Chisinau-Кишинёв (Moldavia-Moldova) – Tiraspol/Тирасполь (Transnistria-Transdniestria)- Cosa vedere, storia, foto e video.

Standard

Chișinău/Кишинёв (Moldavia/Moldova) &
Tiraspol/Тирасполь (Transnistria)

bandiera_mappa_moldavia

 


 Tiraspol/Тирасполь (Transnistria)

 

 Album fotografico e video 2009

 

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE Il Book fotografico di Tiraspol (Transnistria)

Il Book fotografico di Tiraspol (Transnistria) 2009

Transnistria (album fotografico e video) 2015

 

CLICCA QUI PER VEDERE IL Il Book fotografico di Tiraspol (Transnistria)

Il Book fotografico di Tiraspol (Transnistria) 2015

Ci siamo lasciati a Odessa (Ucraina) …

Dopo 3 giorni in questo bellissimo gioiellino del Mar Nero è arrivato il tempo di intraprendere un’avventura nell’avventura: da Odessa (Ucraina) mi trasferirò a Tiraspol nello stato fantasma della Transnistria. Non trascurando sempre il fatto che sarò in viaggio completamente solo e in uno stato non ricosciuto da nessuno, tenterò di raggiungere Tiraspol tra mille vicissitudini e mille pericoli.

Ore 12:00 stazione centrale di Odessa: chiedo le prime informazioni su come arrivare a Tiraspol in Transnistria!! L’unico treno che collega le due città è un treno nel pomeriggio verso le 17:00/18:00 ma visto l’orario e visto che è una soluzione molto semplice e lineare, preferisco complicarmi un pò la vita e decido un percorso alternativo! 🙂
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_001
Mi reco alla stazione degli autobus proprio accanto alla stazione ferroviaria al mercato Pryvoz e con un pò di inglese e un pò di russo percepisco subito che non sarà un viaggio molto facile e tranquillo! Devo prendere un autobus urbano per 7/8 km che mi porterà poco fuori Odessa per poi prendere un minibus che in 90 minuti circa mi porterà proprio alla fantomatica dogana tra Ucraina e Transnistria!
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_008


Inizio l’avventura e prendo il bus urbano consigliato da un autista! Come si può percepire dalla foto sottostante non godo poi di un trattamento di prima classe con aria condizionata! 🙂 Sul bus si muore dal caldo e vi assicuro che l’odore non è poi così gradevole! Parlo con l’autista e mi tranquillizza facendomi capire che sarà lui a chiamarmi quando sarà la mia fermata e realmente dopo un 15 minuti sento un grido dal fondo dell’autobus “italiansky italiansky italiansky” raccolgo di fretta tutti i miei bagagli e scendo subito da bus!tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_012Mi ritrovo nel bel mezzo del nulla e le facce che vedo attorno non sono proprio il massimo! A 300 metri vedo una stazione di benzina dove c’è un minibus fermo e intuisco che sarà quello il mezzo con cui raggiungerò la dogana … ma non appena faccio 50 metri mi ritrovo attorno 5/6 zingarelle che mi fanno capire che vogliono qualcosa: tolgo i soldi che mi serviranno per il bus e gli mollo le ultime 40/50 grivna che ho in tasca e mi lasciano andare! Arrivato alla stazione di rifornimento faccio il biglietto per il minibus, parlo con l’autista per chiedere se è possibile sedermi nel posto accanto a lui per poter fare qualche video e ci incamminiamo verso la dagana.

90 minuti e arrivo finalmente alla dogana Ucraina! La fila per le autovetture è di circa 400/500 metri ma io devo attraversare la dogana a piedi e quindi a poco a poco le supero tutte e solo adesso inizio a fare la fila pedonale per il controllo passaporti in uscita dall’Ucraina. Finalmente arriva il mio turno e la polizia di frontiera mi applica il timbro di uscita e proseguo avanti.

