Ristorante Belle Parti – Padova (Veneto)

Standard

Sono stato a cena al Ristorante Belle Parti di Padova e devo dire che è proprio un posto fantastico!! Sono rimasto veramente sbalordito dai piatti serviti e dall’atmosfera che si respira all’interno del ristornate. Sito nel centro storico di Padova all’interno di Palazzo Prosdocimi sono riusciti a creare un’ambiente veramente di classe con abbinamenti insoliti e prelibati, frutto di una sapiente rivisitazione della tradizione veneta.
La qualità del cibo è veramente eccellente e durante tutta la mia cena ho avuto modo di mangiare pietanze veramente uniche abbinate a dei vini veramente di alta fascia.

ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_001ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_002ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_003ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_004ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_005ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_006ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_007ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_008ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_009ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_010ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_011ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_012ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_013ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_014ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_015ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_016ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_017ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_018ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_019ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_020ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_021ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_022ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_023ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_024ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_025ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_026ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_027ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_028ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_029ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_030ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_031ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_032ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_033ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_034ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_035ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_036ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_037ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_038ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_039ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_040ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_041ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_042ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_043ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_044ristorante_padova_belle_parti_www.giuseppespitaleri.com_045

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Hotel Al Cason – Padova (Veneto)

Standard

L’Hotel Al Cason è la sistemazione ideale per chi cerca a Padova un albergo situato in posizione strategica a pochi passi dalla stazione dei treni. Hotel anni settanta ma con camere rinnovate e con un ristorante ristorante interno dove poter far colazione (sempre inclusa) o anche pranzo/cena. Può essere un punto di partenza per visitare la bellissima Padova o come altri turisti anche un punto di partenza per visitare magari Venezia, raggiungibile un comodamente in treno in soli 30 minuti.
Tutte le camere, spaziose e luminose, sono completamente insonorizzate, climatizzate e fornite di servizi privati, TV-SAT, visione gratuita dei canali Mediaset Premium TV film e calcio, connessione internet WI FI ad alta velocità, cassetta di sicurezza e telefono.

Indirizzo: Via Fra’ Paolo Sarpi, 40, 35138 Padova PD
Telefono: 049662636

hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_001hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_002hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_003hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_004hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_005hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_006hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_007hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_008hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_009hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_010hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_011hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_012hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_013hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_014hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_015hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_016hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_017hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_018hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_020hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_021hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_022hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_023hotel_padova_al_casoni_www.giuseppespitaleri.com_024

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Vilnius Grand Resort (Lituania)

Standard

Sono stato al Vilnius Grand Resort e devo dire che è un struttura veramente fantastica!  Affacciata su 2 splendidi laghi dove poter fare anche il bagno nel periodo estivo, il Vilnius Grand Resort offre camere e suite di classe e una SPA veramente eccellente con una piscina riscaldata al coperto, sauna e bagno turco.
La sua posizione a 20 minuti dal centro (non vi preoccupate che ci sono una decina di transfert gratuiti in minubus da/per il centro tutto il giorno) e circondata da un magnifico “V Golf Club” con un campo da golf regolamentare a 18 buche, vi trasmetterà un senso di tranquillità adatto per la vostra vacanza.

vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_001vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_002vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_003vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_004vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_005vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_006vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_007vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_008vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_009vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_010vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_011vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_012vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_013vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_014vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_015vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_016vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_017vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_018vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_019vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_020vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_021vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_022vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_023vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_024vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_025vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_026vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_027vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_028vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_029vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_030vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_031vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_032vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_033vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_034vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_035vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_036vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_037vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_038vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_039vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_040vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_041vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_042vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_043vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_044vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_045vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_046vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_047vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_048vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_049vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_050vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_051vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_052vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_053vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_054vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_055vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_056vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_057vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_058vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_059vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_060vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_061vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_062vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_063vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_064vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_065vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_066vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_067vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_068vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_069vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_070vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_071vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_072vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_073vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_074vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_075vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_076vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_077vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_078vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_079vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_080vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_081vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_082vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_083vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_084vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_085vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_086vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_087vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_088vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_089vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_090vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_091vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_092vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_093vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_094vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_095vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_096vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_097vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_098vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_099vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_100vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_101vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_102vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_103vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_104vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_105vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_106vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_107vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_108vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_109vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_110vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_111vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_112vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_113vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_114vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_115vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_116vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_117vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_118vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_119vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_120vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_121vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_122vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_123vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_124vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_125vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_126vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_127vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_128vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_129vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_130vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_131vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_132vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_133vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_134vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_135vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_136vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_137vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_138vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_139vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_140vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_141vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_142vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_143vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_144vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_145vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_146vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_147vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_148vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_149vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_150vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_151vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_152vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_153vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_154vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_155vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_156vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_157vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_158vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_159vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_160vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_161vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_162vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_163vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_164vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_165vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_166vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_167vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_168vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_169vilnius_resort_hotel_lituania_www.giuseppespitaleri.com_170

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Hotel Palazzo Vitturi – Venezia – Veneto (Italy)

Standard

Se girovagate per il web in cerca di un hotel a Venezia pulito, confortevole e in pieno centro storico allora l’Hotel Palazzo Vitturi è quello che cercate! Ultimamente passo spesso da queste parti per motivi di lavoro o soltanto per il piacere di un weekend nella fantastica Venezia e sempre più spesso mi fermo proprio qui: a 5 minuti a piedi da Piazza San Marco, ubicato a Campo Santa Maria Formosa, il duecentesco hotel presenta un’architettura gotica e affreschi d’epoca che vi stupiranno.
La colazione veramente buona, staff molto professionale e camere molto spaziose che si affacciano sulla piazza o sul canale.

hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_01hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_02hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_03hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_04hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_05hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_06hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_07hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_08hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_09hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_10hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_11hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_12hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_13hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_14hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_15hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_16hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_17hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_18hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_19hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_20hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_21hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_22hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_23hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_24hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_25hotel_vitturi_venezia_www.giuseppespitaleri.com_26

 

 

 

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Materasso EveSleep: dormi sogni tranquilli con consegna, reso e ritiro gratuiti

Standard

Ciao amici, chi mi conosce tramite i social, il mio blog “I Viaggi di Speedy” o meglio ancora nella vita reale quasi sempre mi definisce uno “zingaro senza letto”.
La mia carta d’identità dice che mi chiamo Giuseppe Spitaleri e in teoria vivo a Mezzojuso un piccolo paesino a 40 chilometri da Palermo… dico in teoria perché sono un travel blogger e negli ultimi 8 anni ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria.

Fatta questa piccola presentazione si capisce benissimo che vado saltando di città in città e di letto in letto come se nulla fosse: chi meglio di me può consigliarvi un materasso su cui dormire?
Non sarò Giorgio Mastrotta ma posso sicuramente affermare che la mia testa ha dormito su ogni tipologia di struttura e di letto: dai resort ai campeggi, dalla macchina trasformata in letto in Islanda alle yurte kazake, dagli ostelli ai b&b, dal carcere convertito in hotel di lusso ad Helsinki alle peggior bettole di Tbilisi e l’unico comun denominatore che collega tutto quanto è l’esigenza di riposarmi bene per ricaricare le mie batterie per il lungo giorno seguente.

