Hotel gratuito con Turkish Airlines se fai uno scalo lungo a Istanbul

Standard

Non tutti sanno che Turkish Airlines ha avuto la buona idea di offrire il pernottamento gratuito ai passeggeri in transito all’aeroporto Atatürk di Istanbul nel caso il loro itinerario preveda una lunga attesa. Questa è una info che non tutti conoscono ma che è veramente molto molto importante e potrà aiutarvi a scegliere proprio Istanbul per un viaggio/scalo lampo di 12/24/48 ore.

Questo è il comunicato ufficiale:

Passengers have right to have free hotel accomodation only when there is more than 10 hours (7 or more hours for business class passengers) between two international connecting flights due to Turkish Airlines’ schedule structure for maximum 2 nights. Both of the connections must be with Turkish Airlines, reservations must be confirmed and transfer flight’s reservation must have done for the first scheduled flight. Hotels will be Turkish Airlines’ corporate hotels that will be provided though “Hotel Desk” office which was located at the arrival floor after customs. Passengers should have checked visa procedures in advance. In the event that they are not granted visas at the transit, Turkish Airlines assumes no responsibility for providing hotel services. For detailed information, please call +90 212 4440849


Quindi i requisiti per avere diritto all’hotel gratis sono:

  • Essere un passeggero in transito all’aeroporto di Istanbul tra due voli operati da Turkish Airlines (quindi dovrebbero andar bene anche i code share con altre compagnie) con un’attesa della coincidenza superiore alle 10 ore se in classe economy e 7 ore se in classe business
  • Quando questa attesa NON sia dovuta all’orario schedulato di Turkish Airlines, il che significa che se i voli sono in ritardo l’offerta non è valida, così come NON si ha diritto all’hotel gratis se in fase di prenotazione si è scelta una combinazione di voli che non sia stata quella con l’attesa minore possibile (cioè nel caso in cui Turkish Airlines aveva disponibili combinazioni di voli con tempo di interconnessione minore).
  • Se è necessario il visto per la Turchia sul passaporto, bisogna procurarselo da soli ma nel caso di cittadini italiani (ad oggi maggio 2017) non è necessario visto che la normativa dice che l’ingresso nel Paese per motivi turistici è consentito per un periodo massimo di 90 giorni nell’arco di 180 giorni senza un visto ma presentandosi soltanto con il passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio.
  • Non si può scegliere l’hotel ma viene assegnato direttamente dalla compagnia aerea ( in genere 4 o 5 stelle)

Facendo quindi un riassuntino, se siete già stati a Istanbul e volete ritornare per qualche ora/giorno per rivisitare la città potrebbe essere una buona idea ma il mio suggerimento potrebbe essere valido anche per un’eventuale prima volta ma ovviamente in base al tempo a disposizione magari farvi un giro tra i monumenti principali della zona di Sultanahmet (che non sono pochi).

Un salto alla Moschea Blu di Istanbul (Turchia)

Come richieste il pernottamento gratuito Turkish
(la mia esperienza personale)

Per raggiungere la Finlandia dalla Sicilia al momento della prenotazione con Turkish Airlines avevo a disposizione due opzioni con i voli Catania/Istanbul/Helsinki, ambedue con arrivo a Istanbul alle ore 22.15 ma con 2 differenti tempi attesa per il successivo volo ad Helsinki: il primo dopo 9 ore e 40 minuti invece il secondo dopo 16 ore e 40 minuti…quindi ho preferito l’ultimo per avere più tempo a disposizione (per poter fare qualche bella foto in centro) ma nello stesso tempo consapevole di aver scelto la combinazione di voli con più attesa e quindi escludermi di conseguenza dai criteri per l’assegnazione gratuita del pernottamento.
Fatta questa lunga premessa, appena scendo dall’aereo all’aeroporto Atatürk di Istanbul mi dirigo verso il controllo passaporti e una volta finito il controllo della polizia. (ricordatevi di prendere il bagaglio se l’avete, anche se personalmente vi consiglio di farvi spedire tutto direttamente alla destinazione finale e muovermi solo con il bagaglio a mano) supero la dogana e mi ritrovo nella zona arrivi.

