Il “Mastro di Campo” : Il Carnevale di Mezzojuso (Palermo) Foto e video

Standard

La manifestazione non religiosa più significativa è quella del periodo prima di Pasqua, con il “Mastru di Campu”, che si svolge l’ultima domenica di Carnevale. Vi partecipano un centinaio di personaggi indossanti costumi d’epoca, che impersonano il re, la regina, il barone, il segretario, la baronessa, il tamburinaio, il comandante dell’artiglieria, ed il personaggio principale del “Maestro di Campo”, che lotta contro il re. Dopo svariati assalti al castello reale (ovviamente si tratta solo di un palco di legno) e dopo avere ricevuto una ferita, in conseguenza della quale fa la caratteristica “caduta”, il Mastro di campo alla fine vince la sfida e conquista il cuore della regina. Si tratta della festa più importante per Mezzojuso, di una rara permanenza su quelle antiche rappresentazioni in forma pantomimica, che si usavano svolgere nelle piazze. Di questa pantomima trattò già nel XVIII secolo, il Villabianca, ma la inquadra a Palermo, presso gli antichi quartieri del centro storico della città, si presume siano la Kalsa o l’Albergaria, dove era nota come “Atto di Castello”. Il Mastro di campo posto alla testa di una piccola armata, deve marciare verso il castello e prendere con sé la Regina. Mentre il Re si prepara alla difesa, e le truppe si combattono tra loro, il Mastro di Campo, inerpicato su di una scala deve tentare il rapimento della Regina, ma viene respinto dalle guardie che lo fanno cadere giù. A Mezzojuso, questa antica tradizione presenta caratteristiche per certi versi analoghe a quelle dell’antica pantomima di Palermo, ma arricchita da elementi propri della tradizione locale. Appare infatti un figurante col volto coperto da una maschera rossa, che cerca di conquistare la sua amata regina, arroccata nel castello. Egli infine riesce a conquistare la sua amata. La pantomima trae origine da un fatto veramente accaduto nel ‘400, quando la vedova di Martino il Giovane, Bianca di Navarra, rifiutò di cedere la reggenza dell’isola a Bernardo Cabrera, conte di Modica e gran giustiziere del Regno. Bernardo Cabrera, diede quindi l’assalto al castello di Solanto, presso Palermo, dove si era rifugiata la regina. Il racconto tratto dal fatto storico, da cui trae origine la pantomima del “Mastro di Campo” avrebbe quindi nel tempo subito delle sostanziali modificazioni dettate dalla fantasia, che avrebbero portato la bella Regina ad essere innamorata del Mastro di Campo. In realtà Bianca di Navarra, non voleva proprio sapere nulla di cedere alle lusinghe del Cabrera. L’evento si svolge nella pubblica piazza cittadina con la partecipazione di numerosi figuranti, è molto atteso da tutta la cittadinanza, ed è rappresentato sin dal XVII secolo. Si tramanda oralmente e propone dei personaggi abbigliati con costumi spagnoleggianti siciliani. Nel corso dei secoli, l’evento ha subito delle modifiche, come quelle relative all’intervento del personaggio storico “Giuseppe Garibaldi” e di alcuni suoi uomini garibaldini. Sembra che questa particolare innovazione abbia avuto origine alla fine dell’800, quando apparve un figurante vestito appunto da Garibaldi. Tale evento scosse lo spirito patriottico degli spettatori, che applaudirono tanto fragorosamente alla novità, da far sì che nelle edizioni successive si riproponesse sempre la figura del condottiero dei due mondi, Garibaldi. La partecipazione dell’eroe nazionale, e dei suoi uomini, è molto attiva: i garibaldini ingaggiano una bella battaglia con le guardie saracene del castello. Altri caratteristici personaggi di tale pantomima sono gli alleati del Mastro di Campo, i briganti ed i guerriglieri che vogliono sovvertire l’ordine rappresentato dalla Corte del Re ed il “Diavolo Pecoraio”, un figurante rivestito di pelli di pecora che rappresenta il reale avversario dell’eroe della pantomima. Nonostante le modificazioni suesposte, c’è da dire che i caratteri dei protagonisti sono pressoché identici a quelli delle rappresentazioni originali, e il Mastro di Campo continua ad essere rappresentato come una figura grottesca, irreale, mentre la regina è come una donna dolce e mite. Alla fine tutte le maschere scendono dal palco adibito a Castello e si cominciano a diffondere le note martellanti delle danze della Tubiana, che si rifanno ad un antico ballo di Carnevale, tipicamente siciliano.

FOTO – Il Mastro di Campo: il carnevale storico di Sicilia – Mezzojuso (Palermo)

  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_001
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_002
    DCIM100GOPROG0236491.

  • DCIM100GOPROG0276579.
    DCIM100GOPROG0276590.
    DCIM100GOPROG0276600.
  • DCIM100GOPROG0276616.
    DCIM100GOPROG0316659.
    DCIM100GOPROG0326730.
  • DCIM100GOPROG0326731.
    DCIM100GOPROG0326732.
    DCIM100GOPROG0346776.
  • DCIM100GOPROGOPR6482.
    DCIM100GOPROGOPR6540.
    DCIM100GOPROGOPR6677.
  • DCIM100GOPROGOPR6679.
    DCIM100GOPROGOPR6687.
    DCIM100GOPROGOPR6703.
  • DCIM100GOPROGOPR6704.
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_020
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_021
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_022
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_023
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_024
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_025
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_026
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_027
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_028
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_029
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_030
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_031
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_032
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_033
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_034
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_035
    mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_036
  • mastrodicampo_mezzojuso_www.giuseppespitaleri.com_037
Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Altri articoli interessanti

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Altri articoli interessanti