La fila di attesa dei controlli per l'uscita dall'Ucraina

La fila di attesa dei controlli per l’uscita dall’Ucraina

tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_015 tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_013

Adesso sono esattamente in un’area internazionale! Sono appena uscito dall’Ucraina e a 300 metri vedo l’avamposto della Transnistria! Le due nazioni sono separate da un ponte dove passa un piccolo fiumiciattolo che ne determina il confine geografico. Sotto un sole cocente a poco a poco e carico come un mulo arrivo in prossimità dei controlli di frontiera per entrare in Transnistria.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_016 tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_017
Prima di passare i lunghi controlli vedo che stranamente anche qui è presente un duty free: incuriosito entro dentro ed esclamo subito “Perchè non sono venuto in macchina così potevo fare una scorta da portare in Italia?” 🙂 Sigarette Pall Mall a 0,75€, Sambuca di Sicilia misteriosamente costa ancora meglio rispetto la mia Sicilia a 4,30 €, la vodka a 2,50€ a bottiglia, ecc ecc!  Benvenuto nel paese dei balocchi: prendo solo due bottiglie di vodka, pago e mi dirigo verso la dogana.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_022 tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_021 tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_020Nell’attesa in dogana, la polizia si avvicina e mi passa un foglio da compilare: la carta di migrazione che mi servirà come foglio complementare da portare sempre con il passaporto per tutta la durata del viaggio e che dovrà essere riconsegnata all’uscita dalla Transnistria. Compilo tutto e non appena arriva il mio turno inizia l’interrogatorio della polizia in un inglese maccheronico!
Cosa fai qui? Di Dove sei? Qual è lo scopro del tuo viaggio? Sei mai stato qui? Sei un giornalista? ecc ecc … inizio a rispondere alle domande e nel frattempo il poliziotto inizia a sfogliare il mio passaporto … forte dei miei 2 visti russi, 2 visti bielorussi e molteplici timbri dell’est Europa mi lascia andare dopo qualche minuto e così finalmente posso dire di essere in Transnistria.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_024Adesso sono finalmente in terra di Transnistria e il peggio sembra già tutto alle spalle…ma scoprirò ben presto che non è così! A 5 minuti di cammino vedo un piccolo spiazzale dove parte un minibus che mi porterà alla mia destinazione e in prossimità di quest’ultimo mi rendo di non aver in tasca nessuna grivnia o euro! Come mia consuetudine fare appena arrivo in una nuova nazione dove non hanno l’euro vado subito al bancomat e prelevo un quantitativo qualsiasi di moneta locale che mi permetta di vivere per tutta la durata del viaggio…ma ben presto capisco subito che in questo fantomatico stato con il suo rublo transnistriano gli sportelli bancomat non sono molto in uso e quei pochi che ci sono non accettano i nostri circuiti (Visa, Mastercard, Maestro, ecc) ma accettano solo il loro circuito interno! Ovviamente: che tasso di conversione dovrebbe applicare la mia banca italiana per una moneta che in teoria non esiste!?!?!? 🙂 🙂 🙂 Non so se ridere o piangere! 🙂 Mi trovo in una delle zone più pericolose d’Europa, non riconosciuta dall’Italia, materialmente senza un centesimo in tasca e non so come andare a Tiraspol: capisco subito di essere nella merda! 🙂

Vado a vedere quanto costa il biglietto del bus e la signorina della biglietteria mi risponde 20 rubli e facendo un breve calcolo che 1€ = 15,5 rubli … significa circa 1,30 € ! Allora forse sono salvo!! Mi ricordo che dovrei avere 2€ da qualche parte nel mio zaino tra la mia attrezzatura fotografica e in effetti è proprio così!
Acquisto il biglietto, ricevo come resto anche 11 rubli e salgo sul minibus nel posto più scomodo in assoluto: ultimo posto lato finestrino dove i sedili sono anche più piccoli e rialzati. Durante il viaggio vi assicuro che ho rischiato più volte di sentirmi male per il caldo e l’aria soffocante ma per fortuna dopo circa 90 minuti scendo alla fermata più vicina al mio hotel e dopo qualche passo finalmente mi ritrovo in un’altra dimensione: sono arrivato nella mia suite ultratecnologica, con la tv lcd pure sopra la vasca da bagno, acquario e perfino una sauna tutta per me in appartamento!
DCIM100GOPROGOPR1728.