Quelle rare volte che sono a casa ho l’esigenza di rilassarmi e dormire sogni tranquilli nella mia bella cameretta cosparsa di souvenir, sognando e immaginando già il prossimo viaggio ma per fare ciò ho veramente bisogno di un materasso confortevole e di ottima fattura.

Da tempo mi frullava in testa di cambiare il materasso ma vuoi per mancanza di tempo, vuoi per il problema del trasporto al mio paese, vuoi i costi, vuoi per mille altri fattori che non vi sto a dire ho sempre rimandato… fino a quando… fino a quando… tra i famosi banner che ci stressano l’esistenza tra consigli per viaggi, pernottamenti, ristoranti, scarpe, auto e tanto altro mi sono imbattuto in EveSleep.

Sinceramente ero all’oscuro di questa azienda pioniera nel settore delle soluzioni di lusso per il sonno, nata in Gran Bretagna nel febbraio 2015 e che già vanta un fatturato di svariati milioni di euro, proprio da questo 2017 entra anche nel mercato italiano. EveSleep propone principalmente un prodotto: un materasso acquistabile solamente online e consegnato direttamente a casa, compresso e arrotolato in una scatola con consegna, reso e ritiro sempre gratuiti.

Acquistando quasi tutto online, a mio parere ottima fonte di risparmio, la cosa mi ha iniziato a incuriosire e documentandomi ho scoperto che il 95% dei clienti EveSleep decide di tenere il suo materasso e solo il 5% con una semplice email, fissano un appuntamento per avere il ritiro e ottenere il rimborso totale, senza commissioni o costi aggiuntivi!!!

Una cosa veramente eccezionale! In pratica Eve in un tempo massimo di 100 notti ti permette di provare il materasso nel migliore dei modi: ciò significa che non bisogna lasciarlo nella plastica originale ma bisogna sconfezionare tutto e dormirci normalmente. Se non soddisfatti l’azienda verrà a riperenderselo direttamente dal letto e senza fare troppe domande.

Ero un poco titubante ma dopo aver letto tutto ciò ho deciso di provare il materasso standard matrimoniale 160×190 …. ed ironia della sorte il giorno stesso della consegna in Sicilia per impegni lavorativi mi sono trasferito in Veneto per qualche mese!!! 😊 E quindi?

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Parco Archeologico / Templi di Selinunte: il più grande d’Europa

Standard

Il Parco archeologico di Selinunte, conserva i resti monumentali di alcuni templi intorno all’acropoli e altri su una collina più interna e insieme a costruzioni secondarie testimoniano la grandezza dell’architettura dell’antica Grecia sulla costa sud occidentale della Sicilia che con i suoi 270 ettari di estensione, lo rendono il più vasto d’Europa.
Il parco archeologico di Selinunte è enorme, incorporando templi greci, mura antiche, le rovine di edifici residenziali e commerciali, strade di campagna e le zone non ancora scavate. Le sculture trovate negli scavi di Selinunte si trovano al Museo Nazionale Archeologico di Palermo ad eccezione dell’Efebo di Selinunte, rimasto nel territorio ed esposto al Museo Comunale di Castelvetrano.
Se siete interessati alla Sicilia greca, questo è un sito molto importante da visitare non tralasciando il fatto che proprio a ridosso del parco ci sono tante spiaggie di sabbia e quindi prima o dopo il tour si può fare un bagno o rilassarsi sulla battigia.

IL PARCO ARCHEOLOGICO

L’area archeologica può essere divisa in quattro parti:

1) l’area sacra posta sulla collina orientale (piana Marinella) di cui sono noti i tre grandi templi dorici “Tempio E”, “Tempio F” e il “Tempio G” che, assieme al Didymaion di Mileto, all’Artemision di Efeso e al Tempio G di Agrigento è uno dei più grandi dell’antichità;
2) a sud, l’Acropoli e le sue mura che si trovano sulle sponde del fiume Cottone;
3) la bassa collina di Manuzza a nord, occupata dall’abitato vero e proprio, e i due santuari extraurbani;
4) il santuario di Malaphoros sulla valle del fiume Selinus.

scarica la mappa completa del parco archeologico – scala 1:4000  (formato PDF 939 Kb)

BIGLIETTI E COSTI

Visitare il parco non è molto costoso ma se volete visitare l’area archeologica gratuitamente allora il giorno perfetto per fare un salto da queste parti è ogni prima domenica di ogni mese, visto che l’accesso alle zone archeologiche del parco di Selinunte e Cave di Cusa (che parleremo in un altro articolo) sono completamente grauitite.

Tel. : 0924 46540 / 0924 46277

Orari ingresso: Tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00. Chiusura biglietteria ore 17.00.

Biglietto singolo intero : 6,00 €
Biglietto singolo ridotto: 3,00 €
Biglietto residenti: 1,00 €

Chi acquista il biglietto per Selinunte, oltre a potere visitare tutte le zone (Collina orientale, Acropoli, Malophoros, ecc.), ha diritto all’ingresso con lo stesso biglietto anche alle Cave di Cusa che acquistato singolarmente costerebbe 2 € intero e di soli 1 € invece per i residenti e gli aventi diritto allo sconto.

Per quanto riguarda ingressi gratuiti e agevolati, in base alla circolare del Dipartimento reg.le BB. CC. n. 62984 del 23.6.08 e al D. M. del Ministero BB. CC. n. 239 del 20.4.06:

Hanno diritto all’ingresso gratuito (con riferimento ai cittadini della U. E. e equiparati):

  • I minori di anni 18 e i maggiori di 65.
  • Le comitive di studenti delle scuole di ogni ordine e grado accompagnati dai loro insegnanti.
  • Docenti e studenti universitari delle facoltà di architettura, BB. CC., lettere, filosofia e delle accademie di belle arti.
  • I portatori di handicap e  un loro accompagnatore.
  • Giornalisti, magistrati e forze di polizia nell’esercizio delle loro funzioni.

Hanno diritto al biglietto a metà prezzo i cittadini fra 18 e 25 anni.

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Hotel gratuito con Turkish Airlines se fai uno scalo lungo a Istanbul

Standard

Non tutti sanno che Turkish Airlines ha avuto la buona idea di offrire il pernottamento gratuito ai passeggeri in transito all’aeroporto Atatürk di Istanbul nel caso il loro itinerario preveda una lunga attesa. Questa è una info che non tutti conoscono ma che è veramente molto molto importante e potrà aiutarvi a scegliere proprio Istanbul per un viaggio/scalo lampo di 12/24/48 ore.