Controllo passaporti

Controllo passaporti

Da qui, uscendo dalla porta, vado in fondo sulla destra e proprio accanto a Starbucks finalmente trovo l’Hotel Desk della Turkish Airlines.

Hotel Desk della Turkish Airlines

Hotel Desk della Turkish Airlines

Allo sportello faccio il finto tonto e mostrando la mia carta di imbarco con un’attesa superiore alle 10 ore chiedo il pernottamento gratuito …nonostante non abbia i requisiti … ma dopo un minuto di attesa la signorina mi chiede gentilmente di consegnarle la carta d’imbarco per il volo successivo (non vi spaventate, ve la riconsegneranno dopo) e di attendere 20/30 minuti nei paraggi (magari da Starbucks).

Tra un caffè e qualche post sui social ogni 10/15 minuti un addetto Turkish esce fuori e chiama una decina di nomi per riconsegnare le loro le carte d’imbarco e accompagnare il gruppo su uno shuttle in direzione dell’hotel…chissà se chiameranno anche me 🙂 Ma … dopo 30 minuti finalmente è il mio momento: sento chiamare il mio nome e cognome insieme a quello di altre persone!!! 🙂 Forse ci siamo!! 🙂 .Mi riconsegnano la mia carta d’imbarco, tutti insieme andiamo fino ad un parcheggio dove c’è minibus Turkish e si viaggia in direzione Sultanahmet verso Hotel!

Che fortuna!! Non potevo sperare meglio: un hotel 4 stelle con colazione e trasferimento dall’hotel all’aeroporto incluso, proprio nel cuore della città dove ci sono le principali attrazioni della città !! 🙂
I love Turkish Airlines!!!:)

Basilica di Aya Sofya

Basilica di Aya Sofya


LA MIA ESPERIENZA IN VOLO

Turkish Airlines per il sesto anno difila è stata eletta “Migliore Compagnia d’Europa” e “MiglioreCompagnia del Sud Europa” agli Skytrax World Airline Awards 2016, riconfermandosi la regina dei cieli del Vecchio Continente.
Scorrendo la pagina verso il basso è possibile visionare qualche foto immortalata durante i miei viaggi e personalmente devo dire che mi sono trovato veramente benissimo: aerei nuovi, personale altamente qualificato, sedute ampie e confortevoli, voli in orario, pasti e bevande gratuiti di ottima qualità e poi l’intrattenimento in volo tramite le tv veramente eccezionale con un’interfaccia migliorata e completamente ridisegnata con la possibilità di visionare file precaricati in inglese, italiano e tante altre lingue come  film, musica, giochi e anche la mappa 3D che fornisce dati informativi e interattivi riguardanti il volo, tra cui le visuali della cabina di pilotaggio e dei finestrini di entrambi i lati, immagini virtuali con animazioni 3D realistiche e la descrizione di distanza mancante, altitudine e caratteristiche geografiche.

turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_001turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_002turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_003turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_004turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_005turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_006turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_007turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_008turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_009turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_010turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_011turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_012turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_013turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_014turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_015turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_016turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_017turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_018turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_019turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_020turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_021turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_022turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_023turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_024turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_025turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_026turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_027turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_028turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_029turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_030turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_031turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_032turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_033turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_034turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_035turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_036turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_037turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_038turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_039turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_040turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_041turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_042turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_043turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_044turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_045turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_046turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_047turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_048turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_049turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_050turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_051turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_052turkishairlines_logo

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 48 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Ho messo piedi in tutti gli stati dell’Europa ad eccezione dell’Albania. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