Il tempo di farmi una doccia, mettere in carica qualche batteria e vado subito in giro alla riscoperta di questo posto strano! Ho scritto riscoperta perchè sono già stato da queste parti 6 anni fa nell’estate 2009 con 3 miei amici e devo dire che l’aria che si respira è sempre la stessa! Con quei famosi 11 rubli di resto prendo un minibus con 3 rubli fino in centro e inizio subito a fare qualche bella foto/video!

Mi rimangono in tasca 8 rubli…circa 50 centesimi di euro e togliendo il biglietto di ritorno mi rimangono 30 centesimi!! Non posso prelevare, non posso neanche pagare con il bancomat: in parole povere utilizzare qui la moneta elettronica è impossibile! Non mi resta altro che fare un pò di sano digiuno per questa sera e dovrò aspettare il mio amico dall’Italia che arriverà in tarda serata in hotel per farsi 10 giorni di vacanza con me e chiedere a lui qualche euro in prestito! 🙂

A proposito del mio amico: sapete quanto ha voluto il taxi che da Tiraspol è andato a prenderlo all’aeroporto di Chisinau con tanto di foglio A4 con scritto nome e cognome come nei film ed è ritornato indietro? 10€ per circa 150 km a/r


Consigli importanti sulla Transnistria

La città si è fermata all’era comunista degli anni ottanta con i suoi pregi e difetti! Se venite da queste parti ricordate che:

  • Come detto ampiamente prima i bancomat e la moneta elettronica non è accettata.
  • Se volete prelevare il rublo della transnistria dovete andare al cambio con moneta contante.
  • Non c’è copertura internet dati in tutta la città.
  • Se volete internet è accessibile solo in alcuni pub, ristoranti o pizzerie tramite il loro wifi.
  • E’ possibile (quasi sicuramente) che la Vs. sim italiana o di qualsiasi altra nazione non funzioni.
  • La copertura telefonica funziona al 100% solo con sim della Transnistria che non è acquistabile SOLO per i residenti della Transnistria in abbinato con un nuovo telefono.
  • Ricordate che se pernottate da queste parti anche per una notte avete l’obbligo di registrare la vostra carta di migrazione in polizia o presso gli hotel/ostelli abilitati

IMPORTANTE: loro e ripeto SOLO LORO si credono una nazione vera e propria con una moneta, bandiera, polizia, ecc ecc ma per tutto il resto del mondo la Transnistria è un territorio della Moldavia!!! Se non volete avere problemi in uscita con i timbri sul passaporto vi consiglio:

  • Se venite dall’Ucraina, entrate in Transnistria per poi ritornate in Ucraina facendo la strada al contrario il problema non sussiste! Per esempio Odessa, Tiraspol, Odessa
  • Se entrate dall’Ucraina, passate in Transnistria e poi andate in Moldavia (esempio venite da Odessa, passate da Tiraspol e poi andate in Chisinau) allora qui sono veramente problemi! Perchè non appena uscite dalla Moldavia la polizia di frontiera vi chiederà il passaporto per fare tutti i controlli di routine e vi renderete conto che siete dei veri clandestini in terra moldava senza un timbro di ingresso!! In teoria il timbro dovrebbe essere messo dalla polizia della Transnistria all’ingresso ma loro non si reputano Moldavia … e quindi si crea un bel caso politico internazionale e voi siete in trappola in frontiera. Vi parlo per esperienza personale perchè mi è successo proprio questo (che vi racconterò nel prossimo articolo)!! A norma di legge chiunque entra in territorio Moldavo dalla Transnistria deve denunciare la sua presenza alla prima stazione di polizia (ovviamente non in Transnistria) entro e non oltre i 3 giorni in modo che applicheranno il timbro e siete in regola per l’uscita del paese.

Transnistria

Ai confini orienti dell’Europa esiste uno Stato fantasma: ha una sua bandiera, un suo presidente, un suo governo, un suo parlamento, una sua moneta, un suo esercito, una sua polizia ma nessun paese al mondo ne riconosce l’esistenza. Si chiama Transnistria: una sottile striscia di territorio moldavo che si estende tra la sponda est del fiume Dniester e il confine ucraino. E’ l’unica repubblica sovietica ancora esistente al mondo: stelle rosse e statue bronzee di Lenin fanno ancora parte del panorama urbano della ‘capitale’ Tiraspol. Enorme quella che troneggia davanti al pazzo del Soviet Supremo.