Questo è il comunicato ufficiale:

Passengers have right to have free hotel accomodation only when there is more than 10 hours (7 or more hours for business class passengers) between two international connecting flights due to Turkish Airlines’ schedule structure for maximum 2 nights. Both of the connections must be with Turkish Airlines, reservations must be confirmed and transfer flight’s reservation must have done for the first scheduled flight. Hotels will be Turkish Airlines’ corporate hotels that will be provided though “Hotel Desk” office which was located at the arrival floor after customs. Passengers should have checked visa procedures in advance. In the event that they are not granted visas at the transit, Turkish Airlines assumes no responsibility for providing hotel services. For detailed information, please call +90 212 4440849


Quindi i requisiti per avere diritto all’hotel gratis sono:

  • Essere un passeggero in transito all’aeroporto di Istanbul tra due voli operati da Turkish Airlines (quindi dovrebbero andar bene anche i code share con altre compagnie) con un’attesa della coincidenza superiore alle 10 ore se in classe economy e 7 ore se in classe business
  • Quando questa attesa NON sia dovuta all’orario schedulato di Turkish Airlines, il che significa che se i voli sono in ritardo l’offerta non è valida, così come NON si ha diritto all’hotel gratis se in fase di prenotazione si è scelta una combinazione di voli che non sia stata quella con l’attesa minore possibile (cioè nel caso in cui Turkish Airlines aveva disponibili combinazioni di voli con tempo di interconnessione minore).
  • Se è necessario il visto per la Turchia sul passaporto, bisogna procurarselo da soli ma nel caso di cittadini italiani (ad oggi maggio 2017) non è necessario visto che la normativa dice che l’ingresso nel Paese per motivi turistici è consentito per un periodo massimo di 90 giorni nell’arco di 180 giorni senza un visto ma presentandosi soltanto con il passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio.
  • Non si può scegliere l’hotel ma viene assegnato direttamente dalla compagnia aerea ( in genere 4 o 5 stelle)

Facendo quindi un riassuntino, se siete già stati a Istanbul e volete ritornare per qualche ora/giorno per rivisitare la città potrebbe essere una buona idea ma il mio suggerimento potrebbe essere valido anche per un’eventuale prima volta ma ovviamente in base al tempo a disposizione magari farvi un giro tra i monumenti principali della zona di Sultanahmet (che non sono pochi).

Un salto alla Moschea Blu di Istanbul (Turchia)

Come richieste il pernottamento gratuito Turkish
(la mia esperienza personale)

Per raggiungere la Finlandia dalla Sicilia al momento della prenotazione con Turkish Airlines avevo a disposizione due opzioni con i voli Catania/Istanbul/Helsinki, ambedue con arrivo a Istanbul alle ore 22.15 ma con 2 differenti tempi attesa per il successivo volo ad Helsinki: il primo dopo 9 ore e 40 minuti invece il secondo dopo 16 ore e 40 minuti…quindi ho preferito l’ultimo per avere più tempo a disposizione (per poter fare qualche bella foto in centro) ma nello stesso tempo consapevole di aver scelto la combinazione di voli con più attesa e quindi escludermi di conseguenza dai criteri per l’assegnazione gratuita del pernottamento.
Fatta questa lunga premessa, appena scendo dall’aereo all’aeroporto Atatürk di Istanbul mi dirigo verso il controllo passaporti e una volta finito il controllo della polizia. (ricordatevi di prendere il bagaglio se l’avete, anche se personalmente vi consiglio di farvi spedire tutto direttamente alla destinazione finale e muovermi solo con il bagaglio a mano) supero la dogana e mi ritrovo nella zona arrivi.

Controllo passaporti

Controllo passaporti

Da qui, uscendo dalla porta, vado in fondo sulla destra e proprio accanto a Starbucks finalmente trovo l’Hotel Desk della Turkish Airlines.

Hotel Desk della Turkish Airlines

Hotel Desk della Turkish Airlines

Allo sportello faccio il finto tonto e mostrando la mia carta di imbarco con un’attesa superiore alle 10 ore chiedo il pernottamento gratuito …nonostante non abbia i requisiti … ma dopo un minuto di attesa la signorina mi chiede gentilmente di consegnarle la carta d’imbarco per il volo successivo (non vi spaventate, ve la riconsegneranno dopo) e di attendere 20/30 minuti nei paraggi (magari da Starbucks).

Tra un caffè e qualche post sui social ogni 10/15 minuti un addetto Turkish esce fuori e chiama una decina di nomi per riconsegnare le loro le carte d’imbarco e accompagnare il gruppo su uno shuttle in direzione dell’hotel…chissà se chiameranno anche me 🙂 Ma … dopo 30 minuti finalmente è il mio momento: sento chiamare il mio nome e cognome insieme a quello di altre persone!!! 🙂 Forse ci siamo!! 🙂 .Mi riconsegnano la mia carta d’imbarco, tutti insieme andiamo fino ad un parcheggio dove c’è minibus Turkish e si viaggia in direzione Sultanahmet verso Hotel!

Che fortuna!! Non potevo sperare meglio: un hotel 4 stelle con colazione e trasferimento dall’hotel all’aeroporto incluso, proprio nel cuore della città dove ci sono le principali attrazioni della città !! 🙂
I love Turkish Airlines!!!:)

Basilica di Aya Sofya

Basilica di Aya Sofya


LA MIA ESPERIENZA IN VOLO

Turkish Airlines per il sesto anno difila è stata eletta “Migliore Compagnia d’Europa” e “MiglioreCompagnia del Sud Europa” agli Skytrax World Airline Awards 2016, riconfermandosi la regina dei cieli del Vecchio Continente.
Scorrendo la pagina verso il basso è possibile visionare qualche foto immortalata durante i miei viaggi e personalmente devo dire che mi sono trovato veramente benissimo: aerei nuovi, personale altamente qualificato, sedute ampie e confortevoli, voli in orario, pasti e bevande gratuiti di ottima qualità e poi l’intrattenimento in volo tramite le tv veramente eccezionale con un’interfaccia migliorata e completamente ridisegnata con la possibilità di visionare file precaricati in inglese, italiano e tante altre lingue come  film, musica, giochi e anche la mappa 3D che fornisce dati informativi e interattivi riguardanti il volo, tra cui le visuali della cabina di pilotaggio e dei finestrini di entrambi i lati, immagini virtuali con animazioni 3D realistiche e la descrizione di distanza mancante, altitudine e caratteristiche geografiche.

turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_001turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_002turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_003turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_004turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_005turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_006turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_007turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_008turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_009turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_010turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_011turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_012turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_013turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_014turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_015turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_016turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_017turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_018turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_019turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_020turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_021turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_022turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_023turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_024turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_025turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_026turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_027turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_028turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_029turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_030turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_031turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_032turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_033turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_034turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_035turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_036turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_037turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_038turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_039turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_040turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_041turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_042turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_043turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_044turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_045turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_046turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_047turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_048turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_049turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_050turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_051turkish_airlines_www.giuseppespitaleri.com_052turkishairlines_logo

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Come raggiungere Cardiff in aereo-bus-treno, la Juventus approda in finale di Champions League 2017

Standard

Dopo la doppia vittoria per 2-0 e 3-1 contro il Monaco, la Juventus si prepara per la finalissima di Champions League a Cardiff contro il  Real Madrid di Zinédine Zidane.

