durata: 4 ore
Distanza circa 9/10 km
Dislivello: 400 metri in salita

 

 

Il Lago Resia / Reschensee e il suo campanile di Curon (Graun) che emerge dalle acque

Standard

In Alto Adige ci sono tantissimi laghi e laghetti ma il più grande in assoluto è proprio il Lago di Resia, o Reschensee  in tedesco, situato a 1.498 metri s.l.m.
Volevo andare da tantissimi anni in questo posto fantastico per ammirare da vicino il famoso campanile della vecchia Curon ma devo dire che il posto non è proprio così facile da raggiungere visto che si trova ad una quota molto alta e a pochi km dal confine italo-austriaco sul Passo Resia, lontano da grandi città e lontano dagli aeroporti.
Personalmente ho approfittando di un viaggio in auto in direzione Liechtenstein e Svizzera per visitare questo lago artificiale in Val Venosta, situato poco più a nord del lago di San Valentino alla Muta, nonchè lungo la Strada Statale 40 che come già detto prima porta in Austria.
L’origine del lago di Resia si ebbe nel 1950, quando la costruzione di una diga unì due laghi naturali sommergendo l’intero paese di Curon Venosta, ricostruito poco più a monte. Vennero sommerse ben 163 case, oltre ad un esteso terreno coltivato e così si ricavò lo spazio per l’invaso, lungo 6 chilometri e largo uno. Si parlava già della costruzione di un lago per ricavare energia idroelettrica negli anni Venti del secolo scorso, i lavori iniziarono poi nel 1939 ma vennero sospesi per la guerra. Al termine del conflitto ricominciarono, grazie anche ad investimenti svizzeri e alla manodopera di ben 7000 operai.

Panorama unico al mondo, dal lago di Resia spunta tuttora la cima del campanile di Curon Venosta, datato 1357. D’inverno è possibile raggiungere il campanile a piedi, e una leggenda narra che il suono delle campane ancora riecheggi per la vallata. Il campanile è stato sottoposto a ristrutturazione nel luglio 2009, e per i lavori il livello del lago fu abbassato.

Dal punto di vista turistico il lago di Resia è una destinazione della Val Venosta molto frequentata. Gli appassionati della pesca saranno felici di sapere che ai loro ami potranno abboccare persici, lucci, salmerini e coregoni, mentre gli amanti dello sport potranno godere di belle passeggiate di nordic walking. Il lago è il punto di partenza di molte escursioni di alta montagna, ed è altresì possibile praticare il kite grazie ai venti che spirano costanti.
Esiste un sentiero che lo percorre lungo tutto il perimetro, inoltre per gli escursionisti più intrepidi il lago di Resia si puo’ ammirare anche dall’alto percorrendo l’Alta Via che attraverso il sentieri in quota offre un panorama stupendo sulla magnifica vallata.

Visualizza il book fotografico completo del Lago di Resia

Visualizza il book fotografico completo del Lago di Resia