Ma dietro la vernice rossa del veterocomunismo si nasconde il vero potere: la mafia russa, che ha trasformato questa repubblica in un paradiso del contrabbando di droga, petrolio, alcool, sigarette e soprattutto armi.

La Transnistria (in russo Приднестровская Молдавская Республика, Repubblica Moldava di Pridnestrov’e) è uno stato indipendente de facto non riconosciuto dai Paesi membri dell’ONU, essendo considerato de iure parte della Repubblica di Moldavia: è governato da un’amministrazione autonoma con sede nella città di Tiraspol.

La regione, precedentemente parte della Repubblica Socialista Sovietica Moldava (una delle ex – repubbliche dell’Unione Sovietica), dichiarò unilateralmente la propria indipendenza come Repubblica Moldava di Pridnestrovie il 2 settembre 1990. Dal marzo al luglio 1992 la regione è stata interessata da una guerra che è terminata con un cessate il fuoco, garantito da una commissione congiunta tripartita tra Russia, Moldavia e Pridnestrovie, e la creazione di una zona demilitarizzata tra Moldavia e Pridnestrovie comprendente 20 località a ridosso del fiume Nistro.

Il 18 marzo 2014 la Transnistria ha chiesto l’adesione alla Russia in seguito all’annessione unilaterale della Crimea.

Il nome della regione deriva dal nome del fiume Nistro a dipendenza dal lato di vista: la Transnistria è, infatti, posta sulla sponda orientale del fiume. In italiano sarebbe corretto il termine Cisnistria per la regione geografica anche se generalmente è conosciuta col suo nome rumeno Transnistria oppure talvolta Transdniestria. L’unico nome formale, sancito dalla Costituzione della Repubblica indipendente è Приднестровская Молдавская Республика (Pridnestrovskaja Moldavskaja Respublika) in russo, Република Молдовеняскэ Нистрянэ (Republica Moldovenească Nistreană) in moldavo, Придністровська Молдавська Республіка (Prydnistrovs’ka Moldavs’ka Respublika) in ucraino. L’abbreviazione usata dalle autorità è quella in lingua russa, ossia PMR (ПМР).

Il nome breve utilizzato localmente è Pridnestrovie, traslitterazione ufficiale del russo Приднестровье secondo un editto presidenziale del 2000 (seguendo un uso parzialmente difforme rispetto alle traslitterazioni scientifiche del cirillico, che imporrebbero di scrivere Pridnestrov’e). Da un punto di vista etimologico i nomi derivano da varianti del termine Transnistria inteso come “oltre il fiume Nistro”: Pridnestrov’e significa, infatti, “presso il fiume Nistro”.


Tiraspol

Tiraspol (letteralmente città del Tyras, antico nome del fiume Nistro) è il centro amministrativo della Transnistria, regione secessionista della Moldavia, dichiaratasi indipendente come “Repubblica Moldava della Transnistria” (“Republica Moldovenească Nistreană” o “Pridnestrovie”).
La città conta circa 190 000 abitanti. Si trova sulla riva sinistra (orientale) del fiume Nistro.

A Tiraspol sono presenti molti tipi di industrie, tra cui mobilifici e industrie di materiali elettrici. La città è anche sede dell’azienda Elektromash, di cui il Presidente Igor Smirnov è stato direttore generale: specializzata in prodotti elettrici, l’azienda è sospettata di fare da copertura per lo smercio di armamenti illegali destinati al terrorismo internazionale.

Nel 1989 la città aveva una popolazione di circa 190.000 abitanti: il 18% erano russi, il 32% ucraini e il 38% moldavi (nel 1919 i moldavi erano il 42%). È stato stimato che, dopo una certa crescita negli anni 1990 la popolazione sia di nuovo diminuita ai livelli del 1989, e secondo il World Gazetteer raggiunge circa 162.000 abitanti. Dopo la secessione dalla Moldavia molti moldavi sono infatti fuggiti, e si pensa che la popolazione moldava nella città sia scesa al 13% del totale.