My Cicero APP – Paga la tua sosta, bus, treno o metro con un click

Standard

Buzzoole

Ciao amici,
una delle cose più stressanti e noiose dei miei viaggi è sempre il problema di pagare posteggi, bus, treni, metro e tutto quello che concerne gli spostamenti in generale.
Proprio la scorsa settimana sono stato un weekend a Roma e ho avuto modo di testare in prima persona questa applicazione myCicero® di cui avevo tanto sentito parlare
Si tratta di
un app evoluta, innovativa e integrata che offre la possibilità di accedere con estrema comodità ai servizi offerti dalla piattaforma myCicero attraverso sistemi operativi iOs, Android e Windows Phone 8 che ti permette di pagare in pochi semplici gesti ogni mezzo, parcheggio, bus, treno e metro in un pochi semplici click in tantissime città italiane in sicurezza con un pagamento sicuro al 100%.

Visiona tutte le info in questo articolo


I servizi possono essere pagati tramite carta di credito, conto corrente bancario o in contati presso le ricevitorie SisalPay, ricaricando un borsellino utilizzabile in tutte le città aderenti al circuito. Personalmente ho testato tutto a Roma e devo dire che è andato tutto veramente alla grande: ironia della sorte, mentre un gruppo di ragazzi si lamentava perchè la biglietteria automatica della metro non accettava le banconote da 20 euro, io sfrecciavo con la mia app My Cicero dritto all’interno della metro A con il mio bel ticket online.

Cosa aspettate? Viaggia senza pensieri con un download oggi che vi risparmierà tante file domani.

Codice Promo € 2,00­

Scarica l’app gratuit­amente e utilizza il ­seguente codice promo­zionale: MYC45879
Potrai utilizzarlo pe­r ricaricare il credi­to myCicero seguendo ­questi passaggi: dall­’app accedi
alla sezione ‘Ricaric­a Credito’ –> ‘Hai un­ coupon?’ e inserisci­ il codice.
In questo modo avrai ­diritto a 2€ di ricar­ica omaggio, valido s­olo per i nuovi iscri­tti!

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 48 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Ho messo piedi in tutti gli stati dell’Europa ad eccezione dell’Albania. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Problemi alla dogana Moldava: sono un clandestino in Moldavia perchè non ho il timbro d’ingresso

Standard

Ci siamo lasciati a Chișinău (Moldavia) …

Dopo tre giorni a Chisinau alle ore 21.00 finisce anche questa grande esperienza in Moldavia. Un piccolo paese prevalentemente di cultura rumena, da sempre diviso tra la vocazione europea e la preponderante presenza della Russia dalla quale si è dichiarata indipendente. Camminando lungo la via principale non si può fare a meno di notare le centinaia di bancarelle colmi di prodotti tipici o fatti in casa, fiori o souvenir sovietici che le babushke (nonne in russo) vendono ai passanti o turisti ed è proprio qui che prendo gli ultimi ricordini da portare in italia e mi diriggo verso “Autogara du Sud” dove tra un pó prenderò il bus notturno che mi porterà alle prime luci del mattino in una delle più belle città della Romania: una città piena di misteri che hanno evocato grandi film del passato che prende il nome di Brașov.

Finalmente prendo questo bus e non ho neanche il tempo di uscire fuori Chisinau che mi addormento come un ghiro!! Dopo qualche oretta inizia un pò di movimento sul bus e mi rendo conto che sono già in prossimità dei controlli in uscita alla dogana Moldava. Ho soltanto il tempo di svegliarmi un poco che mi ritrovo già a bordo la polizia di frontiera Moldava per i controlli di routine: non mi resta altro che consegnare il passaporto e aspettarne la restituzione. Trascorrono circa 20 minuti e ritornano a bordo i militari che riconsegnano all’intero bus tutti i passaporti … tranne il mio!!!! Qualche istante dopo sento urlare da un poliziotto il mio cognome e mi invita a seguirlo alla stazione di frontiera.