Tutti i tifosi bianconeri sono in fermento per la seconda finale in tre anni dopo quella di Berlino persa contro il Barcellona. Le due domande più comuni in queste ora sono: “Dove si può trovare il biglietto per la partita? Come si arriva a Cardiff?

Dove si può trovare il biglietto per la partita?
Per la prima domanda la risposta ancora è molto dettagliata visto che i biglietti per la finale del 3 giugno 2017 per la Juventus a quanto pare sono soltanto 18.000 e la società sceglierà nei prossimi giorni i canali di distribuzione: si va da un minimo di 60 euro a un massimo di 390 euro.

Come si arriva a Cardiff?
Arrivare nella capitale del Galles sicuramente non è una cosa molto agevole come raggiungere le precedenti città che hanno ospitato la finale di Champions League. Teoricamente Cardiff ha un aeroporto ma è praticamente impossibile raggiungerlo dall’Italia con un volo diretto visto che non c’è nessun volo di linea programmato.
Le alternative più vicine a Cardiff sono arrivare all’aeroporto di Bristol oppure molto più comune a uno dei tanti aeroporti di Londra.


Se arrrivate all’aeroporto di Bristol allora siete a una ottantina di km da Cardiff e con un’oretta e mezza di mezzi pubblici sarete già in a Cardiff.
Vi consiglio i voli diretti con Ryanair da Bologna, Milano Bergamo, e Venizia M.Polo

Se invece arrrivate in uno degli aeroporti di Londra (Heathrow, Gatwick, Luton, Stansted o City) vi dico subito che c’è subito una notizia positiva e una notizia negativa: quella positiva è che raggiungere Londra dall’Italia è veramente facile visto che tutte le compagnia low cost hanno almeno un volo verso Londra da quasi tutti gli aeroporti ma dall’altra parte per raggiungere Cardiff vi servirà un lungo viaggio intanto dall’aeroporto al centro città e poi prendere un treno o bus per Cardiff.

Se volete risparmiare vi consiglio di prendere il bus National Express alla stazione “Victoria Coach Station” che vi porta al centro di  Cardiff in 4 ore circa a partire da 5€

Se invece volete spendere qualcosina in più e avere un servizio più celere, da Paddington Station partono i treni verso la stazione ferroviaria di Cardiff che in 2 orette circa raggiungono il Galles.


Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Norwegian Cruise Line Epic: Barcellona, Napoli (Vesuvio e Pompei), Civitavecchia

Standard

Nella scelta dei miei viaggi, una vacanza in nave da crociera non è mai stata una delle aspirazioni maggiori. Ho sempre avuto la paura di annoiarmi durante la navigazione e vedere limitato il mio concetto di svago. Per il ponte del 25 aprile ho avuto l’onore di essere selezionato per un press trip con 30 tra i blogger/giornalisti più importanti di tutta Europa tra Inghilterra, Spagna, Italia, Germania, Olanda, Danimarca e soltanto 2 per l’Italia per promuovere le tratte della Norwegian Cruise Line. Fatta questa premessa iniziale, vi dico subito che per anni mi sono sbagliato veramente di grosso e dopo questa incredibile esperienza non vedo l’ora di viaggiare di nuovo con una nave da crociera….ovviamente Norwegian 🙂


Quale nave da crociera ho preso?

Il nome della nave è Norwegian Epic ovvero la seconda più grande nave della flotta Norwegian Cruise Line lunga 329 metri, 19 ponti e una capacità di 4.100 passeggeri in occupazione doppia. Questa nave ha portato il concetto di Feel Free a un livello superiore, offrendo ai passeggeri sempre più in termini di libertà e flessibilità. “Norwegian Epic” è un nome che rende l’idea dell’imponenza e delle dimensioni della nave.
Il programma estivo 2017 della Norwegian Epic prevede crociere di 7 notti nel Mediterraneo occidentale da Civitavecchia (Roma), Barcellona e Marsiglia. Tra i porti di scalo compresi nella rotta figurano Livorno (Firenze/Pisa), Italia; Cannes, Francia; Marsiglia, Francia; Barcellona, Spagna; Napoli (Pompei), Italia, alcune delle più spettacolari destinazioni europee.

Sulla Norwegian Epic,  la Norwegian Cruise Line ha cambiato il concetto stesso di divertimento a bordo di una nave da crociera. A bordo sono disponibili servizi di intrattenimento di livello superiore. Oltre ai già apprezzati spettacoli Cirque Dreams® & Dinner e Howl at the Moon Duelling Pianos Show, la Norwegian Epic ha introdotto nuovi spettacoli di Broadway come Burn the Floor e il musical Priscilla, la regina del deserto nonchè The Cavern Club, che intrattiene ogni sera gli ospiti con le canzoni dei Beatles, assieme a quelle di altri musicisti internazionali.

 


NORWEGIAN EPIC | 23 -26 APRILE 2017
Crociera nel Mediterraneo occidentale
da Barcellona a Civitavecchia

Partire da Barcellona per me è stato proprio il massimo visto che negli ultimi anni il capoluogo della Catalogna è stata la mia seconda casa: ci sarò stato una trentina di volte soltanto tra lavoro e viaggi vari! 🙂

La cosa più logica sarebbe stata partire in aereo direttamente domenica per poi essere accompagnati in taxi al porto di Barcellona ma come mia consuetudine amo vivere la vita e sfruttarne ogni singolo attimo e quindi ho preferito arrivare a Barcellona sabato pomeriggio per godermi una città che non dorme mai tra ristoranti, caffè, pub, discoteche e locali di ogni genere, affollati da centinaia di persone che rimangono in giro per divertirsi fino all’alba.

Barcellona

Non appena arrivato a Barcellona mi rendo conto che c’è un’atmosfera particolare: i palazzi intorno alla Rambla e su tutta la città sono particolarmente impacchettati con i colori della bandiera catalana (la Senyera) e lungo le strade è un’esplosione di rose e libri su tutte le bancarelle.
Ma che sta succede a Barcellona il 22 aprile? Dopo aver chiesto mi rendo conto di essere capitato a Barcellona la vigilia di Sant Jordi ovvero il patrono della Catalogna: l’idea dietro a questa ricorrenza è che gli uomini regalano rose alle donne e le donne regalano libri agli uomini, a prescindere che si tratti di un marito, compagno, amico o conoscente.
Che fortuna…sono capitato a Barcellona in un giorno speciale senza saperlo! 🙂 Tra un rosa e un libro, non mi resta altro che fare un giretto sulla Rambla, scattare qualche foto, mangiare il delizioso Jamón Iberico, cenare con qualche tapas e trascorrere la serata con qualche cerveza 🙂