Tiraspol: cosa vedere

Tiraspol è una città che o ti piace o non ti piace: non si possono avere sfumature! Cose da fare e da vedere non ce ne sono molte; la maggior parte dei viaggiatori si ferma in città solamente perché incuriosita dal fatto che il suo aspetto è ancora molto simile a quello che aveva in epoca sovietica, anche se ormai vi sono molti inserti di “modernità”, con i palazzoni del regime, ora occupati dalla politica e dalla burocrazia transnistriana e i monumenti celebrativi inseriti in un tripudio di stelle rosse e di statue di Lenin e di altri statisti appartenuti all’Unione Sovietica.

Ulitsa 25 Ottobre

Ulitsa 25 Ottobre

La larga Ulitsa 25 Ottobre attraversa tutto il centro cittadino da ovest a est, e la maggior parte dei punti di interesse e delle attività commerciali si trova su questa via.
Alla sua estremità occidentale si trova il Palazzo Presidenziale, con una statua di Lenin davanti

Il Palazzo Presidenziale, con una statua di Lenin davanti

Il Palazzo Presidenziale, con una statua di Lenin davanti

mentre poco più avanti, preceduto da alcuni altri palazzi della politica, si apre la vasta Ploschad Konstitutii, più un parco che una piazza, al cui centro si erge il monumento ad Alexander Suvorov.

Il monumento ad Alexander Suvorov.

Il monumento ad Alexander Suvorov.

tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_157Di seguito invece c’è un parco che arriva fino al vicino fiume Dnestr (o Nistro, da cui il nome Transnistria) solcato da un ponte pedonale che permette di arrivare alla spiaggia fatta di sabbia riportata dove gli abitanti si stendono volentieri a prendere il sole e fare il bagno.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_053Proseguendo invece lungo Ulitsa 25 Ottobre si incontrano, alcuni coperti dalla prima fila di palazzi, il Palazzo della Repubblica, il Museo dello Stato Maggiore, il Palazzo Generale dei Telefoni, la monumentale Casa del Soviet, ora municipio e con un’altra statua di Lenin davanti, il Teatro d’Arte Drammatica e, alla fine della strada, l’Università.

Casa del Soviet.

Casa del Soviet.

Sul lato settentrionale di Ploschad Konstitutii, attraversata Karla Marxa Ulitsa, sorge un insieme di moderni e piacevoli padiglioni, in parte ancora in costruzione, che ospitano il grande mercato cittadino, vicino al quale c’è una delle chiese principali della città
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_120mentre lungo Ulitsa Lenina, la strada che riporta verso la stazione ferroviaria, si incrociano la fabbrica della Kvint, un liquore tipico della zona (c’è anche uno spaccio della Kvint su Ulitsa 25 Ottobre) e il parco cittadino dedicato a Kirov con un’altra chiesa al centro.

Fuori dalla città andando verso Chisinau infine si può ammirare il modernissimo stadio, con centro sportivo, hotel superlusso, palazzetto dello sport ed enorme supermercato-centro commerciale, della Sheriff: la squadra che domina da anni il campionato moldavo, di proprietà del famigerato magnate dei supermercati figlio dell’ex presidente della Transnistria: una visione piuttosto fuori luogo nel contesto generale.
Passeggiare per la città non è particolarmente piacevole, visto che di negozi non ce ne sono poi moltissimi (qualcosa da mangiare o da bere si può comprare agli spacci o in uno dei mercati, oppure, se li trovate, in uno dei supermercati Sheriff) e la gente in giro è abbastanza poca, tuttavia la popolazione locale si è rivelata piuttosto amichevole e cordiale. Anche la sera non c’è molto movimento, ma qualcuno che passeggia lungo Ulitsa 25 Ottobre fermandosi in uno dei numerosi caffè o dei pochi fast food si trova sempre, e la sensazione è stata che, nonostante le prime impressioni la città sia molto sicura. Qualche ristorante, anche di buon livello, o fast food, appunto, per cenare si trovano lungo la via principale dove assaggiare un bicchiere di gradevolissimo vino bianco locale (per cui tutta la Moldova è famosa) e navigare finalmente col wifi.


