Belgrado-Belgrade-Бeoгpaд-Beograd (Serbia-Србија, Srbija) – Cosa vedere, storia, foto e video

Standard

Belgrado (book fotografico e video)

bandiera_mappa_serbia

 

 

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL Book fotografico di Belgrado (Serbia)

Book fotografico di Belgrado (Serbia)


 

Belgrado (in serbo Бeoгpaд / Beograd) è la capitale della Serbia.

Si trova nella provincia della Serbia centrale, nel punto di confluenza tra i fiumi Sava e Danubio, dove il territorio della Penisola Balcanica incontra la Pannonia. É una delle citta più antiche d’Europa. Con una popolazione di 1.166.763 abitanti secondo una stima ufficiale del 2011, quella di Belgrado è l’area metropolitana più popolosa dell’ex Jugoslavia, nonché la terza nell’Europa sudorientale, dopo quelle di Atene e di Bucarest; l’estensione superficiale dell’area urbana occupa il 3,6% del territorio della Serbia e vi risiede il 21% della popolazione serba (escludendo quella della provincia del Kosovo).

La città possiede uno status che le conferisce una maggiore autonomia rispetto altri centri urbani della Serbia. È divisa in 17 comuni, dotati anch’essi di una propria autonomia organizzativa. Belgrado non solo è la capitale economica e finanziaria della Serbia, ma anche culturale e scientifica, ed è uno dei principali luoghi turistici della nazione.

Nel 4800 a.C. circa, nell’area dell’attuale città di Belgrado si sviluppò la cultura Starčevo. Il medesimo territorio fu occupato alcuni secoli dopo dal popolo dei Vinča. Nel III secolo a.C. i Celti fondarono un villaggio nella zona che oggi è il centro storico di Belgrado, che fu, successivamente, conquistato dai Romani, che gli diedero il nome di Singidunum. Dal IX al XVI secolo Singidunum fu, alternativamente, sotto il potere dei Bizantini, dei Bulgari, dei Magiari e dei Serbi. Nel 1521, gli Ottomani la conquistarono. Tra il XVII secolo e il XVIII secolo Belgrado fu più volte espugnata e perduta della Casa d’Asburgo. Dopo la definitiva liberazione, nel 1841, dal dominio turco, divenne la capitale del Principato di Serbia, che, nel 1882 fu rinominato Regno di Serbia. La città fu capitale della Jugoslavia dal 1918 al 1991.

Istituzioni culturali

In città hanno sede numerose istituzioni culturali: tra le altre, notevole importanza ricoprono l’Accademia serba delle scienze e delle arti, la Biblioteca nazionale serba, la biblioteca della città di Belgrado e il planetarium.

Belgrado ospita diversi centri culturali stranieri, come l’istituto Cervantes, il Goethe Institut e l’Institut Français, che si trovano in Ulica Knez Mihailova. Oltre a questi, sono presenti l’American Corner, l’Österreichisches Kulturforum, il British Council e il Centro russo della scienza e della cultura (Российский центр науки и культуры), il Confucius Institute, il Canadian Cultural Center, l’Istituto italiano di cultura e il Centro culturale della Repubblica d’Iran.


Musei

Il museo più importante e più visitato di Belgrado è il Museo Nazionale di Serbia, eretto nel 1844, che ospita più di 400.000 opere[42] tra reperti archeologici, dipinti e sculture dal Medioevo ai giorni nostri e pezzi di numismatica. Uno dei capolavori presenti è il celebre Vangelo di Miroslav.

Nel Museo della Storia Militare sono ospitati più di 25.000 oggetti militari, risalenti ai tempi antichi dell’Impero Romano e a quelli moderni, come il Lockheed F-117 Nighthawk, unico esemplare mai abbattuto.

Il Museo della città di Belgrado ha una sezione archeologica che esibisce più di 300 reperti dei primi insediamenti umani della città, una sezione storica che presenta collezioni di armi, cartine e documenti originali, un dipartimento di storia culturale e un dipartimento di conservazione.

Il Museo dell’Aeronautica espone 200 tipi di aerei storici, alcuni dei quali provenienti dagli Stati Uniti d’America, donati dall’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO) o molto rari come il Fiat G.50. Cinquanta tra i velivoli presenti sono in vendita.