Finalmente si parte

Il risveglio dopo la notte di Sant Jordi non è mai facile … specialmente se sei rientrato a casa alle 4 🙂 Ma il pensiero di prendere la Norwegian Epic prende il sopravvento e riesco a recarmi al porto di Barcellona addirittura con un abbondante anticipo!
Il tempo di fare il check-in e mi reco subito al ponte 11 dove ho la mia bella cabina esterna con balcone che mi permetterà di assaporare l’esperienza di navigazione con quel tocco in più di classe e romanticismo specialmente al tramonto/alba, magari gustando il  “Welcome Gift” trovato in cabina: un piatto di fragole immerse nel cioccolato fondente e una bottiglia di champagne! 🙂

A bordo mi sono ritrovato immerso in una nuova realtà tra acquapark, piscine, spa, campi di calcetto, casino, teatri e decine e decine di ristoranti/bar! Più che una nave mi sembra una piccola cittadina dove non manca proprio nulla e inizio fin da subito a fare un pò di vita mondana andando allo Spice H20 (bar al ponte 15) sorseggiando un delizioso cocktail mentre la nave si allontana dal porto di Barcellona.

Dalla partenza in Catalugna delle ore 18:00 all’arrivo a Napoli trascorreranno circa 36 ore e quindi ne ho approfittato di questa giornata e mezzo a bordo per fare più attività possibili, visitare la nave e scattare tantissime foto (più di  duecento quelle caricate online) che potete visionare sotto.


Il book fotografico completo della Norwegian Epic
più di 200 foto a bordo della nave

Book fotografico completo "Norwegian Cruise Line Epic:"

Guarda il book fotografico completo “Norwegian Cruise Line Epic:”

11 consigli su cosa fare a bordo della Norwegian Epic o in generale su una nave da crociera durante la navigazione?

Ogni passeggero può decidere di fare poco o tanto in base ai propri desideri, ma chiaramente in questi casi riuscire a scegliere è davvero difficile specialmente in una nave grande come la Norwegian Epic! C’è il passeggero che viaggia solo per rilassarsi, c’è chi unisce la sua passione per il casino e il relax, c’è chi sceglie la crociera per un viaggio con la propria famiglia tra piscine e animazione, c’è chi è interessato solo alla vita mondana, c’è chi spera di trovare l’anima gemella (o almeno per una sera) e poi ci sono io! 🙂
Mi definisco un viaggiatore iperattivo e maniaco della fotografia e per tale motivo ogni nuova esperienza (a bordo oppure a terra) va fatta e immortalata in modo da poter avere una visione a 360 gradi dell’esperienza  in corso.

Per questo motivo mi sono “stressato” io per voi e vi darò un poco di  consigli pratici su cosa poter fare a bordo:

1 – Rilassarsi all’intero della Spa

La Norwegian Epic presenta uno dei più grandi complessi Spa e centri fitness mai visti a bordo di una nave da crociera per un totale di quasi 2.883 metri quadrati. La lussuosa Mandara Spa® propone 24 sale per trattamenti, due ville private per coppie, due bagni turchi Rasul, una zona dedicata all’idroterapia e una Thermal suite, un salone multiservizio, un centro fitness e un salone di coiffeur.

2 – Rilassarsi all’esterno della SPA

La zona dedicata all’idroterapia e alla suite termale riservata ad adulti, è provvista di sauna, vapori per aromaterapia, docce sensoriali e “chaise longue” in ceramica riscaldata. Oltre a tutto ciò, l’area offre un giardino tropicale con sdraio, una piscina con idromassaggio e cascate, ed un ponte esterno riservato al relax.

3 – Praticare attività sportive

E’ stata la prima nave nell’industria crocieristica ad avere a bordo una parete per calarsi a doppia corda, nonché una parete per arrampicata da 10 metri di altezza, accessibile da due livelli e con vari gradi di difficoltà. Inoltre sono disponibili tre piste da bowling nel O’Sheehan’s Bar & Grill. Ci sono un campo da basket/pallavolo/calcio, trampolino per bungee jumping, campi avventura e un’impalcatura di 7 metri per arrampicarsi chiamata Spider Web.

4 – Praticare fitness

I patiti del fitness non perderanno il loro abituale ritmo negli allenamenti durante la loro vacanza a bordo: presso il centro fitness sono disponibili 37 assistenti e 18 allenatori, un’ampia scelta di macchinari per la pesistica, zone per lo stretching e quattro differenti ambienti per fare aerobica. Per coloro che amano le attività in gruppo, la Norwegian Epic mette a disposizione più classi di fitness rispetto a qualsiasi altra nave da crociera, con possibilità di praticare yoga e pilates e di far parte di gruppi che praticano attività fisica per scolpire il fisico. Saranno inoltre disponibili istruttori per lezioni individuali, un servizio di consulenza nutrizionale e un test del metabolismo.

5 – Concedersi uno spettacolo

Dal 2015 la nave offre nuove entusiasmanti proposte di intrattenimento attraverso i grandi successi di Broadway, come il musical Priscilla, la regina del deserto e il coinvolgente spettacolo di ballo Burn The Floor. Tra le novità, il nuovissimo The Cavern Club che intrattiene gli ospiti ogni sera con le canzoni dei Beatles e di altri musicisti internazionali. Completano l’offerta di intrattenimento l’esclusivo “dinner show” Cirque Dreams & Dinner Epicurean (novità 2017).

6 – Concedersi un pasto in un ristorante specialità


Durante i pasti, si può scegliere tra i ristoranti inclusi nella pensione completa con un’ampia varietà di ristoranti dove pranzare e cenare senza ulteriori spese come il ristorante asiatico Shanghai’s e il ristorante a buffet Garden Café ma si può anche cercate veramente qualcosa di particolare a bordo con i ristoranti di specialità. Concedetevi il piacere di assaggiare le migliori pietanze proposte dagli chef come il ristorante Teppanyaki, il Sushi & Sake Bar – Wasabi dove si possono gustare sushi, sashimi e piatti giapponesi Yakitori o il Cagney’s Steakhouse dove servono una carne veramente deliziosa: pagherete un piccolo extra, ma d’altronde non c’è occasione migliore di una vacanza per lasciarsi andare a piccoli piaceri.

7 – Tentare la fortuna al casinò

Questa è una delle attività più classiche da poter svolgere a bordo. Il Casinò è un must, presente già nelle primissime navi da crociera e che non poteva mancare sulla Epic: con un po’ di fortuna potrete vincere un secondo viaggio 😉

8 – Prendersi un cocktail press l’Ice Bar

È uno dei pochi Ice bar al mondo: i led simulano le luci dell’aurora boreale e creano un’atmosfera di stile autenticamente artico. Agli ospiti (massimo 25), sono forniti abiti di pelliccia artificiale, guanti e cappelli. La temperatura all’interno è di -8°C. Per entrare, gli ospiti pagano un biglietto, con due drink compresi.