Arrivato all’interno della stazione inizia l’interrogatorio e capisco subito che le cose non filano per il verso giusto: sul mio passaporto non figura il timbro di ingresso in Moldavia e quindi per le autorità locali sono un perfetto clandestino e oltre alla sanzione rischio anche “qualche giorno” di carcere!! Per usare un francesismo … SONO NELLA MERDA!!

Spiego ai poliziotti che sono entrato in Moldavia dalla frontiera Ucraina lungo la strada che collega Odessa (Ucraina) a Tiraspol (Transnistria/Moldavia), documentato sul mio passaporto dal timbro di uscita dall’Ucraina!! Ma a questo punto gli animi di riscaldano e capisco che sono entrato in un bel labirinto da cui uscirne non è proprio così facile.
sheriff-tiraspol-4[1]

In sintesi:

  • il timbro di ingresso in Moldavia dovrebbe essere messo dalla polizia della Transnistria all’ingresso della loro fantomatica nazione ma loro NON si reputano Moldavia e quindi non applicano nessun timbro Moldavo!!! Utilizzano soltanto una carta di migrazione complementare al passaporto che viene compilata e timbrata all’ingresso della Transnistria e restituita in uscita della Transnistria.
  • Di conseguenza il timbro di ingresso in Moldavia dovrebbe essere messo dalla polizia Moldava subito dopo l’uscita dal fantomatico stato della Transnistria … ma … per la Moldavia la Transnistria è già Moldavia e quindi non applicano nessun timbro.

Ma Indagando …indagando … scopro che a norma di legge chiunque entra in territorio Moldavo dalla Transnistria deve denunciare la sua presenza entro e non oltre i 72 ore alla prima stazione di polizia Moldava (ovviamente non in Transnistria) che provvederà ad applicare il timbro di ingresso Moldavo!! A questo punto capisco proprio di non avere scampo!!!

Inizio con la mia opera di convincimento per far valere il mio buon senso ma con pochi risultati … quindi … ormai con le spalle al muro non mi resta altro che giocarmi l’ultima carta: faccio capire ai militari che sono disposto a “pagare una multa” e dopo vari discorsi che non vi sto a dire pattuiamo una cifra di 100 € ! Non avendo con me denaro contante ritorno sul bus per prendere la somma pattuita dalla mia borsa reflex e mi rendo conto di avere soltanto una carta da 10€ e una carta da 200€ … e ora che faccio? Dare 200€ significa non ricevere più la rimanenza!! Tanto per facilitare tutto e con tanta incoscienza, decido di cambiare tattica: prendo con me solo 10€, mi dirigo verso la stazione di polizia mettendo il mio smartphone in registrazione audio con salvataggio del file sia sul dispositivo che dropbox.

Rientrando in ufficio tiro fuori i miei 10€ e gli faccio capire che non possiedo altro denaro contante e quindi non posso soddisfare la loro richiesta di 100€! La risposta dei militari con tono sarcastico è secca e decisa “No problem, you are an illegal man!!”. A questo punto esce in me tutta la mia pazzia e incoscienza ed esclamo in inglese “Ok, se io sono un clandestino in Moldavia e la multa è veramente 100€ sono disposto a pagarla ma prima voglio chiamare l’Ambasciata Italiana per accertarmi che è tutto vero oppure qualcuno di noi si sbaglia” …. attimini di silenzio … lascio i 10€ sul tavolo accanto al mio passaporto e attendo una loro risposta che arriva qualche istante dopo con la frase “Ritorni sul bus e vediamo cosa possiamo fare!!” … 5 minuti dopo ho riavuto il mio bel passaporto con il timbro di uscita dalla Moldavia 🙂 Anche per questa volta l’ho scampata: sono nuovamente un cittadino libero!!! Il bus oltrepassa la dogana, qualche chilometro dopo anche la quella rumena con i relativi controlli e mi diriggo spedito verso verso la Transilvania e precisamente a Brașov.


 

IL VIAGGIO CONTINUA … NEL PROSSIMO ARTICOLO (DA PUBBLICARE)

next

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 48 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Ho messo piedi in tutti gli stati dell’Europa ad eccezione dell’Albania. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com