Il Museo etnografico, attivo dal 1901, contiene al suo interno oltre 150.000 repertiche che raccontano per lo più la cultura antica e moderna dei Balcani, e in particolare quella della ex Jugoslavia.

Il Museo di Arte Contemporanea ospita una collezione di 8.540 opere provenienti da tutta la Jugoslavia, prodotte dal 1900 a oggi.

Il Museo Nikola Tesla, aperto nel 1952, conserva i reperti e i documenti riguardanti Nikola Tesla, fra cui circa 160.000 documenti originali dello scienziato, e circa 5.700 oggetti tra giornali e libri, fotografie, apparecchi tecnici e modelli, piante e progetti.

Il Museo di Vuk Stefanović Karadžić e Dositej Obradović, ospita i lavori di Vuk Stefanović Karadžić e Dositej Obradović, che diedero origine alla Rivoluzione della Scrittura Serba nel XIX secolo e furono Ministri dell’Educazione della Serbia.

Il Museo di Arte Africana, costituito nel 1977, ospita una collezione di oggetti provenienti dall’Africa, come sculture cultuali e oggetti di uso comune delle diverse tribù del continente.

 

Architettura

Gli edifici più antichi di Belgrado risalgono alla prima metà del XIX secolo: le precedenti costruzioni, se si eccettuano i resti delle mura e di una turbe (tomba gentilizia) ottomana della cittadella fortificata, andarono, in gran parte, distrutte nelle diverse guerre nelle quali la città fu coinvolta. Dopo la conquista dell’autonomia della Serbia dall’Impero ottomano, le strutture di epoca turca, case private, moschee, madrase, caravanserragli, furono sostituite dai nuovi edifici previsti dal piano regolatore[44].

La prima area della città ad essere costruita dai serbi fu quella di Kosančićev Venac, a ridosso della fortezza, dove furono edificate case basse, simili a quelle presenti nel quartiere di Zemun, lungo la riva sinistra del Danubio, d’ispirazione austriaca, e la Cattedrale di San Michele del 1837 nello stile classicista con elementi barocchi. Le prime nuove costruzioni della città furono opera di architetti e maestranze straniere, in particolare italiani, tedeschi e cechi, per la scarsità di professionisti del settore in Serbia. Questi artisti importarono a Belgrado i gusti e gli stili architettonici più in voga all’epoca nell’Europa occidentale, quali il Neoclassicismo, l’Art Nouveau, l’Art pompier, il Secessionismo e il Romanticismo e lo stile neorinascimentale.

I più importanti edifici storici di Belgrado furono costruiti tra la seconda decade dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Il Teatro Nazionale, opera del serbo Aleksandar Bugarski, eretto nel 1869, è in stile neorinascimentale come l’edificio del Museo nazionale sulla stessa Piazza della Repubblica. Il Palazzo Vecchio, attualmente, sede dell’Assemblea cittadina, anch’esso opera di Bugarski è in stile accademico come l’edificio del Parlamento serbo del 1907. Nei linguaggi dell’architettura europea, vennero costruite le numerose abitazioni e i pubblici palazzi della via Knez Mihailova e, in genere, del centro storico della città. Esempi di architettura neobizantina, invece, sono la chiesa di San Marco, eretta tra il 1931 e il 1940, che si ispira al monastero di Gračanica, e il tempio di San Sava, la più grande chiesa ortodossa del mondo.

Durante il periodo della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, furono velocemente costruiti nella periferia palazzi residenziali per offrire alloggi alla gente proveniente dalle campagne. Queste abitazioni sono considerate i migliori esempi di brutalismo a Belgrado, che non mancano nemmeno nelle zone centrali come Terazije. Il realismo socialista ebbe, in architettura, un breve ma importante ruolo nella città: un esempio di questo stile è la Casa del Sindacato, in Piazza Nikola Pašić.

Altre rilevanti costruzioni a Belgrado sono stati costruiti negli ultimi decenni del Novecento in stili, spesso, in contrasto con quelli degli edifici circostanti. Un esempio è la Beograđanka, un grattacielo alto 101 metri, eretto tra il 1969 e il ’74. Nuovi quartieri come Novi Beograd sono caratterizzati da costruzioni di gusto contemporaneo come la Torre Ušće o la Beogradska arena e da numerosi esempi di brutalismo.