9 – Fare tutto tuffo nell’acqua park

Questo meraviglioso e grande parco acquatico dispone di tre scivoli di differente difficoltà, di cui uno specificamente pensato per i bambini. Uno degli scivoli attraversa tre ponti nel suo tortuoso ed emozionante percorso. L’Epic Plunge, acquascivolo coperto sul mare, garantisce l’emozione di un percorso di 61 metri. La forza centrifuga fa scivolare i più avventurosi, curva dopo curva, fino al tuffo finale.

10 – Relax nella vasca idromassaggio del ponte 15

Il parco acquatico dispone anche di cinque vasche per idromassaggio e di una piscina per bambini nell’area dedicata Splash and Play.

11 – The Cavern Club

Vi consiglio una serata presso il The Cavern Club ascoltando le canzoni dei Beatles con quelle di altri musicisti internazionali, in un club da 156 posti. Grazie alla collaborazione con i proprietari del Cavern Club di Liverpool (il luogo che ha visto nascere la musica pop inglese) ogni sera offre musica dal vivo.

 


Escursione a Napoli sul Vesuvio e Pompei

Se passate un giorno, un weekend o una settimana da Napoli, la visita al Vesuvio e/o Pompeii a mio parere è un’esperienza che bisogna fare almeno una volta nella vita!
Per quanto mi riguarda tutto è stato molto semplice e questa volta non do dovuto neanche sbattermi a destra e a manca per organizzare gli spostamenti, biglietti e pernottamenti vari, visto che la Norwegian Epic approfittando della sosta al porto di Napoli di mezza giornata ha organizzato un’escursione proprio sul Vesuvio e poi agli scavi di Pompei.
Da napoli si arriva sul Vesuvio in 40/50 minuti di autobus prendendo l’autostrada A3 ed uscendo a “Torre del Greco”, da li seguite le indicazione “Vesuvio” e curva dopo curva vi troverete a 1.000 mt di altezza dal livello del mare in un fabbricato sulla sinistra dove farete il biglietto di ingresso che ovviamente ho incluso nell’escursione altrimenti sarebbero stati 10 € a persona.
Da qui comincia la salita vera e propria su una strada sterrata che specialmente all’inizio vi risulterà un pò faticosa, ma la fatica vi verrà subito ripagata ampiamente dalla vista mozzafiato lungo il sentiero ma soprattutto dalla cima.
Portatevi magari una giacca a vento, acqua, occhiali da sole e cappellino e ricordatevi che in alto c’e’ un escursione termica di 8/10 gradi. Dopo 20 minuti circa di salita ripida vi troverete di fronte una casetta in legno dove vi fermerete per riposarvi ed aspettare la guida che vi spiegherà un po’ il vulcano.
Adesso che siete in cima, non vi resta altro che godetevi il cratere, la spettacolare vista che offre il vulcano su Napoli e sul golfo e dopo un piccolo break tra foto e drink, ritornare di nuovo a quota 1.000 metri per la ripartenza in autobus con destinazione gli scavi di Pompei.

Il cratere del Vesuvio

ALTRE INFORMAZIONI UTILI SE VOLETE ANDARE AUTONOMAMENTE

Orari di apertura Parco nazionale del Vesuvio:

Gennaio, Febbraio, Novembre e Dicembre
09:00-15:00

Marzo e Ottobre
09:00-16:00

Aprile, Maggio, Giugno e Settembre
09:00-17:00

Luglio e Agosto:
09:00-18:00

In auto:
percorrere l’autostrada A3 Napoli – Salerno fino all’uscita Torre del Greco e seguire le indicazioni: lungo il percorso è possibile ammirare la mostra permanente Creator Vesevo, la Chiesetta di S.Salvatore, il vecchio ed il nuovo Osservatorio Vesuviano. Parcheggiare a quota 800 e servirsi dei bus navetta che conducono alla biglietteria di quota 1000. (navetta a/r 2 Euro, parcheggio auto 5 Euro).

Book fotografico completo "Norwegian Cruise Line - escursione sul Vesuvio di Napoli:"

Guarda il book fotografico completo “Norwegian Cruise Line – escursione sul Vesuvio di Napoli:”


Dal Parco nazionale del Vesuvio agli scavi di Pompei teoricamente ci sono una ventina di minuti ma in pratica si arriva anche a 40/50 minuti visto la strada stretta e tortuosa. durante la discesa dal Vesuvio è possibile qualche ingorgo causato dai pullman che durante la salita/discesa hanno qualche problemino a percorrere simultaneamente la strada.
Scavi di Pompei
Arrivato agli scavi di  Pompei è come ripercorrere le strade della città di 2 millenni fa, sulle orme dei suoi antichi abitanti la guida ci ha illustrato i luoghi più suggestivi della città quali il Foro, le Terme, la Casa dei Vetti, il Lupanare sepolti da ceneri, i lapilli durante l’eruzione del 79 d.C. e tanto tanto altro.
Un posto da visitare veramente affascinante mi ha veramente incantato.

 

Book fotografico completo "Norwegian Cruise Line - escursione sul a Pompei:"

Guarda il book fotografico completo “Norwegian Cruise Line – escursione sul a Pompei:”

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog "I VIAGGI DI SPEEDY". Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato "de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Sofia/София (Bulgaria) – Cosa vedere, cosa mangiare, storia, foto e video

Standard

Sofia (book fotografico e video)

bandiera_mappa_bulgaria


CLICCA QUI PER VEDERE Il Book fotografico di Sofia (Bulgaria) - 2017

Il Book fotografico di Sofia (Bulgaria) – 2017

SOFIA CAPITALE DELLA BULGARIA

Sofia è la terza capitale più antica d’Europa dopo Roma ed Atene. Plasmata da popoli diversi, fattore che le da un fascino e testimonianze monumentali uniche: il suo centro è pulito, organizzato e moderno, con ottimi servizi che ti accoglieranno nel migliore dei modi.
Sofia (София in bulgaro) è ancora una destinazione insolita e quindi non è preda di orde di turisti, ciò la rende una meta economica e originale.
Nonostante sia la città più grande della Bulgaria, essa ha dimensioni talmente ridotte da rendere possibile la visita dei principali luoghi di interesse in un weekend. Il centro è molto raccolto e quindi offre il vantaggio di poter toccare tutte le attrazioni più importanti con una lunga e bella passeggiata a piedi ma attenzione che il clima di Sofia è tipicamente continentale: questo ti costerà una valigia ampia con abiti pesanti per le fredde notti e leggeri per il caldo di giorno,quindi magari cercate di vestirvi a cipolla per adattarvi con il trascorrere delle ore.


COSA VEDERE A SOFIA

Cattedrale di Alexander Nevski

Uno dei simboli di Sofia è la cattedrale di Aleksandăr Nevski, realizzata per ricordare i soldati russi morti nella guerra turco-russa. La costruzione iniziò nel 1882 e terminò nel 1912, dedicata in origine ai Santi Cirillo e Metodio e solo nel 1924 ad Aleksandăr Nevski, santo eroe della chiesa ortodossa russa.
Una sezione della Cattedrale ospita un museo di icone che arrivano da tutta la Bulgaria. Nel mercato nei pressi della Chiesa è possibile acquistare un’icona dipinta a mano a prezzi accessibili.
La Chiesa in stile neo-bizantino è alta 45 metri con un campanile che supera i 50 metri e può ospitare al suo interno oltre 5.000 persone. L’interno della Cattedrale è di gusto italiano, con decorazioni di artisti e artigiani da ogni parte d’Europa.