Per lasciare Tiraspol alla volta di Chisinau bisogna tenere conto che l’unico treno è quello che parte da Odessa e passa da qui alle 19.20 per arrivare a destinazione circa 2 ore e mezza dopo! Quindi se volete sfruttare una giornata in pieno a Tiraspol vi consiglio questo treno, altrimenti in alternativa ci sono i minibus. Ne partono tantissimi durante tutto il giorno dal piazzale della stazione e il viaggio dura circa 90 minuti circa, tra dolci colline e campi di girasole e mais, permettono di raggiungere comodamente la capitale moldava.


tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_226La mia avventura in questa striscia di terra chiamata Transnistria giunge al termine! Mi dirigo alla stazione ferroviaria e alle 19.20 prendo il mio bel treno per Chisinau! Mi lascio alle spalle falce e martello, statue di Lenin e cimeli comunisti e tra circa due ore e mezza sarò già in una nuova realtà immerso nella capitale moldava.

tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_228

 

 


Chișinău/Кишинёв (Moldavia/Moldova) – Foto e Video

 

book_chisinau2015

Clicca qui per visualizzare il book fotografico completo di Chisinau (Moldavia)

 

Sono già sul treno da Tiraspol a Chișinău e mi ritrovo in un contesto molto vintage! Non ci sono poltrone, non ci sono sedili ma in compenso ci sono delle bellissime panchine e dei tavolini in legno molto anni settanta/ottanta.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_229
Come da tabella di marcia il viaggio dovrebbe durare circa 2 ore ma capisco fin da subito che siamo lontani anni luce da questa tempistica visto che dopo un 30/40 minuti arrivo finalmente alla fantomatica dogana Transnistriana e i tempi di attesa di protraggono un poco! Sale sul treno la polizia per i controlli di routine in uscita dal sedicente stato e riconsegno agli stessi la carta di migrazione che ho compilato precedentemente all’ingresso del Paese.
tiraspol_transnistria_www.giuseppespitaleri.com_001_024

Questa volta stranamente tutto scorre liscio, il treno riparte e dopo qualche km ci rifermiamo di nuovo per i controlli di ingresso alla dogana Moldava. Qui perdiamo un altro pò di tempo per alcuni problemi di visto/passaporto con alcuni passeggeri e finalmente dopo altri 30 miunti si riparte in teoria con destinazione Chișinău senza più grosse fermate….ma…ho detto in teoria…infatti a metà strada stranamente il treno fa una lunga sosta di 80/90 minuti in un piccolo villaggio dove non c’è neanche un bancomat o cambio dove prelevare la moneta locale e sgranocchiare qualcosa! Che fortuna!! Non mi resta altro che attendere e guardare gli altri passeggeri mentre mangiano e bevono!! 🙂 Il tempo sembra non trascorrere mai e minuto dopo minuto finalmente il treno riparte e arrivo finalmente a destinazione nella capitale Chișinău!


bandiera_moldavia

Chișinău (in russo: Кишинёв, traslitterato: Kišinëv) è la più grande città del paese anche dal punto di vista amministrativo, politico, culturale ed economico. la città era conosciuta precedentemente con il suo nome in russo: Кишинёв (Kišinëv o Kišinjov). La traslitterazione italiana deriva invece dalla normalizzazione dei segni diacritici presenti nel nome scritto in alfabeto latino.

chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_007

Chișinău è situata al centro della Moldavia sorge sul fiume Bic, ed è costruita su sette colline e copre un’area di 120 kmq. Si tratta di una bellezza naturale in quanto la città ha 23 laghi, la maggior parte dei quali si trova in numerosi parchi della città. La città è spesso definita come la White City, dato che molti dei vecchi edifici sono in pietra calcarea bianca locale. Ci sono diversi siti di interesse storico e culturali mentre i rigogliosi paesaggi verdi e una popolazione generosa ed ospitale che contribuiscono a rendere Chisinau il luogo ideale da visitare.