Turismo

La zona della città maggiormente visitata è quella centrale, in particolare la municipalità di Stari Grad, che è meta di turismo per la presenza di edifici storici e spazi culturali quali musei e sedi di mostre.

I luoghi più famosi sono la via Skadarlija, la Piazza della Repubblica su cui si affacciano il Museo nazionale e il Teatro Nazionale, la via Knez Mihailova, il parco Kalemegdan, la zona di Terazije con la Piazza Nikola Pasić su cui sorge il Parlamento e, oltre il Parco dei Pionieri, il Palazzo Vecchio e il Palazzo Nuovo. Nelle diverse zone del centro città, i turisti affollano i caffè e i ristoranti tradizionali, e si dedicano allo shopping nei centri commerciali o nelle vie in cui c’è una maggior concentrazione di negozi di grandi firme.

Ad di fuori del distretto della città vecchia c’è il quartiere di Zemun, noto per la sua Torre del millennio, il parco Topčider e la Kuća Cveća (il mausoleo del Maresciallo Tito), nella municipalità di Savski Venac.

Nella municipalità di Čukarica c’è l’Ada Ciganlija, l’isola sul fiume Sava col suo lago artificiale lungo il quale ci sono 7 chilometri di spiagge. Qui si possono praticare sport come golf, calcio, pallacanestro, pallavolo, rugby, baseball, tennis o sci nautico. I turisti la raggiungono anche per passeggiare nei suoi boschi e mangiare all’aperto nei numerosi chioschi.

Il punto più elevato di Belgrado è il monte Avala su cui sorge il Monumento al Milite Ignoto e da cui si gode un bellissimo panorama della città.

Alla confluenza tra la Sava e il Danubio sorgono due isole: la Grande isola della guerra e la Piccola isola della guerra che costituiscono un’oasi naturale protetta in cui vivono diverse specie di uccelli e pesci.

Vita notturna

Parte dell’economia di Belgrado ruota intorno alla vita notturna che è molto ricca e variegata. In diverse zone della città si possono trovare club dove ascoltare musica o assistere a spettacoli di cabaret, discoteche, casinò, bar, ristoranti e locali aperti fino all’alba.

Particolarmente nei fine settimana, giovani provenienti dalla Slovenia, dalla Croazia e dalla Bosnia ed Erzegovina, facilitati dalla somiglianza linguistica e dalle leggi permissive, affollano le strade della città per godersi l’atmosfera giovanile e consumare le bevande che vengono vendute a prezzi contenuti.

Le zone in cui è presente il maggior numero di bar e ristoranti sono Skadarlija e la via Knez Mihailova con le sue traverse, il quartiere di Novi Beograd e le rive di fiumi. A Skadarlija si può vivere la Starogradska (letteralmente Musica della città vecchia), con concerti di musica tradizionale che accompagnano le cene nei ristoranti che sono i più antichi e rinomati di Belgrado.

I più famosi club notturni sono l’Akademija, il KST (Klub studenata tehnike), frequentati perlopiù dagli studenti dell’Università di Belgrado, lSKC (Studentata Kultural Centre), locale alternativo situato nel palazzo della Beograđanka dove si svolgono numerosi concerti di band locali e si tengono mostre, spesso caratterizzate da polemiche.

Numerose sono anche le birrerie che servono, in particolare, birre prodotte in Serbia o negli altri Paesi dei Balcani.

Negli ultimi anni, anche la vita notturna gay si è sviluppata nella capitale serba con l’apertura di diversi locali dedicati, nonostante nel Paese l’atteggiamento verso l’omosessualità sia spesso di ostilità.

 

 

 

 

 

Travel blogger, fotografo ed influencer per diversi siti web ma soprattutto per il mio blog “I VIAGGI DI SPEEDY”. Ho visitato 43 nazioni diverse e uno stato “de facto” come la Transnistria. Brand Ambassador per diverse aziende italiane e internazionali. Fondatore del fanclub unofficial su Luciano Ligabue più famoso del web lucianoligabuefanclub.com

Altri articoli interessanti