Palazzo Nazionale della Cultura

Il Palazzo Nazionale della Cultura, chiamato da tutti gli abitanti di Sofia NDK ed è anche una delle principali attrazioni della capitale bulgara e si trova a circa 20 minuti a piedi dal centro di città. All’interno di questo edificio dall’aspetto di un castello potrete visitare interessanti mostre e assistere a spettacoli di musica dal vivo.
Per via della sua pianta ottagonale, il centro culturale viene spesso scambiato per una moderna fortezza. Sugli otto piani del palazzo troverete 13 sale adibite a spazi espositivi e diversi ristoranti. Ciascuna sala è decorata con affreschi, mosaici e sculture, gran parte dei quali sono dedicati a personaggi ed eventi che hanno fatto la storia della nazione.
Dopo aver visitato il palazzo, concedetevi una rilassante passeggiata su Boulevard Vitoša, la principale via dello shopping a Sofia.

Vitoša Boulevard

Se cerchi negozi e locali per shopping e divertimento devi assolutamente percorrere Vitosha Boulevard, una delle strade principali della città, luogo d’incontro e di svago privilegiato. Lungo la lunga via resa di recete pedonale, troverai eleganti negozi con I grandi nomi della moda internazionale oltre ad altre tantissime boutique, ristoranti, locali.

Lungo il percorso di Vitosha Boulevard incontrerai anche importanti palazzi e spazi cittadini come il Palazzo della Cultura con il bel parco che lo circonda, Il Palazzo di Giustizia e la grande Moschea di Banya Bashi, che dal cinquecento è uno dei simboli del dominio turco. Alle spalle della Moschea potrai rilassarti nelle Terme di Sofia.

Chiesa di Santa Sofia

L’antichissima chiesa risale al VI secolo dopo Cristo, l’epoca dell’Imperatore Giustiano e da addirittura il nome alla Città. La chiesa conserva i segni di profonde trasformazioni avute nel corso della storia, raccontando il movimentato passato di Sofia. L’edificio passa, infatti, da luogo di culto cristiano occidentale a chiesa orientale, trasformata poi in Moschea sotto il dominio turco, ritorna chiesa ortodossa dalla fine dell’ottocento.
Tra l’edificio e l’esterno si possono vedere i resti dell’arte dei primi anni del cristianesimo e una  necropoli romana. Come puoi vedere a Sofia, Bulgaria, luoghi d’interesse non mancano.

Teatro Nazionale Ivan Vazov

Il Teatro Nazionale è uno dei simboli di Sofia e affaccia su un rilassante Parco, dedicato al più importante scrittore–autore Bulgaro. Fondato nel 1904 e costruito in stile neoclassico, è il teatro più antico e prestigioso della capitale. La sua storia è segnata dalla sfortuna: negli anni venti un incendio lo danneggiò seriamente e durante la seconda guerra mondiale fu colpito dai bombardamenti.
Oggi è un moderno e attrezzatissimo teatro, dove vengono messe in scene opere famose in cui si esibiscono prestigiosi musicisti, cantanti e attori, ospitando circa mille spettatori.

La rotonda di San Giorgio (Sveti Georgi)

La chiesa di San Giorgio è un edificio paleocristiano del IV secolo d.C.,  il più antico della città, costruito quado Sofia era ancora la romana Serdica, importante centro della Tracia. È riconoscibile dai mattoni rossi utilizzati per la costruzione. La chiesa in origine spoglia, fu affrescata con splendidi dipinti tra il X e il XIV secolo; anche la chiesa di San Giorgio fu convertita in Moschea durante la dominazione ottomana e oggi è ritornata ad essere un luogo di culto cristiano.
La Chiesa di San Giorgio è circondata da un’importate area archeologica dove è possibile vedere quello che resta dell’antica città romana di Serdica e, poco distante, troverai il Palazzo del Presidente della Repubblica.

Piazza Aleksandar Battenberg

La piazza, in pieno centro di Sofia, è stata il cuore della Bulgaria Comunista; ospitava infatti la sede del Partito Comunista e il Mausoleo di Georgi Dimitrov, fondatore del socialismo bulgaro. Nella piazza si affaccia l’antico Palazzo Reale diventato in epoca ottomana la sede del tribunale e successivamente restaurato per volere del Principe Aleksandar Battenberg, durante la dominazione Russa; il palazzo, immerso in un parco, è oggi Il Museo Nazionale d’Arte, con una ricchissima collezione di opere d’arte Bulgara.

Poco distante dal Palazzo del Museo Nazionale d’Arte, percorrendo l’importante Boulevard Osvoboditel I, potrai visitare anche il Museo di Storia Naturale e accanto l’incantevole Chiesa russa di San Nicola.

Chiesa russa di San Nicola a Sofia

 

Percorrendo Boulevard Tsar Osvoboditel rimarrete colpiti da una delle più suggestive architetture di Sofia. La Chiesa di San Nicola, commissionata da un diplomatico Russo, fu realizzata  agli inizi del novecento imitando lo stile russo del XVII secolo. L’edificio è caratterizzata dal colore verde e oro dei tetti e delle cupolette in contrasto al bianco delle pareti. L’interno è decorato da affreschi, ricorda in tutto una chiesa ortodossa russa, con l’iconostasi, in ceramica, che divide lo spazio dell’altare e le pitture nello stile della Scuola di Novgorod.
Il monumento, seppur non antico, è uno dei luoghi più visitati e caratteristici della capitale, simbolo dell’ecletticità di Sofia.

Chiesa di Sveta Petka

La Chiesa di Santa Petka, patrona dei lavoratori di cuoio, è una chiesa ortodossa di epoca medievale. Per trovarla è sufficiente seguire il campanile che si staglia in alto. Il resto della chiesa è abbastanza nascosto e il tetto è l’unica cosa che si trova a un livello un po’ più alto di quello del suolo. Se considerate che il livello del terreno in passato era più basso, questa chiesa sembra appartenere all’epoca romana. In realtà la chiesa è stata costruita sotto il livello del terreno perché durante l’occupazione ottomana, la religione ortodossa veniva tollerata a condizione che le chiese di questa confessione non risultassero visibili.
La cripta della chiesa è stato scoperta durante gli scavi effettuati dopo la seconda guerra mondiale.
L’ingresso costa 3 euro ed è vietato scattare foto in modo da non danneggiare i dipinti.
La chiesa è menzionata nei documenti a partire dal XVI secolo e fu costruita al posto di un edificio religioso di epoca romana. È dedicata a Santa Petka, una santa bulgara del XI secolo. Nel Medioevo si sa che la confraternita dei lavoratori di cuoio veniva a compiere dei rituali presso questa chiesa. Questo luogo è oggi molto animato e pieno di attività commerciali nelle vicinanze.