La maggior parte degli eventi organizzati ogni anno in Moldavia riguardano principalmente le festività religiose e quelle ufficiali dello stato. Il 9 maggio si festeggia il giorno della vittoria (2a guerra mondiale) ed il 27 agosto il giorno nazionale. Importante anche il 31 agosto la giornata nazionale della lingua.


Chișinău/Кишинёв (Moldavia/Moldova) – Cosa vedere

 

Come molte città capitale Chisinau è il trampolino di lancio per esplorare il resto del paese e soprattutto fare escursioni nella famosa cantina di Cricova. Durante la seconda guerra mondiale Chișinău venne quasi interamente rasa al suolo dai bombardamenti e dai combattimenti. Nel dopoguerra la città venne ricostruita secondo il progetto dell’architetto Aleksej Viktorovič Ščusev. La popolazione crebbe in maniera rapida e l’amministrazione sovietica iniziò ad edificare numerosi edifici pubblici e privati in stile stalinista. Negli anni sessanta vennero costruiti numerosi blocchi di abitazioni popolari che ancora oggi dominano le periferie di Chișinău. Nel 1977 venne danneggiata da un violento terremoto.

Nel 1991 Chișinău è capitale della Repubblica Moldava indipendente dall’URSS.

A Chisinau i luoghi di interesse turistico non sono numerosi e poiché non esistono mete da vedere “obbligatoriamente”, la capitale moldava rappresenta più che altro una città da girare e da scoprire passeggiandovi a piedi. Purtroppo del suo antico centro rimane ben poco a causa dei bombardamenti, tuttavia la città offre al turista un ventaglio di possibilità tra le quali risaltano alcuni bei musei ed incantevoli parchi.

chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_064

Il punto migliore per cominciare la visita è comunque la zona centrale, dove i più famosi parchi di Chisinau si fronteggiano formando due diamanti nel cuore della città. In quest’area sono da vedere la Porta Sacra, risalente al 1841 è nota anche come l’Arco di Trionfo di Chisinau e il Parcul Chisinau (Kishinev).

chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_166

Triumphal Arch

Alle spalle è possibile visitare il  “Parco della Cattedrale”, dominato dalla principale Cattedrale Ortodossa della capitale (Cattedrale della Natività di Cristo), con la sua deliziosa torre campanaria del 1836.

chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_144

Catedrala Nasterea Domnului

A pochi metri di distanza è possibile ammirare il mercato dei fiori, aperto 24 ore su 24 sul lato nord-occidentale del parco e il Palazzo del Governo: il colossale edificio posto di fronte alla Porta Sacra.
chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_167

Nella parte nord-orientale del parco è situato il grande Cinema Patria, costruito dai prigionieri di guerra tedeschi nel 1947 ed ancora in attività. Particolare e variopinto, il mercato centrale rappresenta una valida alternativa per trascorrere un pomeriggio diverso. Il vociare, le sfrenate contrattazioni, la quantità di gente che percorre la vasta area lungo Str Mitropolit Varlaam ricordano vagamente l’atmosfera del bazar di Istanbul.
chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_079

Tra i musei principali ricordiamo: il Museo Nazionale di Storia, il capostipite di tutti i musei della città, dove sono conservati manufatti archeologici provenienti da Orheiul Vechi; il Muzeul de Arte Plastice, che ospita un’interessante collezione di arte europea contemporanea, arte popolare, icone e chincaglieria medievale; il Museo di Archeologia ed Etnografia, dove ammirare ricostruzioni di case tradizionali delle varie regioni della Moldavia ed una pittoresca esposizione di stuoie, tappeti e arazzi tradizionali tessuti a mano; il Museo di Storia di Chisinau, che ripercorre la storia della città dall’epoca della sua fondazione con reperti archeologici e fotografie; ed il Museo Puskin, situato all’interno di un cottage dove il poeta russo Alexander Puskin trascorse tre anni di esilio dal 1820 al 1823.

chisinau_moldavia_2015_www.giuseppespitaleri.com_050

Complexul Memorial “Eternitate”

Una cosa da non perdere è sicuramente il parco memoriale delle seconda guerra mondiale (Complexul Memorial  “Eternitate”).
E’ il più grande monumento ai caduti nella capitale della Moldova è stata aperto il 9 maggio 1975. Il monumento centrale è composto da cinque fucili stilizzati: uno in rappresentanza di ogni anno 1941-1945 che formano una piramide di 25 metri di altezza. Una fiamma eterna brucia nel centro del monumento e una guardia d’onore di due soldati a guardia.