Sveti Sedmochislenitsi

La chiesa, col nome di “Sveti Sedmochislenitsi” (“I sette santi” della tradizione ortodossa, cioè Cirillo, Metodio e cinque dei loro allievi), in principio era una moschea chiamata “La Moschea Nera” per il colore scuro del granito del minareto ma andata in parte distrutta, venne poi ricostruita ed inaugurata il 27 luglio 1903 ma gli affreschi interni, però, vennero completati solo molti anni dopo, nel 1996.
Si trova nella via del mercato della frutta e dove ci sono molte bancarelle di libri.

Monumento all’Armata Rossa

E’ questo il più grande monumento dedicato all’Armata Rossa in Bulgaria. Imponente sia per le dimensioni sia per la varietà degli elementi architettonici che ospita. Divenne rapidamente una specie di prototipo per la successiva serie di strutture commemorative dedicate a esprimere plasticamente, seguendo le indicazioni del Partito, la gratitudine del popolo bulgaro verso i secondi liberatori sovietici (i primi, nella storiografia promossa dal regime, erano i russi del 1877-78) . Venne inaugurato con una solenne cerimonia nel X anniversario della “rivoluzione socialista” in Bulgaria (1954).
La scultura centrale poggia su un alto piedistallo, circondato da una scalinata e da una piattaforma per le cerimonie politiche: raffigura un soldato sovietico che avanza, trionfante; ai lati, quasi trascinati dal suo vigore, lo seguono due bulgari, un operaio e una contadina. Le articolate composizioni che coprono i lati del basamento e i due complessi scultorei posti all’ingresso dell’area monumentale ospitano numerose allegorie dedicate a commemorare la lotta vittoriosa della Armata rossa e i successi del Partito nella opera di ricostruzione. Dopo il 1989 l’intera area fu oggetto di frequenti contestazioni. Le richieste di smantellamento si susseguirono però senza successo. Il grande monumento continua quindi a caratterizzare ancor’oggi il profilo della città.

Mercatino dell’antiquariato in stile sovietico

 

Nei vialetti antistanti e circostanti la (bellissima) Cattedrale Alexander Nevsky, ogni giorno c’è un mercatino delle pulci in cui è possibile trovare vecchi cimeli di guerra, oggetti con simboli socialisti, icone sacre e antiche macchina fotografiche. Ma non solo, come in molti mercatini dell’antiquariato in molte capitali europee è anche possibile trovare oggetti di artigianato moderno ma anche  orologi, bambole, bigiotteria, vecchie foto, riviste e libri (beh, ovviamente in caratteri cirillici e lingua bulgara).

Mercatino delle icone sacre

Sempre nei vialetti antistanti e circostanti la Cattedrale Alexander Nevsky che ho appena citato c’è un’area specifica del parco dedicata alle icone sacre della chiesa ortodossa.

Statua di Santa Sofia

Situata nel cuore commerciale di Sofia tra le due strade trafficate di Maria Louisa Blvd e Todor Alexandrov Blvd, la statua fu eretta con non poche polemiche nel 2001 per rimpiazzare quella di Lenin che evidentemente al nuovo governo democratico non andava molto a genio. Polemiche perché la statua sembrava troppo erotica e troppo pagana per rappresentare Sofia ed in effetti a vederla non sembrerebbe proprio la statua di una “santa”.
La statua, in rame e bronzo si trova proprio all’uscita del metro di Serdika ed è adornata di simboli: la corona che simboleggia il potere, l’alloro (fama) e il gufo (la saggezza).

La Chiesa di Bojana

Un  tuffo nel medioevo Bulgaro. La chiesa di Bojana, dal nome del quartiere di Sofia, nel 1979 è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, grazie agli straordinari affreschi realizzati a partire dal 1259. Una parte dell’edificio a due piani fu costruita tra la fine X e l’inizio dell’XI secolo, mentre la parte centrale fu realizzata ai tempi del  Secondo impero bulgaro, nel XIII secolo. La chiesa e i suoi affreschi sono tra i migliori esempi dell’arte medievale in Europa orientale.
Le immagini rappresentate hanno una grande espressività con molti dettagli che testimoniano la tradizione religiosa ed eventi e personaggi storici di rilievo, tra cui I ritratti quelli dello zar bulgaro Costantino Tikh e della zarina Irina; le immagini e le suggestioni che trasmettono ti regaleranno un’esperienza unica.

Moschea Banya Bashi

E’ l’unica moschea in tutta la Bulgaria con una cupola (di ben 15 metri di diametro) sopra una struttura a pianta quadrata. La moschea ancora porta il nome dell’architetto Mimar Sinan (che ha progettato anche la Moschea Blu di Istanbul), anche se in realtà sembra che a costruirla furono i suoi discepoli.
Ogni giorno, dal minareto il muezzin chiama i fedeli a pregare: la preghiera era talmente forte che ultimamente è stata presa la decisione di “abbassare il volume” per non disturbare chi vive nelle vicinanze.

Bagni Pubblici Centrali

DCIM104GOPROGOPR6596.JPG

Il bellissimo palazzo oggi non funziona più come Bagno pubblico, ma ospita il Museo di Sofia e fa da sfondo ad un parco fiorito.
Realizzato dall’architetto Petko Momchilov, uno dei più stimati ed influenti architetti dell’epoca in tutta la Bulgaria, il palazzo fu terminato nel 1908 in stile neo bizantino e ospitava una grande piscina comune e due ali separate, una per gli uomini e una per le donne dal momento che si era soliti fare il bagno nudi nell’acqua termale.


I Musei di Sofia

Sofia, come altri capitali europee, è ricca di musei. Ti ho già presentato alcuni tra i più importanti ma ne restano molti altri:
Da visitare c’è sicuramente il Museo Nazionale di Storia, nel quartiere di Boyana, ai piedi del Monte Vitoša; il museo conserva una straordinaria collezione di reperti che testimoniano l’antichissima e complessa storia della Bulgaria, tra cui il tesoro dei Traci.

Nel centro, a pochi passi da Piazza Aleksandar Battenberg , c’è il grande Museo Archeologico. Nel Parco lungo Boulevard Cherni Vrah c’è l’Earth and People National Museum, uno dei musei mineralogici più grandi al mondo, e accanto il Museo di Arte Contemporanea.

Altro punto nevralgico per la cultura a Sofia è l’area che circonda la Cattedrale di Alexander Nevski dove, tra accademia e istituti culturali, troverai il Museo d’Arte Straniera, con raccolte di opere da ogni parte del mondo.


COSA VEDERE NEI DINTORNI DI SOFIA

Se il tuo soggiorno a Sofia è lungo abbastanza da permetterti di allontanarti dalla città e visitare i suoi dintorni ci resta ancora qualche cosa da vedere in Bulgaria.