Complexul Memorial "Eternitate"

Complexul Memorial “Eternitate”

Lungo un lato del parco è una serie di sculture in bassorilievo in pietra rossa che rappresenta l’andamento della guerra. Di fronte a questi è una serie di lastre di marmo con i nomi dei soldati moldavi caduti in guerra (alcuni che sono stati insigniti del titolo di Eroe dell’Unione Sovietica). Il complesso è composto anche da un cimitero che comprende una serie di tombe militari.L’intera struttura ha subito importanti lavori di restauro nell’estate del 2006 ed è stato riaperto il 24 agosto in onore del  62° anniversario della liberazione della città nel 1944.

Cimitero all'interno Complexul Memorial "Eternitate"

Cimitero all’interno Complexul Memorial “Eternitate”

Un’altra attrazione importante è sicuramente il convento ortodosso di San Teodoro è davvero una meta da non perdere nella visita di Chisinau. E’ formato da tre edifici caratterizzati da vistose cupole dorate che si ammirano da lontano.

Il convento ortodosso di San Teodoro

Il convento ortodosso di San Teodoro

All’interno la chiesa è riccamente decorata con altare e lampadario dorato, con affreschi, marmo e legno intarsiato veramnte molto molto belli.

L'interno del convento ortodosso di San Teodoro

L’interno del convento ortodosso di San Teodoro

E’ collocato vicino al più grande centro commerciale della città, il Mall Dova, e alla fine della str. 31 agosto 1989; pertanto se vorrete arrivarci a piedi dal centro, seguendo la suddetta strada ci arriverete in circa 15 minuti.

Una caratteristica che spesso stupisce i turisti in visita a Chisinau è la movimentata vita notturna della capitale della Moldavia, animata fino all’alba da numerosi locali pieni di gente. Anche nei semplici ristoranti e pizzerie la musica domina sovrana, e tale è il successo di gente che In alcune discoteche ed in certi club bisogna essere preparati a passare attraverso i metal detector ed a sopportare l’esibizionismo macho dei buttafuori, anche se l’atmosfera del locale ripaga spesso le sopportazioni iniziali. Tra i locali più in auge segnalamo il Drive che si trova in Calea Orheiului, e la discoteca Famous in Strada Bucuriei. Le notti spumeggianti di Chisinau sono diventate un mito fra gli occidentali, che purtroppo vengono qui a “caccia” soprattutto di ragazze e donne, per tentare una conquista facile.
Per evitare i locali pretenziosi e divertirsi in un ambiente studentesco, si può fare visita al circolo culturale universitario, aperto ogni venerdì e sabato a partire dalle 20. Un’esperienza da provare è trascorrere una serata al Teatro d’Opera e Balletto, situato in B-dul Stefan cel Mare, il cui programma è particolarmente ricco e variegato.


 

Dopo tre giorni a Chisinau alle ore 21.00 finisce anche questa grande esperienza in Moldavia. Un piccolo paese prevalentemente di cultura rumena, da sempre diviso tra la vocazione europea e la preponderante presenza della Russia dalla quale si è dichiarata indipendente. Camminando lungo la via principale non si può fare a meno di notare le centinaia di bancarelle colme di prodotti tipici o fatti in casa, fiori o souvenir sovietici che le babushke (nonne in russo) vendono ai passanti o turisti ed è proprio qui che prendo gli ultimi ricordini da portare in italia e mi diriggo verso “Autogara du Sud” dove tra un pó prenderò il bus notturno che mi porterà alle prime luci del mattino in una delle più belle città della Romania: una città piena di misteri che hanno evocato grandi film del passato che prende il nome di Brașov.

“Babushka” che vende i tuoi prodotti lungo la via principale

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Altri articoli interessanti